Martedì, 22 gennaio 2019 - ore 07.06

Proiezione del film “LA MOGLIE PIU’ BELLA" – di Damino Damiani – Italia – 1970

| Scritto da Redazione
Proiezione del film “LA MOGLIE PIU’ BELLA

Secondo appuntamento della della rassegna di film “CINEMA E MAFIA: I FILM CHE NON CONOSCETE” organizzata dall' Associazione La Conta e dalla Scuola di Formazione Politica Antonino Caponnetto in collaborazione e con il contributo del Consiglio di Zona 1 del Comune di Milano, con l’adesione di LIBERA Associazioni, nomi e numeri contro le mafie, di S.A.O. Saveria Antiochia Omicron, di Stampo Antimafioso (www.stampoantimafioso.it) e di Radio Popolare (Media partner) che ci sarà, con ingresso libero e gratuito, venerdì 2 marzo 2012, alle ore 21.00 al CAM Garibaldi – Corso Garibaldi 27/A a Milano.

Presenta la serata Barbara Sorrentini (giornalista di Radio Popolare ed altre testate, specialista di Cinema) che ci parlerà del film e del suo significato e Jole Garuti di S.A.O. Associazione Saveria Antiochia Omicron, che interverrà sulla condizione della vita delle donne nella famiglia mafiosa e nella nostra Società.

LA MOGLIE PIU’ BELLA

Un film di Damiano Damiani. Con Alessio Orlando, Amerigo, Tot, Joe Sentieri, Ornella Muti, Pierluigi Aprà, Tano Cimarosa - Drammatico, colore durata 108 min. Italia 1970.

Il film è ambientato in una Sicilia contadina dove regna la legge mafiosa della lupara. Francesca Cimarosa (Ornella Muti), è una ragazza quindicenne, figlia di contadini, di cui si innamora Vito Juvara (Alessio Orano), mafioso ricco ed in ascesa. I genitori di lei sono orgogliosi di dare al boss la mano della figlia. Lei acconsente a fidanzarsi, ma ben presto scopre il maschilismo del fidanzato, ed allora si ribella fino a respingerlo del tutto. La reazione di lui è quella di sottoporre la promessa sposa a violenza carnale. Il fidanzato Vito rispecchia la mentalità di un’arcaica civiltà giuridica italiana, quando il codice penale prevedeva il matrimonio riparatore per annullare il doppio reato di ratto e violenza carnale. L’intenzione del mafioso era di far valere fino in fondo il maschilismo e sottoporre la ragazza al disonore basato su consuetudini che la avrebbero condannata.

LA RASSEGNA “CINEMA E MAFIA: I FILM CHE NON CONOSCETE”

Nel 2012 ricorre il ventesimo anniversario delle stragi mafiose di Capaci e via D’Amelio in cui vennero uccisi i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e gli agenti delle scorte. Inoltre è il trentennale dell’assassinio di Pio La Torre e del prefetto di Palermo generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. La rassegna “CINEMA E MAFIA: I FILM CHE NON CONOSCETE” vuole essere un contributo per far rivivere la memoria e per rompere il silenzio tanto prezioso per i traffici mafiosi, riproponendo alcuni tra i film più belli e significativi. Cinque serate contro tutte le mafie per conoscere e contribuire a debellare queste terribili le piaghe sociali.

 

2020 visite

Articoli della stessa categoria

AL GALLINI DI VOGHERA IL PRIMO MUSEO  NAZIONALE DEDICATO ALLA PITTURA FITOPATOLOGICA DI CARAVAGGIO

AL GALLINI DI VOGHERA IL PRIMO MUSEO NAZIONALE DEDICATO ALLA PITTURA FITOPATOLOGICA DI CARAVAGGIO

A fare gli onori di casa ci ha pensato Silvana Bassi, dirigente scolastico dell’istituto Gallini e neo-presidente del Museo: da oggi dunque, presso l’Aula Magna di una tra le più prestigiose scuole vogheresi, si trova il primo Museo storico nazionale permanente della pittura fitopatologica del lombardo “Michelangelo Merisi detto Caravaggio”, oltre ad altre “manifestazioni fitopatologiche storiche di Dante, Virgilio, Vivaldi
Ecco l’edizione 2018 Festival Acquedotte Cremona e Salò  evento del 2 agosto  a Cremona

Ecco l’edizione 2018 Festival Acquedotte Cremona e Salò evento del 2 agosto a Cremona

Presentata a Cremona, nella Sala di Palazzo Comunale, l'edizione 2018 del Festival Acquedotte, presenti, tra gli altri, Gianluca Galimberti, Sindaco di Cremona, Barbara Manfredini, Assessore con delega al Turismo del Comune di Cremona, Gualtiero Comini, in rappresentanza del Comune di Salò, Roberto Codazzi, Direttore artistico del Festival, Maurizia Quaglia Dirigente del Settore Cultura Musei e City Branding del Comune di Cremona, Elio Conzadori, Responsabile del Servizio Cultura ed Eventi del Comune di Cremona.