Sabato, 18 settembre 2021 - ore 15.00

Marco Pezzoni (Cremona) : E’ obbligatorio sostenere il Governo Draghi?

È proprio obbligatorio entrare in una maggioranza per sostenere il Governo Draghi?

| Scritto da Redazione
Marco Pezzoni (Cremona)  : E’ obbligatorio sostenere il Governo Draghi?

Marco Pezzoni (Cremona)  : E’ obbligatorio sostenere il Governo Draghi?

È proprio obbligatorio  entrare in una maggioranza per sostenere il Governo Draghi?

Come rispondere con responsabilità all'appello del presidente della Repubblica senza perdere la faccia? Mario Draghi non è il servitore sciocco del peggior capitalismo speculativo, è la figura italiana più autorevole sul piano europeo e internazionale.

 È il candidato in pectore per diventare il prossimo presidente della Repubblica. È già oggi il garante più sicuro che i fondi di Next-generation UE non andranno perduti. Tuttavia hanno ragione i 5Stelle quando sostengono che non esistono governi tecnici e neutrali. Infatti Mario Draghi  è anche il garante che i poteri economici più consolidati in Italia avranno una preminente voce in capitolo su come e dove orientare la transizione ecologica ed energetica. In questo quadro temo che il PD voglia essere coinvolto nel programma e nella gestione di questi finanziamenti, mettendo al primo posto la sua partecipazione al sistema di potere.

Se così fosse, Renzi avrebbe vinto due volte: non solo abbattere Conte, ma minare seriamente la democrazia dell'alternanza. Se il PD entra in una maggioranza trasversale con Lega, Forza Italia, Italia Viva, come fa a ricostruire una nuova, ampia e credibile coalizione alternativa al centrodestra?

Attenzione: siamo di fronte al fallimento di questa legislatura, di fronte al fallimento della politica dei partiti costretti a ricorrere a SuperDraghi, ma soprattutto siamo di fronte al rischio di una rottura di sistema e del sistema politico bipolare:  due campi di alleanze tra loro contrapposti e alternativi. Per questo la scelta più opportuna sarebbe il sostegno esterno a Draghi, condizionandolo sui temi dei diritti del lavoro e dell'ambiente, rinunciare ad avere propri ministri e utilizzare questo tempo per ricostruire un campo largo di centro sinistra e di nuova sinistra sociale ed ecologica in alleanza strategica, anche territoriale, con il M5Stelle.

725 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online