Mercoledì, 20 ottobre 2021 - ore 06.55

Tokyo 2020 Malagò: scommessa vinta. Italia multietnica e integrata|G.C.Storti

Malagò : anticipare l'iter burocratico per lo ius soli sportivo, che ad oggi è infernale, un girone dantesco.

| Scritto da Redazione
Tokyo 2020 Malagò: scommessa vinta. Italia multietnica e integrata|G.C.Storti

Tokyo 2020 Malagò: scommessa vinta. Italia multietnica e integrata|G.C.Storti

Malagò : anticipare l'iter burocratico per lo ius soli sportivo, che ad oggi è infernale, un girone dantesco.

Una medaglia al giorno, record che si può solo eguagliare Il presidente del Coni: ‘Siamo andati oltre ogni previsione, la credibilità dello sport italiano è ai massimi livelli, un'Italia multietnica e integrata’

In genere non amo seguire lo sport. Questione di gusti, preferisco leggere . Questo detto queste Olimpiadi mi hanno coinvolto non tanto per i risultati sportivi ma per la composizione del team degli atleti e per le loro storie.

Lo stesso capo del CONI Malagò  ha detto  : ‘Io ero convinto che saremmo arrivati  a 39 medaglie: le mie previsioni sono state migliorate con un record storico" ha detto ancora il presidente del Coni. L'Italia ha chiuso con 40 medaglie: 10 ori, 10 argenti e 20 bronzi. ‘E' un'Italia multietnica e un'Italia super integrata’.  La credibilità dello sport italiano è ai massimi livelli: si sono creati i presupposti ideali per ospitare grandi eventi in Italia. Anticipare iter per ius soli sportivo  La nostra proposta è di anticipare l'iter burocratico per lo ius soli sportivo, che ad oggi è infernale, un girone dantesco.È vero che a 18 anni puoi fare quello che vuoi, ma - ha proseguito - se aspetti il momento per fare la pratica hai perso una persona. A volte ci sono tre anni di gestazione e nel frattempo, se l'atleta non ha potuto vestire la maglia azzurra, o smette, o va nel suo paese di origine, oppure peggio arriva qualcun altro che studia la pratica e in un minuto gli dà cittadinanza e soldi.”   

Malagò è un uomo concreto ed un manager dello sport e punta al sodo. Oggi il nostro paese non può più pescare fra un milione all’anno di nuovi nati come negli anni ’70 ma solo su 450mila e con molti giovani , non cittadini italiani, ma magari nati nel nostro paese , o che vivono da anni e che fanno  sport fuori dalle varie selezioni.

La richiesta dello ius soli sportivo   va quindi accolta . E’ un segnale di un paese multietnico e che si integra anche così.

Ritengo però , per chiudere, che sia necessario, indispensabile che il palamento approvi lo ius soli per tutti senza se e senza ma !

Solo così supereremo forze  di un razzismo che resistono e che in alcune aree sono ancora molto violente utilizzando spesso i social come veicoli del loro odio.

Cremona 8 agosto 2021

 

380 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online