Sabato, 25 settembre 2021 - ore 14.41

Dalla Spagna si conferma che capo fronte separatista in Marocco è in ospedale

Il Quotidiano "La Razon" riporta che " L'unità di polizia prevede di inviare domani al giudice un rapporto completo sullo stato di salute di Ghali.

| Scritto da Redazione
Dalla Spagna si conferma  che capo fronte separatista in Marocco è in ospedale

La polizia iberica conferma che il capo del fronte separatista in Marocco si trova in un ospedale di Logroño e che è entrato con documenti falsi.

Il Quotidiano "La Razon" riporta che " L'unità di polizia prevede di inviare domani al giudice un rapporto completo sullo stato di salute di Ghali.

Con lui in mano, Pedraz deciderà se - come tutto indica - rimandare la sua dichiarazione fino a quando non sarà in grado di renderla. Ero programmato per venerdì. Ghali farà una dichiarazione in relazione alla denuncia presentata dal blogger dissidente El Fadel Breika, per i  presunti crimini di detenzione illegale e tortura. In una dichiarazione rilasciata all'epoca dal Consiglio Onu per i diritti umani (HRC) a Ginevra, si denunciava “la repressione e gravi abusi commessi dai torturatori del Polisario contro gli abitanti dei campi di Tindouf " 

https://www.larazon.es/espana/20210505/od3mm6olb5cebavcnkq6wafezu.html 

 Nei giorni scorsi l'agenzia EFE aveva  rilanciato la notizia che :  ” Il leader dei separatisti del Polisario, il cosiddetto Brahim Ghali, attualmente ricoverato in un ospedale di Logrono in Spagna, è chiamato a comparire davanti ai tribunali spagnoli mercoledì prossimo, per un caso di rapimento e tortura, abbiamo appreso lunedì dal denunciante tale citazione, che segue una denuncia presentata da Fadel Breika, è stata confermata anche da fonti giudiziarie di Madrid , citate dai media locali.

 “Sono stato rapito per quasi cinque mesi e torturato nelle carceri dei campi di Tindouf per il semplice motivo di aver chiesto la luce sul destino di Ahmed Khalid, rapito dai servizi segreti algerini dal gennaio 2019”, ha detto il signor Breika. Inoltre, ha detto, “ho denunciato sui social l’arruolamento di bambini soldato da parte del fronte Polisario e gli atti violenti dei suoi dirigenti”.

  “Attraverso questa denuncia e l’apparizione di questo criminale e di altri dirigenti del Polisario, chiedo che sia resa giustizia a tutte le vittime delle atrocità del Polisario” *, ha indicato.

 Secondo  EFE, Fonti giudiziarie hanno confermato all’agenzia che il giudice istruttore della Corte n. 5 dell’udienza nazionale di Madrid, Santiago Pedraz Gómez, ha emesso un mandato per ascoltare il capo di il Polisario, Brahim Ghali, attualmente ricoverato all’ospedale San Pedro de Logroño.

 Questo caso oltre a provare la vivacità delle società civile spagnola, e delle istituzioni giudiziarie . Dimostra come ancora una volta i diritti umani non possono essere una cosa di secondo piano.

 La dignità delle donne, dei bambini non possono essere considerati fatti secondari. Una Nazione si valuta anche sul peso che da ai diritti umani.  Come moralmente possiamo ancora avere rapporti economici, politici con Nazioni che calpestano i diritti dell’uomo e del cittadino.

 La giustizia sicuramente farà il suo corso ma dobbiamo tutti riflettere sul peso che la centralità dell’uomo e dei suoi diritti inviolabili non possono essere calpestati: Del resto la magistratura spagnola ha dimostrato di sapere agire in difesa dei diritti umani contro le dittature del sud America .

 L'auspico è che nel prossimi mesi si faccia chiarezza e giustizia due aspetti che l'Europa deve esigere

 Gruppo per il dialogo Euro Mediterraneo

fonte: Marco Baratto

306 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online