Lunedì, 15 luglio 2024 - ore 10.59

ECCO I 10 ANEDDOTI MENO CONOSCIUTI SUGLI ASCENSORI

WORLD ELEVATOR DAY, DALL’ANTICA ROMA A NEW YORK FINO ALLA CONQUISTA DI SOCIAL, MUSICA E CINEMA

| Scritto da Redazione
ECCO I 10 ANEDDOTI MENO CONOSCIUTI SUGLI ASCENSORI

Dall’amore di una scala e di una porta nacque l’ascensore”: con queste poche e semplici parole l’aforista Fabrizio Caramagna definisce un’invenzione caratterizzata da una storia che può essere suddivisa in due fasi specifiche. Secondo una serie di ricerche condotte su testate internazionali da Espresso Communication per KONE, multinazionale leader proprio nel settore degli ascensori e delle scale mobili, esiste una prima “elevator age” in cui l’ascensore, nato nel lontano 236 A.C. grazie ad Archimede, veniva utilizzata solo ed esclusivamente per trasportare materie prime o materiali di costruzione. Proseguendo all’anno 1000, all’interno del “Libro dei Segreti” dell’ingegnere arabo Ibn Khalaf al-Muradi si parlava di un impianto di sollevamento utile a spingere un grande ariete contro la fortezza dei propri nemici. E ancora, nel XVII secolo la scena viene letteralmente catturata da Luigi XV che, per portare le amanti nelle proprie stanze in gran segreto, aveva installato la cosiddetta “sedia volante”, ovvero un miniascensore sconosciuto alla corte. Nonostante la creatività del Re di Francia, l’Oscar della elevator history appartiene a Leonardo da Vinci, che ideò il primo servizio dotato di azionamento a vite, molto più performante e sicuro rispetto ai più antichi basati su paranchi e verricelli. Si tratta di un passo in avanti fondamentale perché da quel momento inizia la seconda “elevator age”, inaugurata ufficialmente il 23 marzo 1857 grazie al primo ascensore della storia in grado di trasportate in totale sicurezza le persone da un piano all’altro. Questo primo human elevator è stato installato a New York, all’interno dell’E.V. Haughwout Building di Manhattan. Vista la rilevanza dell’accaduto, il 23 marzo diviene una data talmente simbolica che nasce una giornata ad hoc, ovvero il World Elevator Day, utile a celebrare ogni anno l’ascensore in quanto servizio innovativo che simboleggia valori come l’accessibilità e l’inclusione e che strizza sempre più l’occhio alla sostenibilità.

 

A livello prettamente storico si resta sempre a New York, perché proprio nella Grande Mela nel 1870 l’Equitable Life Building è divenuto il primo complesso per uffici dotato di ascensori per passeggeri. Dagli Stati Uniti si passa all’Europa, nello specifico alla Germania, che nel 1880 detiene la costruzione del primo ascensore elettrico, mentre a partire dal 1900 i sistemi di montacarichi automatici sono ufficialmente disponibili sul mercato. E in Italia? Le radici dell’ascensoristica made in Italy portano gli esperti a guardare indietro, vale a dire al 1844 e alla Reggia di Caserta grazie all’architetto Gaetano Genovese. Tornando all’attualità, gli elevator non sono più semplici strumenti che trasportano persone e professionisti, ma dei veri e propri strumenti in grado di rivoluzionare le città, spingendo queste ultime verso un futuro sempre più green e avveniristico. “L’ascensore ha una storia lunga e gloriosa – afferma Giovanni Lorino, amministratore delegato di KONE Italia – Ci sono molte figure dietro alla sua continua evoluzione e, in quanto realtà leader del settore, siamo consapevoli che ci sono ancora molti capitoli da scrivere. A questo proposito, le smart city dei prossimi anni potranno essere tali solo ed esclusivamente grazie a servizi all’avanguardia utili a ridurre consumi e sprechi di energia. E non bisogna dimenticare l’impatto con le tecnologie avanzate e, nello specifico, con l’IA che sarà un valido alleato per approdare nella nuova e imminente terza «elevator age»”.

