Lunedì, 15 agosto 2022 - ore 19.02

Nulla di fatto per gli infermieri slovacchi, ritorno a lavoro senza aumento salariale

Ma non tutti gli infermieri scioperanti saranno riassunti

| Scritto da Redazione
Nulla di fatto per gli infermieri slovacchi, ritorno a lavoro senza aumento salariale

Gli infermieri hanno, alla fine, accolto l’offerta del primo ministro Robert Fico per tornare a lavorare negli ospedali e avviare negoziati con i direttori delle strutture sanitarie riguardo alle loro richieste. «Si tratta di una perdita» secca, ha notato l’analista Tomas Szalay dell’Istituto per la Politica Sanitaria, citato dal quotidiano Sme.

Dunque anche le dimissioni in massa di 540 dipendenti degli ospedali a fine gennaio (dei quali 305 nell’ospedale di Presov, 172 in quello di Zilina) non sono state sufficienti a muovere il governo a mettere mano alla questione prima delle elezioni del 5 marzo.

Secondo l’Associazione delle organizzazioni sindacali della sanità la ragione principale per una tale debacle è che la percentuale di dimissioni è irrisoria se confrontata con i circa 19.000 infermieri che lavorano nei nosocomi in Slovacchia.

Se le infermiere possono ritornare negli ospedali, non ci sono garanzie che gli ospedali se li riprenderanno. Una dichiarazione in tal senso è già arrivata ad esempio dall’Ospedale universitario di Trnava, che non riassumerà tutti i 57 infermieri che sono rimasti a casa a fine gennaio..

I rappresentanti degli infermieri hanno incontrato il Presidente Andrej Kiska e gli hanno chiesto di contribuire alla loro causa facendo uso della sua autorità, ponendosi come mediatore con il governo. Kiska, che non ha commentato la diatriba con l’esecutivo, si è limitato a dire che lasciare il lavoro e richiare di perderlo per sempre, e perdere con esso lo stipendio con il quale sostenere la propria famiglia, è una protesta piuttosto estrema. Ed ha sottolineato che ogni infermiere che se ne va all’estero per migliori condizioni di lavoro è una perdita per la Slovacchia.

Kiska ha poi detto chiaramente che la sanità slovacca dovrebbe essere una priorità assoluta per il prossimo governo.

Fonte: Buongiorno Slovacchia

820 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

AISE NORVEGIA: NASCE L’ASSOCIAZIONE ‘ITALIANI A TRONDHEIM’ IL 3 GIUGNO LA PRESENTAZIONE

AISE NORVEGIA: NASCE L’ASSOCIAZIONE ‘ITALIANI A TRONDHEIM’ IL 3 GIUGNO LA PRESENTAZIONE

TRONDHEIM- È già presente sul web con una pagina facebook appena lanciata e si prepara a presentarsi dal vivo anche ai connazionali: parliamo dell’associazione “Italiani a Trondheim - Itat” nata – si legge sul sito web – per “perseguire le finalità di solidarietà civile, culturale e sociale volte alla promozione dell’integrazione e dell’aggregazione della comunità italiana a Trondheim e in Norvegia”.
AISE ITALIA-AUSTRIA: A TRIESTE INCONTRO FRA PARTNER TRANSFRONTALIERI

AISE ITALIA-AUSTRIA: A TRIESTE INCONTRO FRA PARTNER TRANSFRONTALIERI

Il valore aggiunto dei Gruppi Europei di Cooperazione Territoriale (Gect) nella politica di coesione post 2020 è il tema al centro dei due giorni di lavoro che coinvolgeranno istituzioni europee e partner transfrontalieri partecipanti al progetto Fit4Co Fit for Cooperation e che si svolgeranno a Trieste oggi e domani, 11 e 12 aprile, nel salone di rappresentanza del palazzo della Regione Friuli Venezia Giulia in piazza Unità d'Italia.