Mercoledì, 05 ottobre 2022 - ore 06.46

Cop26: in 23 dicono basta ai crediti all’esportazione ambientalmente dannosi. C’è anche l’Italia

Greenpeace, Legambiente e Wwf: bene, segnale concreto per la decarbonizzazione. Ora roadmap per abolirli anche in Italia

| Scritto da Redazione
Cop26: in 23 dicono basta ai crediti all’esportazione ambientalmente dannosi. C’è anche l’Italia

L’Italia, aderendo all’iniziativa promossa dal governo britannico è tra i 23 firmatari – Agence Française de Développement (AFD), Albania, Banco de Desenvolvimento de Minas Gerais (BDMG); Canada; Costa Rica; Danimarca; The East African Development Bank (EADB); European Investment Bank (EIB); Etiopia; Fiji; Finlandia; Financierings-Maatschappij voor Ontwikkelingslanden NV (FMO), Gambia; Italia; Mali; Isole Marshall; Nuova Zelanda; Moldova; Portogallo; Slovenia; Sud Sudan; Svezia; Svizzera; Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord; Stati Uniti d’America; Zambia  – del nuovo “Statement on international pubblic support for clean energy transition” nel quale si legge: «In occasione della COP26, noi [sottoscritti] ci impegniamo nelle seguenti azioni per allineare il nostro sostegno pubblico internazionale verso la transizione verso l’energia pulita e l’eliminazione senza sosta dei combustibili fossili. La nostra azione congiunta è necessaria per garantire che il mondo sia su un percorso ambizioso e chiaramente definito verso le emissioni net zero, che sia coerente con il limite di riscaldamento di 1,5° C e gli obiettivi dell’Accordo di Parigi, nonché con la migliore scienza e tecnologia disponibile. Queste misure aiuteranno a stimolare uno sviluppo economico sostenibile, resiliente e inclusivo a livello globale e sosterranno una transizione giusta per le comunità colpite: 1, Daremo priorità al nostro sostegno alla transizione verso l’energia pulita, utilizzando le nostre risorse per migliorare ciò che può essere fornito dal settore privato. Questo sostegno dovrebbe mirare a “non arrecare danni significativi” agli obiettivi dell’Accordo di Parigi, alle comunità locali e agli ambienti locali.  2. Inoltre, porremo fine senza sosta al nuovo sostegno pubblico diretto al settore energetico internazionale dei combustibili fossili entro la fine del 2022, tranne in circostanze limitate e chiaramente definite che siano coerenti con un limite di riscaldamento di 1,5°C e gli obiettivi dell’accordo di Parigi. 3. Incoraggeremo altri governi, le loro agenzie ufficiali di credito all’esportazione e le istituzioni finanziarie pubbliche ad attuare impegni simili nella COP27 e oltre. Questo include la guida di negoziati multilaterali negli organismi internazionali, in particolare nell’OCSE, per rivedere, aggiornare e rafforzare i loro quadri di governance per allinearli agli obiettivi dell’Accordo di Parigi. Per i firmatari dei governi, questo guiderà anche il nostro approccio nei  consigli di amministrazione delle banche multilaterali di sviluppo». Iinoltre i 23 firmatari delllo Statement on international pubblic support for clean energy transition” ricnonoscono: «1. i risultati dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) e l’analisi net-zero dell’IEA mostrano che nei percorsi coerenti con un limite di riscaldamento di 1,5° C e gli obiettivi dell’Accordo di Parigi, la produzione globale e l’uso di combustibili fossili devono diminuire significativamente senza sosta entro il 2030; 2. che l’allineamento accelerato dei flussi finanziari internazionali del settore pubblico e privato è fondamentale per guidare le transizioni energetiche, l’accesso all’energia e sostenere lo sviluppo di tecnologie pulite sia emergenti che esistenti, migliorando i mezzi di sussistenza e le prospettive occupazionali in tutto il mondo; 3. il progresso, guidato in parte consentendo investimenti delle finanze pubbliche, nella riduzione dei costi delle alternative energetiche pulite come l’energia solare ed eolica per farle diventare meno costose dei combustibili fossili in quasi tutte le regioni del mondo, rivoluzionando e trasformando le opzioni e l’accesso all’energia; 4. che investire senza sosta in progetti energetici legati ai combustibili fossili comporta sempre più rischi sia sociali che economici, in particolare sotto forma di stranded assets, e ha conseguenze negative sulle entrate del governo, sull’occupazione locale, sui contribuenti, sui contribuenti dei servizi pubblici e sulla salute pubblica; 5. gli impatti devastanti della pandemia di Covid-19 e la necessità di riprendersi meglio e più green per una ripresa economica sostenibile che salvi vite e migliori i mezzi di sussistenza».

Per Greenpeace, Legambiengte e Wwf, «Sono questi i segnali concreti sulla strada della decarbonizzazione che auspichiamo escano dalla COP 26: bene che l’Italia, aderendo alla iniziativa promossa dal governo UK, sia fra le nazioni leader a livello mondiale che hanno deciso a Glasgow di porre fine ai finanziamenti all’estero a sostegno dei combustibili fossili. Mettere fine ai Sussidi Ambientalmente Dannosi forniti dall’Italia fuori dai confini è un ottimo segnale che speriamo si traduca, come chiesto nel Green Deal Europeo, nella definizione di una roadmap per la progressiva cancellazione dei SAD, entro il 2030, per i combustibili fossili anche nel nostro Paese che ancora oggi ammontano a 17,7 miliardi di euro».

Le tre organizzazioni ambientaliste italiane ricordano che «Nel 2015, l’Italia è stato il terzo Paese al mondo a fornire crediti per progetti all’estero finanziati con fondi pubblici (14), preceduta da Germania (31) e Danimarca (18). Anche in termini finanziari l’Italia è stata il terzo Paese a sostenere il maggior volume di esportazioni con 1,87 miliardi di Diritti Speciali di Prelievo (DSP – particolare tipo di valuta unità di conto del FMI -Fondo Monetario Internazionale).  preceduta dalla Germania (3,58 miliardi di DSP) e dal Giappone (2,40 miliardi di DSP). Il ruolo principale dei crediti e delle garanzie all’esportazione è quello di promuovere il commercio in un ambiente competitivo, fornendo incentivi economici positivi per le imprese e gli attori privati per entrare in mercati rischiosi. Ma le stesse istituzioni multilaterali non hanno chiare restrizioni in merito a quali tecnologie evitare di finanziare, con la conseguenza di fornire comunque importanti agevolazioni a progetti ad alto impatto ambientale, spesso giustificati da obiettivi di sviluppo non necessariamente sostenibili per i paesi in cui l’attività è condotta».

Greenpeace, Legambiente e Wwf concludono: «Per questo la decisione di oggi è un ulteriore passo avanti – riguardando non solo il carbone ma tutti i combustibili fossili – verso la sostenibilità ambientale delle scelte dei Paesi più ricchi sulla strada della decarbonizzazione».

245 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria