Lunedì, 20 novembre 2017 - ore 23.53

Intervista a Michel Marchi Sindaco di Gerre de Caprioli sull necessità della STRADA SUD di Cremona

Il problema della Strada SUD ( quella che passerebbe parallela a Via Giordano nella golena del Po) è stato riaperto da un lato dal Comitato di Quartiere e dai cittadini che sono stanchi di respirare smog e dall’altro da una lettera di Michel Marchi , Sindaco di Gerre de Caprioli, che, come amministratore ha inviato una lettera Galimberti. In questa intervista le opinioni del sindaco di Gerre de Caprioli.

| Scritto da Redazione
Intervista a Michel Marchi Sindaco di Gerre de Caprioli sull necessità della STRADA SUD di Cremona Intervista a Michel Marchi Sindaco di Gerre de Caprioli sull necessità della STRADA SUD di Cremona Intervista a Michel Marchi Sindaco di Gerre de Caprioli sull necessità della STRADA SUD di Cremona Intervista a Michel Marchi Sindaco di Gerre de Caprioli sull necessità della STRADA SUD di Cremona

Il problema della Strada SUD  ( quella che passerebbe parallela a Via Giordano nella golena del Po) è stato riaperto da un lato dal Comitato di Quartiere e dai cittadini che sono stanchi di respirare smog e dall’altro da una lettera di Michael Marchi , Sindaco di Gerre de Caprioli, che, come amministratore ha inviato una lettera  Galimberti. In questa intervista le opinioni del sindaco di Gerre de Caprioli.

Il primo articolo che appare sul sito del welfare è dell’8 maggio 2011. Ma della questione se né parlava già prima. È stata fatto anche un sondaggio sul sito che ha visto il coinvolgimento   in pochi giorni 13641 navigatori con  11735 (86,03%) contrari e 1906 favorevoli  (13,97%)  ( vedi articolo correlato del 20 maggio 2016).

Sempre sul sito troverete una intervista (video)   del 2 novembre 2015  all’Avv.Antonino Rizzo dove spiega  il ‘ perché  si è vinto  evitato un ulteriore consumo di territorio. Questa area resterà quindi a disposizione dei cittadini cremonesi che per le loro passeggiate ed attività sportive in mezzo alla natura’.

Già allora però qualcuno, sito del welfare compreso, poneva la questione di studiare le modalità di convocazione di  un referendum vero in modo che i cittadini cremonesi  possano esprimersi.

Il comune di Cremona poi revocò lo strumento urbanistico e quindi la possibilità di riaprire il problema. Del resto il  NO alla Strada SUD era contenuto  nel programma elettorale del Sindaco Galimberti

Ma perché il problema si riapre oggi? Credo per  tre ragioni:

  • L’impossibilità da parte dell’attuale amministrazione di alleggerire il traffico su Via Giordano;
  • L’aumentata paura o ansia- da parte dei cittadini- dei rischi di malattie da inquinamento;
  • La pressione degli automobilisti dei comuni limitrofi verso le loro amministrazioni comunali (vedi la presa di posizione del sindaco di Gerre de Caprioli).

Il centro-destra cremonese non poteva perdere un’occasione così ghiotta a distanza di  circa un anno e mezzo dalla scadenza elettorale e cavalcando il malcontento propone il referendum che però trova l’opposizione degli amministratori di centro-sinistra.

Che succederà? Non lo sappiamo. Certo è che questa questione sicuramente salirà di tono coinvolgendo sempre di più centinaia di cittadini della zona di Via Giordano sostenuti dal centrodestra che da sempre è stato favorevole alla Strada Sud.

Appare quindi oggi un problema irrisolvibile anche perché, da quanto si possa capire, gli interventi di riqualificazione di Via Giordano non sono graditi ai cittadini ed hanno tempi lungi.

Red/welcr/gcst

Allegati audio:

Audio 1:

439 visite

Articoli correlati