Martedì, 23 luglio 2024 - ore 23.28

Elezioni Lombarde 12-13 febbraio Bentornato a Roberto Speranza | Paolo Bodini (Art.Uno-PD)

Lunedì prossimo 6 febbraio alle ore 18, presso il Civico 81 di via Bonomelli, sarà presente Roberto Speranza, già ministro della Salute con i Governi Conte 2 e Draghi e Segretario Nazionale di Articolo Uno.

| Scritto da Redazione
Elezioni Lombarde 12-13 febbraio Bentornato a Roberto Speranza | Paolo Bodini (Art.Uno-PD)

Elezioni Lombarde 12-13 febbraio Aspettando Speranza, con speranza! | Paolo Bodini (Art.Uno-PD)

 Lunedì prossimo 6 febbraio alle ore 18, presso il Civico 81 di via Bonomelli, sarà presente Roberto Speranza, già ministro della Salute con i Governi Conte 2 e Draghi e Segretario Nazionale di Articolo Uno.

Viene a Cremona e poi andrà a Brescia, ma passerà prima anche da Crema, per sostenere le candidature dei rappresentanti di Articolo Uno presenti in queste due città nella Lista del PD- Lombardia Democratica e Progressista a sostegno di Pierfrancesco Majorino.

E’ per me un motivo di grande soddisfazione che Speranza venga a Cremona in mio sostegno: ho avuto modo di conoscerlo personalmente in varie occasioni e ho sempre tratto l’impressione di una persona molto seria e preparata sui vari temi politici.

In particolare l’ho apprezzato molto come Ministro della Salute nel difficilissimo periodo del Covid, dove la sua rigorosa linea politica, sostenuta dalle più aggiornate e motivate informazioni scientifiche, non solo ha portato l’Italia fuori dalla pandemia nel migliore possibile dei modi, ma è stata anche di esempio per numerosi altri paesi nel mondo.

Ma vorrei qui ricordare anche un’altra cosa per cui tutti dobbiamo essere grati a Roberto Speranza: dopo oltre un decennio in cui costantemente governi di centro destra e centro sinistra avevano tagliato i fondi al Servizio Sanitario Nazionale, il primo governo che significativamente invertì questa rotta fu il Governo “Conte 2”.  Roberto Speranza, indicato come Ministro della Salute, condizionò la sua accettazione proprio al fatto che si iniziasse a reinvestire nella sanità pubblica.  Nel settembre 2019 fu stanziato un miliardo in più per il SSN nell’anno corrente ed altri due in più nei successivi, riaprendo anche i concorsi per medici e infermieri, bloccati da tempo.  E ciò prima che scoppiasse la pandemia.  Questo per dire che aveva idee chiare su cosa bisognasse fare per il bene dei cittadini italiani ben prima che un’emergenza brutale come quella del Covid facesse riscoprire a tutti l’importanza di un Sistema Sanitario pubblico e di una medicina territoriale efficiente.

Adesso tanti se ne riempiono la bocca, a cominciare da coloro che in Regione Lombardia per più di 25 anni lo hanno bistrattato e che ora si propongono come coloro che metteranno rimedio ai danni da loro stessi provocati: davvero incredibile! Si può solo sperare che in tanti ricordino la pessima gestione dell’emergenza sanitaria e cerchino per quanto sia loro possibile di far sì che la Lombardia sia messa nelle mani chi più può dare garanzia di un deciso cambio di passo per la sanità e non solo

Paolo Bodini ((Art.Uno-PD) Cremona

 

719 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online