Sabato, 16 gennaio 2021 - ore 19.50

Piacenza: revoca della carica di assessore comunale a Massimo Polledri

Per il sindaco l'assessore Polledri ha tenuto un comportamento eccessivamente "personalistico" nello svolgimento delle proprie funzioni istituzionali.

| Scritto da Redazione
Piacenza: revoca della carica di assessore comunale a Massimo Polledri

Il sindaco Patrizia Barbieri ha sottoscritto stamani, con effetto immediato, il decreto di revoca dalla carica di assessore comunale a Massimo Polledri. Le deleghe a lui assegnate, ovvero la promozione dell’attività sportiva, le politiche della famiglia, la promozione turistica, il turismo sociale, le politiche culturali e la valorizzazione del patrimonio artistico-culturale, restano attualmente di competenza esclusiva del sindaco.

Il provvedimento è motivato dal fatto che l’assessore Polledri ha tenuto un comportamento eccessivamente “personalistico” nello svolgimento delle proprie funzioni istituzionali. Inoltre la scarsa condivisione delle decisioni assunte con il primo cittadino e con i colleghi di Giunta, ha determinato effetti negativi sul raggiungimento degli obiettivi di mandato dell’Amministrazione.

Infine molte esternazioni a mezzo stampa da parte di Polledri, hanno esulato dalle deleghe assegnategli, prescindendo anche in questo caso, dal confronto con il sindaco e con la Giunta. Questi comportamenti, hanno determinato il venir meno delle condizioni di fiducia poste a fondamento della sua nomina ad assessore.

710 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

PIACENZA Sottoscritto ‘Progetto  prevenzione e contrasto delle truffe a carico anziani’

PIACENZA Sottoscritto ‘Progetto prevenzione e contrasto delle truffe a carico anziani’

Nella mattinata odierna il Prefetto Daniela Lupo e il Sindaco di Piacenza Avv. Patrizia Barbieri, alla presenza dei rappresentanti delle Forze dell’Ordine hanno sottoscritto l’addendum «Progetto di prevenzione e contrasto delle truffe a carico delle persone anziane residenti nel Comune di Piacenza» che va ad integrare il «Patto per l’attuazione della sicurezza urbana», sottoscritto il 14 ottobre 2020.