Domenica, 16 giugno 2024 - ore 21.28

Riforma terzo settore. Le valutazioni dell’UISP

Vincenzo Manco, presidente Uisp, anticipa alcune linee del documento che l'associazione invierà al governo

| Scritto da Redazione
Riforma terzo settore. Le valutazioni dell’UISP

L’Uisp sulle Linee guida di riforma del Terzo settore: valorizzare il volontariato sportivo e il ruolo sociale dello sport. Vincenzo Manco, presidente Uisp, anticipa alcune linee del documento che l'associazione invierà al governo 

Roma, giugno - L’Uisp-Unione Italiana Sport Per tutti accoglie positivamente la volontà del Governo di rinnovare la legislazione del Terzo Settore e di raccogliere le proposte che arrivano dai diretti protagonisti. Per questo ha partecipato con un proprio documento alla costruzione di proposte sollecitata dal Forum del Terzo settore che domani, 12 giugno, a Roma presenterà un documento di sintesi di tutte le associazioni che ne fanno parte, tra le quali anche l’Uisp.“Abbiamo partecipato attivamente e con un nostro documento a questa consultazione perché lo sport di cittadinanza è un pezzo importante dell’associazionismo, del volontariato e del terzo settore italiano – dice Vincenzo Manco, presidente nazionale Uisp – siamo convinti che serva una nuova cornice legislativa, più moderna e certa. Anche la promozione sportiva italiana va basata su basi diverse, di maggiore trasparenza e rendicontabilità dell'effettiva attività svolta: lo diciamo al governo e lo diciamo al Coni”.“Rispetto alle Linee guida del governo – prosegue Manco – ci siamo concentrati su alcuni aspetti considerati essenziali. Al primo posto c’è la necessità di armonizzare la normativa, auspicando il superamento della parcellizzazione degli enti non profit in albi e registri. L’Uisp chiede di implementare le clausole legate alla democraticità, trasparenza gestionale e assenza di scopo di lucro diretto e indiretto. A questo scopo chiediamo di dare piena dignità al volontariato sportivo, al pari del volontariato realizzato nell’ambito delle associazioni iscritte nel registro delle organizzazioni di volontariato di cui parla la legge 266/1991”."Poi chiediamo di favorire la semplificazione degli adempimenti che le associazioni sono chiamate ad espletare, uniformando le norme. Come terza cosa chiediamo di garantire limitazioni alla responsabilità dei dirigenti delle associazioni che si trovano oggi ad affrontare una sempre maggiore complessità gestionale, semplificando l’accesso alla personalità giuridica. Quarto aspetto: assicurare assoluta trasparenza gestionale, implementando anche strumenti di controllo sostanziale delle attività a tutela della fede pubblica. Infine chiediamo che lo sport di cittadinanza sia pienamente riconosciuto nell’ambito del sistema integrato di interventi e servizi sociali. Lo sviluppo della pratica sportiva rappresenta un aspetto esemplare di tale dinamica. La pratica motoria e sportiva rappresenta un nuovo bisogno sociale perché ha un ruolo formativo, di prevenzione sanitaria, di inclusione e coesione sociale, di educazione alla democrazia”.L’Uisp parteciperà alla consultazione aperta dal governo e invierà il suo documento entro venerdì 13 giugno, come sollecitato dal governo stesso.

960 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria