Lunedì, 29 novembre 2021 - ore 16.16

La crisi climatica fa aumentare l’eco-ansia, soprattutto tra i giovani

Trascurare gli effetti dell'aumento dell'eco-ansia rischia di esacerbare le disuguaglianze sanitarie e sociali

| Scritto da Redazione
La crisi climatica fa aumentare l’eco-ansia, soprattutto tra i giovani

L’allarme su una catastrofe climatica prossima ventura si è incarnato nell’ultimo rapporto “Climate Change 2021: the Physical Science Basis” dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC)  pubblicato ad agosto e che il segretario generale dell’Onu, António Guterres, ha definito «Un codice rosso per l’umanità», aggiungendo che «Le emissioni di gas serra dovute alla combustione di combustibili fossili e alla deforestazione stanno soffocando il nostro pianeta e mettendo a rischio immediato miliardi di persone, e molti dei cambiamenti stanno diventando irreversibili».  Ma per gli eco-ansiosi, lo straordinario livello di indifferenza e banalità con cui la crisi climatica viene trattata da molti, compresi quelli il leader politici e i governi, è più preoccupante anche di questa notizia apocalittica.

Da quando è stata probabilmente descritta per la prima volta nello studio “Mental health and our changing climate: impacts, implications, and guidance”, pubblicato nel 2017  dall’ American Psychological Association e da ecoAmerica 2017 dall’American Psychiatric Association, l’eco-ansia , la paura cronica del nostrodestino ambientale, sta crescendo e «Pur non essendo ancora formalmente considerata una condizione diagnosticabile, sta aumentando il riconoscimento dell’ecoansia e delle sue complesse risposte psicologiche, così come i suoi impatti sproporzionati sui bambini, sui giovani e sulle comunità con meno risorse per superare le conseguenze negative del crisi climatica».

Un approfondimento appena pubblicato da Bmj si chiede: «L’eco-ansia è importante se confrontata con i più familiari impatti dei cambiamenti climatici sulla salute fisica, come lo stress legato al caldo, l’asma e le allergie, le malattie trasmesse da vettori e le conseguenze sulla salute di inondazioni e siccità? Il vero onere dei suoi costi e delle sue conseguenze deve ancora essere stimato, ma è probabile che sia significativo e potenzialmente dannoso per gli individui e la società».

Il briefing paper “The impact of climate change on mental health and emotional wellbeing: current evidence and implications for policy and practice”, pubblicato a maggio da Imperial College London, Institute of global health innovation e Grantham Institute, «Le prove indicano una chiara relazione tra l’esperienza degli effetti del cambiamento climatico e l’aumento dei rischi di depressione, cattivo umore, disagio mentale estremo, disturbo da stress post-traumatico, suicidio e ulteriore deterioramento in coloro che hanno una storia di malattia mentale».

Lo studio “Eco-reproductive concerns in the age of climate change”, pubblicato su Climate Change nel novembre 2020, condotto negli Stati Uniti,  ha mostrato tra gli intervistati di età compresa tra 27 e 45 anni «Alti livelli di paura per la loro prole alle prese con un’apocalisse climatica e il fattore del cambiamento climatico nelle loro scelte riproduttive». Sebbene l’entità di questa ansia sia sconosciuta, è probabile che cresca in tutto il mondo.

Un sondaggio realizzato nel 2020 dal Royal College of Psychiatrists tra gli psichiatri infantili in Inghilterra ha evidenziato che il 57% di loro ha a che fare con bambini e giovani angosciati dalla crisi climatica e dallo stato dell’ambiente.

Che l’ansia climatica sia un fenomeno globale è stato confermato di recente dal più grande sondaggio fatto a livello internazionale sull’ansia climatica nei giovani di età compresa tra 16 e 25 anni  – “Young People’s Voices on Climate Anxiety, Government Betrayal and Moral Injury: A Global Phenomenon” . i cui risultati sono stati pubblicati su The Lancet,  che ha dimostrato che «I fattori psicologici (emotivi, cognitivi, sociali e funzionali) dei cambiamenti climatici stanno “intaccando profondamente un numero enorme di questi giovani in tutto il mondo».

I ricercatori dicono che non sorprende che gli intervistati dei Paesi del “sud globale”, che potrebbero aver sperimentato o osservato il cambiamento climatico, abbiano espresso maggiore preoccupazione, ma molti giovani di tutti i Paesi hanno riferito di sentirsi «molto o estremamente preoccupati e che i loro sentimenti sul clima il cambiamento avevano influenzato la loro vita quotidiana». Inoltre, questo è il primo studio a fornire approfondimenti su come le emozioni dei giovani siano legate ai loro sentimenti di tradimento e abbandono da parte dei governi e degli adulti: ritengono che i governi non rispondano in modo adeguato, lasciando i giovani «senza futuro» e «l’umanità condannata».

I ricercatori ricordano che «Gli impatti sulla salute mentale della crisi climatica hanno profonde implicazioni. Le risposte psicologiche, come l’evitamento dei conflitti, la paura, l’impotenza e la rassegnazione, sono seri ostacoli all’azione collettiva per mitigare l’ulteriore riscaldamento globale e per costruire strategie di resilienza e adattamento. Trascurare gli effetti dell’aumento dell’eco-ansia rischia di esacerbare le disuguaglianze sanitarie e sociali tra coloro che sono più o meno vulnerabili a questi impatti psicologici. Gli effetti socioeconomici, ancora nascosti e non quantificati, si aggiungeranno notevolmente ai costi nazionali per affrontare la crisi climatica».

Allora, cosa fare per alleviare i crescenti livelli di ansia climatica? La cosa migliore per far aumentare l’ottimismo e la speranza nei giovani e negli anziani eco-ansiosi è garantire che abbiano accesso alle informazioni migliori e più affidabili sulla mitigazione e l’adattamento climatico. Particolarmente importanti sono le informazioni su come potrebbero connettersi più fortemente con la natura, contribuire a scelte più verdi a livello individuale e unire le forze con comunità e gruppi che la pensano allo stesso modo.

Trascorrere del tempo con la famiglia in natura è una delle tante azioni suggerite dal Royal College of Psychiatrists per gestire l’eco-ansia nei bambini e nei giovani. E’ utile anche aiutare le persone a sviluppare la loro resilienza emotiva e il loro ottimismo.

Bmj  conclude: «La crisi climatica è una minaccia esistenziale e la paura per il futuro non può essere affrontata completamente finché non viene messa in atto una strategia globale comune e unita per affrontare la causa principale, il riscaldamento globale, e per dare a tutti, specialmente ai giovani e alle comunità più vulnerabili, la speranza di un futuro migliore». L’illustre economista americano John Kenneth Galbraith, ha detto: “Tutti i grandi leader hanno avuto una caratteristica in comune: la volontà di affrontare è nient’altro che l’essenza della leadership”. Dobbiamo sperare che i nostri leader riconoscano le sfide future, la necessità di agire ora e l’impegno necessario per creare un percorso verso un futuro più felice e più sano, senza lasciare indietro nessuno».

68 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria