Sabato, 25 giugno 2022 - ore 13.51

TRASFORMAZIONI - L’ARTE NASCOSTA DI CHRISTO E JEANNE-CLAUDE

Il libro ripercorre, attraverso testimonianze inedite, il percorso artistico e di vita della coppia svelando il “dietro le quinte” al grande pubblico   Presentazione Giovedì 1° settembre 2016 ore 18.30 White room, Museo di Santa Giulia, Brescia

| Scritto da Redazione
TRASFORMAZIONI - L’ARTE NASCOSTA DI CHRISTO E JEANNE-CLAUDE

Nell’ambito della grande mostra Christo and Jeanne-Claude. Water Projects, aperta sino al 18 settembre al Museo di Santa Giulia, Brescia, verrà presentato giovedì 1° settembre alle ore 18,30 il libro della giornalista Zornitza Kratchmarova edito da Informant. Il volume con la prefazione del curatore Ettore Camuffo e l’introduzione di Stefano Lucchini, contiene un ampio repertorio fotografico e dieci interviste ad altrettanti testimoni d'eccezione - John Kaldor, Jane Gregorius & Dan Telleen, Joe Pozzi, Tim O’Connor, Laure Poulet, Wolfgang Volz, Frank Seltenheim, Jérôme Szeemann, Adam Kaufman, Umberta Gnutti Beretta - delle loro gigantesche opere, nate sfidando difficoltà di ogni genere e superando ostacoli insormontabili.

Sarà presente l’autrice insieme a Luigi Maria Di Corato, direttore di Fondazione Brescia Musei, Umberta Gnutti Beretta, Consigliere di Fondazione Brescia Musei e Luca Degl'Innocenti, responsabile redazione Il Giorno di Bergamo e Brescia. 

Nessuna galleria, nessun agente, nessuno sponsor: per dare vita alle loro opere hanno rischiato più volte di finire sul lastrico, hanno messo d'accordo due nemici storici come Jacques Chirac e François Mitterrand e persino munto mucche in California. Christo e Jeanne-Claude, per oltre mezzo secolo coppia inossidabile nel lavoro e nella vita, hanno rivoluzionato il mondo dell'arte grazie a progetti visionari e a monumentali installazioni in tutto il mondo.

L’ebook, disponibile sia in italiano sia in inglese (Transformations - The hidden art of Christo and Jeanne-Claude), è in vendita su tutti i principali bookstore digitali. La versione cartacea, anch’essa in entrambe le lingue, sarà disponibile presso il bookshop del Museo di Santa Giulia.

Grazie a un accordo tra Informant e Promedia Solutions, inoltre, il libro è anche “print on demand” presso 600 punti vendita Mondadori Store in Italia e oltre 100 librerie in tutto il mondo, da New York a Tokio. 

Zornitza Kratchmarova, classe 1977, è bulgara di nascita e italiana d'adozione. Si è specializzata alla Graduate School of Journalism della Columbia University di New York e ha lavorato per Rcs e Mondadori, occupandosi di attualità, economia e finanza. Nel 2007 ha vinto il Citigroup Journalistic Excellence Award con un'inchiesta sull'imprenditoria extracomunitaria in Italia. Nel 2015 ha cofondato la startup BabyGuest. Coordina le attività digital del gruppo editoriale Food.

Informant è un editore nativo digitale specializzato in reportage giornalistici, giornalismo narrativo e saggi sul mondo dell’informazione. Con la divisione IFT Studio si occupa anche di branded content per aziende e testate. 

La mostra Christo and Jeanne-Claude. Water Projects, curata da Germano Celant, è aperta al Museo di Santa Giulia fino a domenica 18 settembre. Attraverso oltre 150 tra studi, disegni e collage originali, ai quali si aggiungono i modelli in scala, le fotografie dei progetti realizzati, i video e i film relativi, l’esposizione presenta una cronologia dei progetti monumentali dai primi anni Sessanta e sviluppa i sette Water Projects, da Wrapped Coast, One Million Square Feet, 1968-1969, in Little Bay, Sydney, Australia, 1968-1969, a The Floating Piers, Project for Lake Iseo, 2014-16, Lago d’Iseo, Italia. L’intento è di mostrare e di contestualizzare storicamente, in relazione al loro percorso degli artisti, dal 1961 ad oggi, le diverse fasi progettuali e realizzative degli interventi legati all’acqua: dalla loro prima ideazione testimoniata dai bozzetti, al loro sviluppo nei disegni, nei collage e nei modelli, fino alla realizzazione concreta, documentata tramite fotografie e video.

II percorso espositivo è completato dalla sezione multimediale che conduce il visitatore alla scoperta della costruzione, del making of, della gigantesca installazione The Floating Piers sul Lago di Iseo dal18 giugno e il 3 luglio 2016. Uno spazio in continua evoluzione che permette di seguire tutte le fasi della realizzazione dell'opera, ma anche di "vedere" The Floating Piers dopo lo smontaggio attraverso le immagini scattate dai visitatori che hanno condiviso l’esperienza di avere “camminato” sull’acqua.

Fino a domenica 18 settembre si rinnova l’appuntamento, con gli operatori dei Servizi educativi, delle visite guidate alla mostra, tutti i giovedì, alle 18.30 e alle 20.15, e tutte le domeniche alle 15.30. 

2260 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria