Lunedì, 27 gennaio 2020 - ore 11.03

Da chi siamo comandati? “Ma l’uomo è già impazzito”?, leggo spesso in giro…di Arnaldo De Porti

STIAMO COSTRUENDO UN MONDO DI CRETINI ED ACCETTIAMO CIO’ PASSIVAMENTE PERCHE’ CI SIAMO ROTTI GLI ORGANI GENITALI…

| Scritto da Redazione
Da chi siamo comandati? “Ma l’uomo è già impazzito”?,  leggo spesso in giro…di Arnaldo De Porti

Da chi siamo comandati? “Ma l’uomo è già impazzito”?,  leggo spesso in giro…di Arnaldo De Porti

STIAMO COSTRUENDO UN MONDO DI CRETINI ED ACCETTIAMO CIO’  PASSIVAMENTE PERCHE’ CI SIAMO ROTTI GLI ORGANI GENITALI…

Viviamo una stagione in cui abbiamo tutto per vivere bene e comodamente con la sola eccezione riconducibile a quella fascia sociale da sempre esistita tanto da considerarla “fisiologica”: è notorio infatti che sono sempre esistiti i poveri e che, questa triste condizione, non sempre è imputabile ad essi, vuoi per patologie varie, vuoi anche perché il progresso non sempre permette loro l’inserimento sociale non sapendo essi stare culturalmente al passo; e ciò  in aggiunta ad altre cose che sarebbero difficili da elencare in poco spazio, per cui, detto questo in soldoni, è necessario che le fasce più fortunate si occupino anche di chi sta peggio. Insomma: un bilancio, come amo dire spesso, ha poste attive e passive che devono influenzare in positivo il conto economico per poter reinvestire, guadagnare, ma anche assistere.

Purtroppo, questo concetto che riguarda da vicino anche l’Italia, paese ricco economicamente e culturalmente (checché  ne dicano i soliti ciarlatani della politica, spesso amplificati da mala-stampa) si viaggia in senso contrario: si distrugge anziché costruire. Quando, ad esempio, un soggetto si sforza per far andar avanti bene le cose, c’è sempre chi lo ostacola non già perché non gli piace ciò che sta facendo seppur in positivo, ma semplicemente perché, in nome di una democrazia di cui il predetto detrattore non sa nemmeno cosa significhi, egli ne sfrutta però pretestualmente il significato per portare acqua al suo mulino. La politica italiana di questi ultimi periodi si muove infatti in questo modo e gli Italiani che non ne possono più di questo andazzo obbrobrioso tanto da non poter reagire finiscono per accettare passivamente un coacervo di “cretineria politica” che li inchioda ad una corta di inerzia mentale che, alla fin fine, incretinisce anche il cervello, ove non si opti per diversivi che nulla hanno a che fare con la politica sperando di non trovarsi improvvisamente nel fondo di un burrone, realtà peraltro sfiorata più volte in quest’ultimo decennio.    E poi ci si lamenta se viene fuori l’uomo forte…, lungi da me questa macabra evenienza !

Ma se l’Italia si muove a questo modo, è agli occhi di tutti che il “cretinismo politico” regna ed impera in tutto il resto del mondo. Saremmo davvero in grado di esprimere certezze sulla salute politico-mentale dei vari Trump, Putin, Erdogan, Kim Jong-un ecc.ecc. e da ultimo, anche se mi pare meglio degli altri ( il che sarebbe tutto dire ) di  Xi Jingping,  Segretario Generale del partito comunista cinese che, malgrado io sia molto lontano dal comunismo, mi sembra il più a posto con la testa, tant’è che tutti succitati  “leader” lo temono  con apparente grande riverenza politica ?

Quanto poi sta facendo ora Erdogan in Turchia costituisce un anello del…cretinismo politico, realtà che, assommata alle teste di coloro che gestiscono malamente il mondo, di certo non porterà alla…Grotta di Betlemme, ma a guerre fratricide continue.

Diceva J.J Rousseau che l’uomo nasce buono e che sono le convenzioni a rovinarlo. E quanto sta succedendo nel mondo intero, da parte di alcuni “cretini”, suggella in toto il pensiero del famoso filosofo francese che, nel suo “Contratto Sociale”, scritto nel 1762, sembra stia sparando a zero contro l’attuale gestione del mondo.

Arnaldo De Porti

268 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria