Sabato, 19 ottobre 2019 - ore 05.00

ASST Cremona UN BOSCO INCANTATO PER I BIMBI DELLA NEUROPSICHIATRIA

Inaugurati i nuovi spazi della Neurospichiatria Infantile di Cremona riqualificati in modo funzionale e fiabesco grazie ad un progetto promosso dai Rotary Club cittadini.

| Scritto da Redazione
ASST Cremona UN BOSCO INCANTATO PER I BIMBI DELLA NEUROPSICHIATRIA

ASST Cremona UN BOSCO INCANTATO PER I BIMBI DELLA NEUROPSICHIATRIA

Inaugurati i nuovi spazi della Neurospichiatria Infantile di Cremona riqualificati in modo funzionale e fiabesco grazie ad un progetto promosso dai Rotary Club cittadini. 

Inaugurazione da favola questa mattina per il Servizio Territoriale di Neuropsichiatria Infantile dell’ASST di Cremona in via Santa Maria in Betlem.

L’ingresso e la sala d’attesa della struttura hanno subito un’autentica magia che li ha trasformati in uno spazio coloratissimo e accogliente, un Bosco Incantato, dove si può giocare, parlare, sorridere e sognare.

Un valore aggiunto per la Neuropsichiatria di Cremona, un servizio in cui operano oltre 30 professionisti e accedono circa 200 utenti quotidianamente. Un luogo dove “il prendersi cura” passa anche dai piccoli gesti degli operatori, che non indossano il camice per far sì che i giovani pazienti possano sentirsi a proprio agio. Un luogo dove i volontari ABIO intrattengono genitori e bambini durante l’attesa con giochi e letture. In altre parole, un ambiente familiare dove professionalità, entusiasmo ed empatia si fondono per favorire il benessere e la tranquillità di tutti coloro che frequentano la struttura.

Con il Bosco Incantato si è voluto potenziare tutte queste qualità, con la consapevolezza che la cura passa anche attraverso la bellezza, svolgendo una funzione terapeutica rassicurante e positiva per i pazienti. Non solo. L’ambiente è stato pensato per rendere più confortevole e funzionale anche l’attività di medici, infermieri, educatori e volontari.

I PROMOTORI E FAUTORI DEL PROGETTO

L’iniziativa è stata promossa dal Rotary Club Cremona Po in sinergia con Distretto Rotary 2050, Rotary Club Cremona, Rotary Club Cremona Monteverdi, Inner Wheel e Autotorino.

L’intervento di riqualificazione è stato realizzato dagli architetti Fabio Bosio e Gianfranco Mondini.

La colorazione della porta esterna e del cancello è stata realizzata dai volontari dell’Associazione “La città dell’uomo” con il contributo di Bragalini Color Point.

IN SINTESI, COSA È STATO FATTO

L’idea, nata dalla dott.ssa Giuseppina Chiari, è un progetto di restyling grazie al quale la sala di attesa, gli spazi comuni e i corridoi della struttura di Santa Maria in Betlem sono stati completamente ridisegnati e rinnovati. L’intervento ha tenuto conto di tutti gli aspetti conservativi, funzionali e manutentivi legati ai vincoli della Soprintendenza.

*****

UOS Comunicazione | ASST di Cremona

 

 

331 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online