Mercoledì, 22 novembre 2017 - ore 23.00

Impianti natatori alla Faustina, il Commissario vede Sporting Lodi

Indicatori confortanti, positivi i riscontri gestionali e gli utili di esercizio

| Scritto da Redazione
Impianti natatori alla Faustina, il Commissario vede Sporting Lodi

Il Commissario Prefettizio, Mariano Savastano, ha tenuto oggi presso la sede municipale un incontro con i vertici di Sporting Lodi, la società concessionaria della gestione della nuova piscina comunale coperta e di quella scoperta in località Faustina, rappresentata nell’occasione dal presidente Emanuele Fasani e dal direttore tecnico Igor Piovesan, con la partecipazione di Cristiano Galletti (presidente di Astem Spa, società a prevalente controllo comunale che detiene in Sporting una partecipazione del 45%) e della dirigente del settore finanziario del Comune, dott.ssa Barbara Rampini.

"Scopo dell’incontro – informa il Commissario – era l’esame dell’andamento gestionale degli impianti affidati a Sporting ed in particolare la verifica della sostenibilità del piano finanziario sull’intero arco di durata della concessione, stabilito in 35 anni a partire dall’ottobre 2013, che vede il Comune in posizione di garante degli impegni assunti dalla società nei confronti dell’istituto di credito che ha erogato il prestito a sostegno dell’investimento iniziale per la realizzazione in regime di project financing della nuova piscina coperta. A questo proposito, le informazioni che ho acquisito oggi hanno confermato i positivi riscontri che avevo già ottenuto la scorsa settimana in un colloquio con il direttore della divisione Bpl del Gruppo Banco Popolare, Fabrizio Marchetti, attestando il regolare e puntuale pagamento delle rate di rimborso".

"Questo importante risultato - prosegue il Commissario - è frutto delle misure di razionalizzazione dei costi e sviluppo dei ricavi promosse a seguito del riassetto societario che ha visto nel dicembre 2014 l’ingresso di Astem e del partner privato Sport 64 nel capitale di Sporting, che hanno favorito una positiva evoluzione della gestione, in grado non solo di generare liquidità per far fronte agli impegni finanziari, ma anche di creare margini per determinare conti economici in attivo".

Dopo che l’esercizio 2014-2015 si era chiuso in perdita, il bilancio quadrimestrale settembre-dicembre 2015 (elaborato per uniformare all’anno solare la durata dell’esercizio, che in precedenza era stabilita dall’1 settembre al 31 agosto) ha fatto registrare un sostanziale pareggio (più 4 mila euro) e le proiezioni per l’intero 2016 delineano in prospettiva un utile di significativa consistenza, raggiungendo con sensibile anticipo un risultato che nel piano finanziario era previsto per il 2020.

"Si tratta di indicatori confortanti, che ovviamente devono trovare continuità nel medio-lungo periodo - osserva il dott. Savastano - L’attività della piscina coperta appare in costante sviluppo, i dati sull’affluenza sono consistenti e la qualità del servizio è riconosciuta, con elementi molto interessanti anche sotto il profilo del valore sociale e formativo della pratica sportiva natatoria, basti pensare alle centinaia di bambini di elementari e medie che frequentano l’impianto in orario didattico. Ho quindi esortato Sporting a proseguire su queste linee, anche attraverso adeguate iniziative di marketing: la nuova piscina può diventare un polo di riferimento per un bacino che si estende anche oltre la città ed il territorio, sia per l’attività di base che per quella agonistica, comprese le attività per i disabili".

Alla società, il Commissario ha inoltre chiesto di intensificare il flusso di informazioni sull’andamento della gestione economica, stabilendo una cadenza trimestrale per la presentazione di report aggiornati (in corrispondenza dei pagamenti delle rate di rimborso del prestito bancario), in aggiunta all’obbligo di relazione annuale indicato nella convenzione con il Comune.

Nell’incontro sono state approfondite anche le posizioni debitorie di Sporting nei confronti del Comune a titolo di Ici ed Imu e nei confronti di Sal per i consumi idrici. Quanto al primo aspetto, la società ha ricevuto avviso di accertamento bonario per le annualità 2014 e 2015 ed ha chiesto l’apertura di una fase di concertazione, allo scopo di verificare se la rendita catastale attribuita alla piscina sia appropriata o possa essere rivista in diminuzione, nonché l’eventualità del riconoscimento di un regime agevolato stante la natura di società sportiva dilettantistica:

"Se le questioni sollevate da Sporting si riveleranno fondate - sottolinea il Commissario - il Comune ne accoglierà le richieste, rimodulando gli importi. Diversamente, si procederà alla riscossione di quanto inizialmente chiesto, nel caso anche attraverso procedure coattive; la società ha comunque previsto adeguati accantonamenti per far fronte a queste necessità, che potranno eventualmente essere soddisfatte anche attraverso un piano di rateizzazione".

In merito ai rapporti di utenza con Sal, è stato riferito che le bollette per i consumi correnti vengono pagate regolarmente, mentre per le situazioni pregresse è stato concordato un piano di rientro già attivato, con rate mensili che risultano puntualmente onorate.

 

Fonte comune di lodi

1044 visite

Articoli della stessa categoria