Domenica, 22 settembre 2019 - ore 03.53

NO alla STRADA SUD Referendum poco efficace e costoso di Elia Sciacca (Cremona)

Chiediamoci piuttosto cosa intende fare l’amministrazione comunale di serio ed efficace per tentare di risolvere il grave problema della congestione stradale del traffico e soprattutto dell’inquinamento veicolare e non solo

| Scritto da Redazione
NO alla STRADA SUD Referendum poco efficace  e costoso di Elia Sciacca (Cremona)

NO alla STRDA SUD Referendum poco efficace  e costoso di Elia Sciacca (Cremona)

Chiediamoci piuttosto cosa intende fare l’amministrazione comunale di serio ed efficace per tentare di risolvere il grave problema della congestione stradale del traffico e soprattutto dell’inquinamento veicolare e non solo

Egr. Direttore gradirei rammentare ai lettori che nel referendum del 18 giugno 1994,  35.828 cremonesi votarono un referendum ed il 58% dei votanti disse sì all’abrogazione della delibera comunale riguardante la localizzazione dell’inceneritore, ma  si costruì egualmente e dopo alcuni anni ne costruirono un altro, pertanto presumo che un altro referendum consultivo, sulla strada Sud sia poco efficace e sebbene sia pienamente legittimo  si andrà incontro ad una notevole spesa, io personalmente, sono contrario alla realizzazione della strada Sud per diversi motivi e ne elenco alcuni

1.Non c’è nessuna certezza che l’inquinamento ed il traffico in via Giordano diminuirà, sono solo ipotesi difficilmente dimostrabili.

2 Non dimentichiamoci che a detta dei ricorrenti che presentarono ricorso nel 2011 tramite l’avvocato Antonino Rizzo, bloccando di fatto l’iter procedurale autorizzativo, i ricorrenti contestavano il fatto, che la deliberazione comunale di allora fosse illegittima, in quanto allora non aveva previsto il VIA,( Valutazione impatto ambientale) sebbene la regione avesse dato il benestare, violando anche la legge regionale sulle aree protette, e il progetto non era ottemperante alla legge nazionale sul codice degli appalti di derivazione comunitaria in quanto la progettazione fu commissionata all’autostrada A21 che non è legittimata in virtù del codice degli appalti tra i soggetti che possono progettare le opere pubbliche

Infine il sindaco Galimberti ha confermato in data 31 ottobre 2017 ai promotori del no alla strada sud con l’avvallo di ben 7.000 firme certificate, che l’opera verrà stralciata dichiarando a chiare lettere che “La nostra visione della città non prevede altro cemento” che tradotto significa che la realizzazione della strada sud per molti anni verrà accantonata e forse definitivamente cassata.

Chiediamoci piuttosto cosa intende fare l’amministrazione comunale di serio ed efficace per tentare di risolvere il grave problema della congestione stradale del traffico e soprattutto dell’inquinamento veicolare e non solo, che attanaglia la nostra città con un indice elevato e preoccupante di tumori già evidenziato dall’indagine epidemiologica in atto da parte dell’Ats, ricordando ai lettori che le soglie dei particolati PM 10 ossidi di azoto ecc, imposti dalla comunità Europea vengono sistematicamente superati da oltre dieci anni nell’indifferenza generale

Elia Sciacca (Cremona)

1441 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online