Giovedì, 02 dicembre 2021 - ore 20.27

Ingresso in Austria senza quarantena per vaccinati, guariti e testati

Ingresso in Austria senza quarantena per vaccinati, guariti e testati

| Scritto da Redazione
Ingresso in Austria senza quarantena per vaccinati, guariti e testati

Mentre in Austria è entrato in vigore il “lockdown dei non vaccinati”, deciso dal governo di Vienna per fermare la crescita repentina di nuove infezioni registrata nelle ultime settimane, sono state anche aggiornate le condizioni per l’ingresso nel paese con un decreto entrato in vigore questa settimana con scadenza 31 dicembre 2021.

L’ingresso è permesso senza quarantena obbligatoria ai viaggiatori dei paesi a minor rischio per Covid, elencati nell’allegato al decreto Anlage1 (vi figurano tra gli altri Italia e Slovacchia) se soddisfano una delle condizioni 3G (dal tedesco –  guariti / vaccinati / testati). Una condizione ulteriore è non avere visitato nessun paese diverso da quelli dell’elenco dei meno rischiosi almeno negli ultimi 10 giorni. Per questi cittadini è inoltre esclusa la pre-registrazione elettronica per l’ingresso in Austria.

Al posto di confine si deve essere in grado di mostrare, alternativamente: un certificato di vaccinazione contro il COVID-19, un certificato di guarigione dalla malattia COVID-19 entro gli ultimi sei mesi o un certificato di test negativo al COVID-19 di tipo PCR (max 72 ore) o antigenico (max 48 ore). Le certificazioni devono essere in tedesco o almeno in inglese.

Chi dovesse arrivare alla frontiera senza una delle tre certificazioni 3G necessarie deve registrarsi (conservando la stampa dell’avvenuta registrazione) e sottoporsi a test PCR o dell’antigene a proprie spese entro 24 ore dall’ingresso in Austria.

I bambini di età inferiore ai 12 anni sono soggetti alle stesse condizioni dell’adulto accompagnatore, ad eccezione dei test. La quarantena per i minori di 12 anni termina con la fine della quarantena dell’adulto accompagnatore, mentre se l’accompagnatore soddisfa una delle condizioni 3G nemmeno i bambini devono fare la quarantena.

Chi entra in Austria per il transito verso un paese terzo, con permanenza sul territorio del paese per il minor tempo possibile necessario al solo transito e nessuna sosta extra, è dispensato dall’obbligo della certificazione 3G. L’eccezione vale anche per il traffico merci.

Maggiori dettagli in lingua italiana sul sito dell’Ambasciata a Vienna.

(Red)

240 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria