Mercoledì, 25 novembre 2020 - ore 17.14

Migranti, Boccia: ''Musumeci ha un modo anti-italiano di concepire la sicurezza sanitaria''

Il ministro per gli Affari regionali: ''I problemi non si risolvono con muri, fili spinati e propaganda''

| Scritto da Redazione
Migranti, Boccia: ''Musumeci ha un modo anti-italiano di concepire la sicurezza sanitaria''

Il governo affila le armi in vista della probabile impugnazione dell'ordinanza del governatore siciliano Nello Musumeci relativa alla chiusura degli hotspot che ospitano i migranti nell’isola.

Il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia a Sky TG24 Economia stamattina ha detto: "Mescolare la sicurezza sanitaria con il tema migranti non è solo sbagliato ma è anche un errore dal punto di vista culturale e storico. Questo modo di concepire la sicurezza sanitaria è anti-italiano. La competenza esclusiva è del ministero dell'Interno".

Secondo Boccia: "Il presidente Musumeci sa che basta chiedere al Ministero dell'Interno e arriva una risposta in tempo reale, conosce molto bene le regole. Vorrei che ci occupassimo di come far stare bene tutti coloro che vivono in Italia, italiani, stranieri, turisti, immigrati, che devono avere garanzie totali sulla loro sicurezza".

"In questo momento - ha proseguito il ministro - stiamo pagando l’aumento dei contagi dovuto alla riapertura delle attività dal 3 giugno e la mobilità infraregionale, voluta da tutti, regioni comprese. Siamo consapevoli che con il Covid bisogna convivere". Boccia ha poi precisato: "C'è reciproco rispetto con Musumeci" aggiungendo però che: "I problemi non si risolvono con muri, fili spinati e propaganda".

252 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Terremoto in Irpinia, i 90 secondi che cambiarono faccia alla Campania

Terremoto in Irpinia, i 90 secondi che cambiarono faccia alla Campania

Domenica 23 novembre 1980, alle 19:34, un sisma di magnitudo 6,9 gradi della scala Richter colpì i territori di Irpinia e Basilicata, causando quasi 3mila vittime. Furono rasi al suolo interi paesi e migliaia di case rimasero danneggiate. A decenni di distanza resta la memoria di una tragedia italiana e dell’incredibile speculazione degli anni della ‘ricostruzione’, mai completata e sulla quale molto incise la longa manus della camorra.