Mercoledì, 19 settembre 2018 - ore 20.47

Federconsumatori su Lega Calcio e Pay TV

"Alla fine il Consumatore paga di più".

| Scritto da Redazione
Federconsumatori su Lega Calcio e Pay TV

Come noto, nei primi mesi dell’estate, la Lega Calcio ha approvato i tre pacchetti sportivi che non possono essere trasmessi da un unico operatore televisivo.

In particolare, per quanto riguarda i diritti Tv per gli anni 2018 – 2021, la volontà della Lega di serie A è stata quella di prediligere un bando per prodotti e non per piattaforme, che non tiene conto della suddivisione per squadre.

Questo, in fase di aggiudicazione dei diritti televisivi, ha visto Sky quale società che si è aggiudicata il maggior numero di partite di serie A (7 su 10) lasciando agli altri operatori e partite rimanenti.

La novità, però, di quest’anno ha visto un nuovo operatore sulla scena, DAZN, operatore che trasmette solo via internet, insomma una sorta di Netflix delle partite sportive.

Tutto questo, che può sembrare il paradiso della concorrenza perfetta, in realtà ha introdotto una svolta rivoluzionaria nel mondo della pay tv: prima si poteva optare o per Sky o per Mediaset Premium e con un unico abbonamento il consumatore poteva vedere tutte le partite di calcio oggi, invece, vi è l’obbligo di sottoscrivere un abbonamento verosimilmente con Sky, che ha visto aggiudicarsi il maggior numero di partite, ed un altro con la piattaforma DAZN.

Ma, oltre ai costi diretti dei doppi abbonamenti, per poter usufruire al meglio di un servizio pagato quindi a caro prezzo, vi sono costi indiretti che il consumatore deve tener conto, come il costo di una buona connessione ad internet, tenendo in considerazione il fatto che non tutto il territorio italiano è coperto da fibra ottica, nonché il possibile cambio del televisore con una Tv di nuova generazione o perlomeno di apparecchiature che

permettano la trasmissione delle immagini da tablet, pc o smartphone al televisore.

Secondo il Presidente di Federconsumatori Milano, dott. Carmelo Benenti, “tale cambiamento, che idealmente potrebbe essere visto positivamente, alla fine si è tradotto, allo stato attuale, meramente in un esborso economico per il consumatore, quasi 60€ in più annui, di fatto senza migliorare alcun servizio. Ma oltre a questo, la scelta della Lega Calcio di frazionare l’offerta e di trasmettere gli highlights prima sul web che in Tv, rischia di andare a ledere i diritti dei lavoratori del settore oltre che intaccare i diritti dei tifosi e dei consumatori” continua sempre Carmelo Benenti, “a questo punto invitiamo tutti i cittadini che stanno sottoscrivendo i doppi abbonamenti ad inviarci le segnalazioni dei disservizi che stanno avendo alla mail federconsumatorimilano@federconsumatori.milano.it, in modo da poter dar voce ad una tutela collettiva dei diritti”.

FEDERCONSUMATORI MILANO: Corso di Porta Vittoria 43 – 20122 Milano - tel. 02 60830081

federconsumatorimilano@federconsumatori.milano.it

354 visite

Articoli correlati