Giovedì, 28 ottobre 2021 - ore 19.52

#Lottacoronavirus Giuseppe Conte comunica ‘ITALIA CHIUSA’ fino al 13 aprile,Il testo del DPCM

La decisione del governo è di «prorogare fino al 13 aprile tutte le misure di limitazione alle attività e agli spostamenti individuali finora adottate». La conferma, dopo l'annuncio del ministro Speranza nella relazione al Senato, arriva con la conferenza stampa di Giuseppe Conte

| Scritto da Redazione
#Lottacoronavirus Giuseppe Conte comunica ‘ITALIA CHIUSA’ fino al 13 aprile,Il testo del DPCM

#Lottacoronavirus Giuseppe Conte comunica ‘ITALIA CHIUSA’ fino al 13 aprile,Il testo del DPCM

La decisione del governo è di «prorogare fino al 13 aprile tutte le misure di limitazione alle attività e agli spostamenti individuali finora adottate». La conferma, dopo l'annuncio del ministro Speranza nella relazione al Senato, arriva con la conferenza stampa di Giuseppe Conte 

"Ci rendiamo conto che vi chiediamo un ulteriore sforzo, ma se noi smettessimo ora, se iniziassimo ad allentare queste misure, tutti gli sforzi sarebbero vani". Così il premier Giuseppe Conte, in conferenza stampa. "Saremmo costretti a ripartire di nuovo - ha detto -, non ce lo possiamo permettere".

Solo dopo questo ulteriore sacrificio, si potrà pensare alle fase due in cui si convive con il virus, e alla fase tre, cioè l'uscita dell'emergenza, la ricostruzione e il rilancio della nostra vita sociale ed economica.

Sul "dopo" una cosa, per ora, sembra certa: la ripartenza dovrà avvenire in modo scaglionato per tipologia di attività e per Regioni. Ci sono inoltre da valutare, in caso di un allentamento della stretta, gli effetti per i "ponti" in arrivo del 25 aprile e del 1° maggio.

Gli esperti intanto si raccomandano e insistono sulla necessità di avere un quadro globale dei casi di positività e anche di chi è certamente guarito avendo sviluppato anticorpi al virus SarsCov2

Mentre Andrea Crisanti, virologo dell’Università di Padova, ipotizza un riavvio secondo un piano di sicurezza articolato su tre livelli: distribuzione di dispositivi di protezione individuale elevata non solo per gli operatori sanitari, ma per tutti i lavoratori; tamponi per tutto il personale delle aziende; tracciabilità dei dipendenti per individuare subito i contatti in caso di positività. Intanto si moltiplicano le spinte politiche alla riapertura delle attività e, quindi, alla risalita economica, che si preannuncia durissima.

In allegato il testo del DPCM dl 1° di aprile 2020

 

Allegati Pdf:

Allegato PDF 1

336 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online