Lunedì, 21 gennaio 2019 - ore 15.12

Autostrada Cr-Mn: vorrei ma non posso!?

La fine dell'agonia del progetto dell'autostrada Cr-Mn era stata recentemente decretata nientemeno che dal presidente della società regionale concedente che ne avrebbe dovuto seguire tutte le fasi fino alla sua realizzazione. Un epilogo, questo, le cui modalità vanno forse ricondotte all'esigenza di alcuni politici di ritrovare notorietà e consenso, strumentalizzando la questione.

| Scritto da Redazione
Autostrada Cr-Mn: vorrei ma non posso!?

Autostrada Cr-Mn: vorrei ma non posso!?

La fine dell'agonia del progetto dell'autostrada Cr-Mn era stata recentemente decretata nientemeno che dal presidente della società regionale concedente che ne avrebbe dovuto seguire tutte le fasi fino alla sua realizzazione. Un epilogo, questo, le cui modalità vanno forse ricondotte all'esigenza di alcuni politici di ritrovare notorietà e consenso, strumentalizzando la questione.

I colpi di scena, però, si sono succeduti rapidamente e, così, una vicenda che secondo noi doveva essere chiusa da tempo, con la rescissione del contratto alla società concessionaria (per manifesta incapacità di portare a termine un progetto per il quale lei stessa si era proposta nel lontano 2002), è stata subito riaperta dal presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana.

Nelle scorse settimane, dopo lunghi anni di silenzio, è stato riavviato, nei territori da Cremona a Mantova, un dibattito, sul tema dell’autostrada, che ha portato a frenetici momenti di confronto e a “tavoli” politico-istituzionali, convocati con ritmi degni di una situazione di piena emergenza.

Vuoi vedere che finalmente questa è la volta buona? Così non parrebbe…

Al recente tavolo regionale sulle infrastrutture, svoltosi in un clima molto teso, i Presidenti delle Province di Cremona e di Mantova hanno declamato l’elenco delle opere necessarie e da anni attese dai territori e ribadito che sull’autostrada Cr-Mn, che ritengono ancora di primaria importanza, sia la Regione a decidere. In un senso o nell’altro.

Il Presidente Fontana, in apertura dei lavori, si è subito rivolto ai suoi due principali interlocutori chiedendo loro in modo perentorio: ma voi, l’autostrada Cr-Mn, la volete ancora, o no!

In caso affermativo, e mantenendo le proprie promesse elettorali, dice, che avrebbe trovato le risorse necessarie e ancora mancanti (circa 400 milioni di euro), non prima di aver risolto qualche problema, si fa per dire, ancora aperto del progetto. Ha poi aggiunto un particolare: se questa sarà la scelta, sappiate che l’autostrada sarà l’unica(!) opera che la Regione finanzierà sul territorio.

Questo il nodo da sciogliere, come compito che le due Province dovranno svolgere in vista del prossimo incontro regionale del 22 gennaio prossimo. Un’autostrada inutile, o tante piccole opere urgenti e necessarie per la mobilità sul territorio?

Noi auspichiamo, e lavoreremo per questo, che le risorse promesse dal Presidente Fontana vengano confermate, e destinate, attraverso un preciso accordo di programma tra Regione e Province, a tutti quegli interventi, sulla viabilità e sulle ferrovie, in grado di migliorare sensibilmente, e in modo sostenibile, la vita di studenti, lavoratori e pendolari.

Sarebbe un segno di saggezza e di lungimiranza!

Piadena, lì 13 dicembre 2018

Coordinamento Comitati contro le autostrade Cr-Mn e Ti-Bre - Legambiente Lombardia WWF Cremona – Salviamoilpaesaggio - Noi Ambiente e Salute - Associazione Persona Ambiente Acli provinciali Cremona - Legambiente Cremona - Ambientalisti Lombardia - Acli Casalmaggiore Condotta Slow food Oglio Po - Lega di Cultura di Piadena - CreaFuturo per le energie rinnovabili Cremona - Comunità “Laudato Sì” città di Viadana – Arcibassa Gussola

Volantino  distribuito oggi a Piadena e dintorni.

Per il coordinamento comitati e associazioni ambientaliste del territorio

Cesare Vacchelli

14 dicembre 2018

219 visite

Articoli correlati