Venerdì, 12 agosto 2022 - ore 13.20

In Slovacchia testate dalla polizia le barriere mobili contro gli immigrati clandestini

Fico conferma che Slovacchia non rispetterà le quote

| Scritto da Redazione
In Slovacchia testate dalla polizia le barriere mobili contro gli immigrati clandestini

Ieri, nel villaggio di Rusovce, nel quartiere più orientale del comune di Bratislava, la polizia e i vigili del fuoco hanno tenuto una esercitazione che ha incluso un addestramento all’uso di una barriera mobile da utilizzare per fermare i migranti alla frontiera e dirigere il loro flusso, che anche quest’anno si attende massiccio. Al test, che per chiarezza è stato intitolato “Barriera”, hanno presenziato anche il primo ministro Robert Fico e il ministro dell’Interno Robert Kalinak, che oggi è a Bruxelles per un vertice dei ministri UE sul tema migratorio.

Secondo il Ministero degli Interni slovacco esistono mezzi sufficienti per erigere una barriera lunga diversi chilometri. Non ha tuttavia specificato il numero esatto di chilometri che possono essere bloccati in tale modo. Per come stanno oggi le cose, il confine con l’Austria sarebbe indicato come una delle aree nelle quali la barriera potrebbe essere installata. Il ministro Kalinak ha detto che la polizia dispone anche di altri mezzi di protezione dei confini della Repubblica Slovacca, tra i quali pattuglie impiegate sui mezzi di trasporto pubblico, dato che i migranti in migliori condizioni economiche utilizzano treni e autobus per spostarsi.

Il premier Fico ha ripetuto come sia del tutto ovvio che l’Unione europea non sia in grado di proteggere i confini della zona Schengen, e che il numero di migranti che entrano in Europa da Grecia e Turchia continua ad aumentare e andrà ancora peggio in primavera, con condizioni meteo più miti.

«Noi non rispetteremo le quote obbligatorie, perché sono prive di senso», ha sottolineato ancora una volta Fico parlando ai media, non lasciando dubbi sulla posizione ufficiale della Slovacchia sulla questione.

Fonte: Buongiorno Slovacchia

1551 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

AISE NORVEGIA: NASCE L’ASSOCIAZIONE ‘ITALIANI A TRONDHEIM’ IL 3 GIUGNO LA PRESENTAZIONE

AISE NORVEGIA: NASCE L’ASSOCIAZIONE ‘ITALIANI A TRONDHEIM’ IL 3 GIUGNO LA PRESENTAZIONE

TRONDHEIM- È già presente sul web con una pagina facebook appena lanciata e si prepara a presentarsi dal vivo anche ai connazionali: parliamo dell’associazione “Italiani a Trondheim - Itat” nata – si legge sul sito web – per “perseguire le finalità di solidarietà civile, culturale e sociale volte alla promozione dell’integrazione e dell’aggregazione della comunità italiana a Trondheim e in Norvegia”.
AISE ITALIA-AUSTRIA: A TRIESTE INCONTRO FRA PARTNER TRANSFRONTALIERI

AISE ITALIA-AUSTRIA: A TRIESTE INCONTRO FRA PARTNER TRANSFRONTALIERI

Il valore aggiunto dei Gruppi Europei di Cooperazione Territoriale (Gect) nella politica di coesione post 2020 è il tema al centro dei due giorni di lavoro che coinvolgeranno istituzioni europee e partner transfrontalieri partecipanti al progetto Fit4Co Fit for Cooperation e che si svolgeranno a Trieste oggi e domani, 11 e 12 aprile, nel salone di rappresentanza del palazzo della Regione Friuli Venezia Giulia in piazza Unità d'Italia.