 

Alle parole di Lorino fanno seguito ulteriori indicazioni e dati che vedono negli ascensori dei veri e propri attori protagonisti dell’attualità. Le prime conferme in merito giungono dai social: infatti, l’hashtag #elevator conta quasi 1,5 milioni di contenuti su Instagram e l’hashtag #ascensore, invece, 108mila. E su TikTok? Il primo vanta quasi 3 miliardi di visualizzazioni e il secondo circa 69 milioni. Si passa al mondo del cinema con gli ascensori che diventano contesti di film indimenticabili come il primo bacio appassionato tra i protagonisti di “Cinquanta Sfumature di Grigio”, la scoperta del magico e dolcissimo universo di Willy Wonka, la terrificante e sanguinosa scena proveniente da “The Shining” e il combattimento all’ultimo pugno offerto da Captain America e dai suoi nemici in occasione di “The Winter Soldier”. Esiste persino una serie denominata “The Elevator”, in cui i singoli episodi raccontano le disavventure vissute dai singoli condomini a causa proprio dell’ascensore che risulta quasi sempre fuori uso. Poteva forse mancare la musica all’interno dell’analisi elaborata? Assolutamente no: dalle canzoni intitolate “Elevator” a firma dei Florida e di Eminem alla celebre “Love in an Elevator” degli Aerosmith, fino a “L’Ascensore” di Adriano Celentano e all’omonima canzone prodotta da Ambra Angiolini. Il viaggio alla scoperta del mondo dei montacarichi prosegue all’insegna della creatività e del design: tra i casi più noti, risulta importante segnalare l’America’s Society di Park Avenue che ha trasformato l’elevator presente nell’atrio del proprio quartier generale in un’opera artistica permanente che ritrae il Chimborazo, ovvero la montagna più alta dell’Ecuador, paese natale dell’artista.

 

Ecco, quindi, di seguito i 10 aneddoti più sorprendenti e curiosi relativi al mondo degli ascensori:

1)        236 A.C.: l’anno in cui Archimede realizzò il primo montacarichi della storia, svelando che poteva essere molto utile soprattutto per svolgere al meglio le mansioni lavorative di tutti i giorni.

 

2)        Il Libro dei Segreti: è la pubblicazione redatta dall’ingegnere Ibn Khalaf al-Muradi che parla degli ascensori in quanto strumenti utili a sollevare anche gli arieti per scopi militari o battaglieri. 

 

3)        La sedia volante: è il nome del sistema realizzato da Luigi XV nel XVII secolo per trasportare le proprie amanti all’interno delle sue stanze senza essere scoperto dalla corte dell’epoca.

 

4)        Leonardo da Vinci: è il nome della persona che ha dato il via all’evoluzione dell’ascensore grazie al suo avveniristico sistema di azionamento a vite.

 

5)        New York: è la città madre di tutti gli elevator, poiché ha accolto, rispettivamente nel 1857 e nel 1870, il primo ascensore a misura d’uomo e il primo elevator inserito in un edificio aziendale.

 

6)        Germania: lo Stato europeo che ha lanciato i primi montacarichi elettrici, i quali, sin dal principio risultavano più veloci e performanti delle altre versioni presenti al ridosso del Novecento.

 

7)        Reggia di Caserta: è il complesso che, grazie all’inventiva e alle competenze dell’architetto Gaetano Genovese, ha accolto il primo impianto di sollevamento 100% made in Italy.

 

8)        The Elevator: in questo caso si parla di una serie televisiva americana che racconta le disavventure vissute da grandi e piccini a causa dell’ascensore presente all’interno del loro condominio.

 

9)        L’Ascensore: è il titolo della canzone prodotta da Ambra Angiolini e anche di un’omonima creazione che porta la firma di un altro gigante della musica italiana come Adriano Celentano.

 

10)     Chimborazo: si tratta della montagna più alta dell’Ecuador che, attraverso un tessuto ad hoc, è stata riprodotta in versione opera d’arte permanente sull’ascensore presente nell’atrio della sede di Park Avenue dell’America’s Society.

Giacomo Beretta

753 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria