Martedì, 04 ottobre 2022 - ore 06.30

CONTINUA L'EFFETTO PUTIN: OBAMA AVVIA IL CAMBIAMENTO DELLA GEOPOLITICA DEL GAS

L'Amministrazione Presidenziale degli Stati Uniti d'America aumenta le esportazioni di oro blu per contrastare il predominio della Russia nel settore dell'energia mondiale dopo l'annessione militare della Crimea

| Scritto da Redazione
CONTINUA L'EFFETTO PUTIN: OBAMA AVVIA IL CAMBIAMENTO DELLA GEOPOLITICA DEL GAS

La Polonia supporta la realizzazione di un'Unione Energetica che comprende anche l'Ucraina.

Un aiuto da Oltreoceano che sa tanto di nuovo Piano Marshall. Nella giornata di lunedì, 24 Marzo, l'Amministrazione del Presidente degli Stati Uniti d'America, Barack Obama, ha dato il via libera all'esportazione di 22,65 milioni di metri cubi di gas liquefatto dall'Oregon come primo passo per la messa a disposizione dei giacimenti USA di shale -oro blu estratto da rocce argillose poste a basa profondità- per decrementare la supremazia della Russia di Putin nel campo dell'energia.

La decisione, che è una delle sanzioni adottate contro l'annessione armata della Crimea -un fatto che ha violato accordi internazionali che garantivano l'inviolabilità dell'Ucraina in cambio della denuclearizzazione dell'esercito ucraino- segue le dichiarazioni rilasciate dal Segretario USA all'Energia, Ernest Moniz, che, come riportato dall'autorevole Bloomberg, ha evidenziato come l'Amministrazione Obama stia considerando l'aumento della vendita di LNG dalla Louisiana, da cui la compagnia Cheniere già esporta gas liquefatto in Gran Bretagna dal 2012.

Il Segretario Moniz ha recepito la necessità per gli USA di avvalersi degli enormi giacimenti di shale sul suo territorio per dare un aiuto concreto all'Europa a diminuire la dipendenza dalle importazioni di gas dalla Russia di Putin -che spesso si avvale delle risorse energetiche come mezzo di coercizione geopolitica a danno di Paesi terzi, anche appartenenti all'Unione Europea- e, per questo, ha evidenziato come l'Amministrazione Presidenziale di Obama stia implementando anche la realizzazione di nuovi rigassificatori entro il 2018 per incrementare l'esportazione di LNG.

Oltre agli USA, attività sul piano energetico è stata adottata anche dalla Polonia, il cui premier, Donald Tusk, ha dichiarato la necessità di implementare la realizzazione di un'Unione Energetica che comprenda non solo i Paesi dell'Unione Europea, ma anche l'Ucraina.

Come dichiarato da Tusk, il progetto serve per assicurare rifornimenti di gas russo dalla Germania all'Ucraina attraverso l'utilizzo inverso dei gasdotti di Polonia, Ungheria e Slovacchia, che, come dichiarato dal Premier Robert Fico, ha già dato il suo via libera per rifornire di oro blu il territorio ucraino.

Tusk ha anche dichiarato che l'Unione Energetica è un progetto necessario anche per veicolare gas importato da fonti diversificate tra tutti gli Stati membri UE per diminuire la quantità di carburante, e sopratutto la dipendenza, che alcuni Paesi dell'Unione, tra cui la Polonia e il resto dei Paesi dell'Europa Centrale, soffrono dalla Russia di Putin.

ENI avvia contatti con la Libia

Chi, forse, si è accorto della necessità di diversificare le forniture di gas dalla Russia sembra essere anche l'ENI, che, rappresentata dall'Amministratore Delegato Paolo Scaroni, sempre lunedì, 24 Marzo, ha avviato contatti con il Premier della Libia, Abdullah Al Thanay, come riportato dall'autorevole Reuters.

Il venir meno delle importazioni di gas dalla Libia dopo il mutamento politico a Tripoli del 2011 ha fatto si che la quota di gas russo importata dall'Italia salisse fino a quasi il 40%: una situazione che ha portato il nostro Paese ad essere fortemente dipendente dalle forniture di Mosca.

Ad aggravare la situazione di dipendenza dell'Italia dalla Russia è anche il progetto Southstream: gasdotto, frutto di un accordo tra Putin e Berlusconi, che veicolerebbe 63 Miliardi di metri cubi di gas dal territorio russo a quello italiano attraverso i Balcani e che, così, ci renderebbe ancor più dipendenti dalle risorse di oro blu del Cremlino.

Proprio per arginare questa situazione di emergenza, l'Italia ha approvato in Parlamento la realizzazione del Gasdotto Trans Adriatico -TAP- infrastruttura, sostenuta dalla Commissione Europea, concepita per veicolare in Salento dalla Grecia attraverso l'Albania un minimo di 10 Miliardi di metri cubi di gas proveniente dall'Azerbaijan.

La TAP, che rende l'Italia l'hub nell'UE del gas azero, e così incrementa la posizione del nostro Paese in ambito europeo, è stata fortemente sostenuta dal Partito Democratico, che assieme a Nuovo Centro Destra, Forza Italia, Scelta Civica e Socialisti ha votato a favore del progetto, ed ha posto in minoranza l'opposizione di Movimento 5 Stelle, Lega Nord, Fratelli d'Italia e Sinistra-Ecologia-Libertà.

Matteo Cazzulani

m.cazzulani@gazeta.pl

Twitter @MatteoCazzulani

Facebook Matteo Cazzulani

http://matteocazzulaniinternational.wordpress.com

1167 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria