Domenica, 31 maggio 2020 - ore 22.01

Slovacchia, primo treno iper-veloce: una scelta naturale per l’Hyperloop

Dirk Ahlborn, ceo di Hyperloop Transportation: "La Slovacchia è leader tecnologico nel settore automobilistico, scienza dei materiali, energia e industria, comparti che sono parte integrante del sistema Hyperloop"

| Scritto da Redazione
Slovacchia, primo treno iper-veloce: una scelta naturale per l’Hyperloop

Dopo il tanto rumore che ha seguito l’accordo siglato la scorsa settimana dalla Slovacchia con la società Hyperloop Transportation Technologies per la messa in opera di una prima sezione del treno iper-veloce, il sito di informazione tecnologica Wired.com ha scritto che nonostante la sorpresa di molti la Slovacchia è una scelta del tutto naturale per un progetto come quello.

In effetti, quando Elon Musk, il visionario leader di aziende innovative come Tesla e SpaceX, lanciò nel 2013 la prima idea della tecnologia su cui si basa l’Hyperloop, si credeva che il primo Stato a beneficiare di un progetto così futuristico sarebbe stata la California, e in particolare la messa in linea di San Francisco e Los Angeles in appena mezz’ora, contro le sei ore di auto o un’ora di volo senza ovviamente contare il viaggio da e per gli aeroporti.

Quando si parla di Slovacchia, dice Wired, si pensa alla “parte dell’ex blocco sovietico”, ma questo pensiero potrebbe non far venire in mente che quel paese è un ambiente ideale per una rivoluzione nella tecnologia di trasporto. Il fatto che la Slovacchia sia una delle economie a più rapida crescita in Europa lo rende una scelta naturale, ha detto Dirk Ahlborn, ceo di Hyperloop Transportation Technologies (HTT), avendo in mente di collegare Bratislava a Vienna e Budapest in una decina di minuti o anche meno. Inoltre, Ahlborn ha detto che «La Slovacchia è leader tecnologico nel settore automobilistico, scienza dei materiali, energia e industria, comparti che sono parte integrante del sistema Hyperloop». E anche: «Avere una presenza europea di Hyperloop incentiverà la collaborazione e l’innovazione all’interno della Slovacchia e in tutta Europa».

La società di Ahlborn, che non è l’unica a lavorare sulla messa a punto della tecnologia hyperloop, ha solo due dipendenti a tempo pieno, ma oltre 500 ingegneri, che lavorano in aziende come NASA, Boeing o SpaceX, ci stanno faticando nel tempo libero in cambio di stock option. HTT dovrebbe iniziare la costruzione di un primo prototipo di Hyperloop in California alla fine di quest’anno.

Se la California pone diverse limitazioni alla creazione di un tale progetto, come gli alti costi dei terreni, la frequenza di terremoti, e tutte le battaglie e proteste che hanno dilatato i tempi dell’alta velocità ferroviaria, in Slovacchia queste cose sono superabili. Ahlborn, afferma Wired, dice che Bratislava ha promesso di gestire l’acquisizione dei terreni per il progetto, e diversi funzionari governativi ne sembrano affascinati. «Un sistema di trasporto di questo tipo ridefinirebbe il concetto di pendolarismo», ha detto il ministro dell’Economia Vazil Hudak nell’annunciare l’accordo che prevederebbe di rivedersi da qui a nove mesi per continuare la discussione, secondo la portavoce del ministero dell’Economia.

La società di Ahlborn, che non è l’unica a lavorare sulla messa a punto della tecnologia hyperloop, ha solo due dipendenti a tempo pieno, ma oltre 500 ingegneri, che lavorano in aziende come NASA, Boeing o SpaceX, ci stanno faticando nel tempo libero in cambio di stock option. HTT dovrebbe iniziare la costruzione di un primo prototipo di Hyperloop in California alla fine di quest’anno.

Se la California pone diverse limitazioni alla creazione di un tale progetto, come gli alti costi dei terreni, la frequenza di terremoti, e tutte le battaglie e proteste che hanno dilatato i tempi dell’alta velocità ferroviaria, in Slovacchia queste cose sono superabili. Ahlborn, afferma Wired, dice che Bratislava ha promesso di gestire l’acquisizione dei terreni per il progetto, e diversi funzionari governativi ne sembrano affascinati. «Un sistema di trasporto di questo tipo ridefinirebbe il concetto di pendolarismo», ha detto il ministro dell’Economia Vazil Hudak nell’annunciare l’accordo che prevederebbe di rivedersi da qui a nove mesi per continuare la discussione, secondo la portavoce del ministero dell’Economia.

Fonte: Buongiorno Slovacchia

897 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

AISE NORVEGIA: NASCE L’ASSOCIAZIONE ‘ITALIANI A TRONDHEIM’ IL 3 GIUGNO LA PRESENTAZIONE

AISE NORVEGIA: NASCE L’ASSOCIAZIONE ‘ITALIANI A TRONDHEIM’ IL 3 GIUGNO LA PRESENTAZIONE

TRONDHEIM- È già presente sul web con una pagina facebook appena lanciata e si prepara a presentarsi dal vivo anche ai connazionali: parliamo dell’associazione “Italiani a Trondheim - Itat” nata – si legge sul sito web – per “perseguire le finalità di solidarietà civile, culturale e sociale volte alla promozione dell’integrazione e dell’aggregazione della comunità italiana a Trondheim e in Norvegia”.
AISE ITALIA-AUSTRIA: A TRIESTE INCONTRO FRA PARTNER TRANSFRONTALIERI

AISE ITALIA-AUSTRIA: A TRIESTE INCONTRO FRA PARTNER TRANSFRONTALIERI

Il valore aggiunto dei Gruppi Europei di Cooperazione Territoriale (Gect) nella politica di coesione post 2020 è il tema al centro dei due giorni di lavoro che coinvolgeranno istituzioni europee e partner transfrontalieri partecipanti al progetto Fit4Co Fit for Cooperation e che si svolgeranno a Trieste oggi e domani, 11 e 12 aprile, nel salone di rappresentanza del palazzo della Regione Friuli Venezia Giulia in piazza Unità d'Italia.