Lunedì, 05 dicembre 2022 - ore 02.57

VELA E SALUTE MENTALE: PER L’AREA RIABILITATIVA PSICHIATRICA

DUE GIORNI SUL GARDA, AL TIMONE DEL PROPRIO BENESSERE. In collaborazione con le associazioni Come Together e Vela Crema, l’esperienza in barca ha insegnato a uscire dalla comfort zone per riscoprire se stessi attraverso le relazioni

| Scritto da Redazione
VELA E SALUTE MENTALE: PER L’AREA RIABILITATIVA PSICHIATRICA VELA E SALUTE MENTALE: PER L’AREA RIABILITATIVA PSICHIATRICA VELA E SALUTE MENTALE: PER L’AREA RIABILITATIVA PSICHIATRICA

Sciogli le cime, ascolta il vento e prendi il largo. È iniziata così l’avventura di due giorni vissuta dagli utenti dell’Area Riabilitativa dell’UO Psichiatria 29, che hanno concluso l’estate vivendo un’esperienza indimenticabile al timone di una barca a vela. Organizzata in collaborazione con l’associazione Come Together Odv e l’associazione Vela Crema Asd – che ha messo a disposizione gratuitamente barche ed istruttori - l’iniziativa ha coinvolto una dozzina di utenti delle strutture riabilitative afferenti all’Asst di Cremona.

«È stato emozionante – afferma Luca con entusiasmo - Ci hanno spiegato il linguaggio della barca e i diversi componenti, come quelli che un tempo si usavano a bordo dei velieri». Con lui c’erano anche Eleonora e Annalisa: «Abbiamo timonato come professionisti – raccontano – È stata una navigazione bellissima e un’esperienza da ripetere».

Come sottolinea Roberto Pezone, Responsabile Area Riabilitativa della Psichiatri «Questa nuova esperienza a ha costituito una piacevole integrazione alla consueta programmazione estiva delle attività, un modo per sperimentare contesti differenti da quelli quotidiani e offrire sempre nuove occasioni di socializzazione in cui vivere esperienze relazionali positive». Oltre agli aspetti ludici e culturali, i due giorni a contatto con la natura e l’ambiente lacustre hanno offerto numerosi spunti di riflessione in merito alle problematiche ambientali, come la siccità e la scarsità di acqua.

Guidati da uno skipper e affiancati dagli operatori, i partecipanti hanno imparato le nozioni base e le manovre essenziali per condurre una barca, sperimentando un nuovo modo di lavorare in gruppo. «È stata per tutti un’esperienza piacevole, costruttiva e gratificante – aggiunge l’educatore Francesco Casali – Un nuovo modo per imparare a costruire il proprio benessere dentro il disagio mentale. Hanno provato ad allargare la propria confort zone facendo qualcosa di mai provato prima. Hanno acquisito nuove esperienze e abilità, che possono aiutarli a migliorare la propria autostima e sentirsi al timone della propria vita».

UOS Comunicazione | ASST di Cremona

Tel. 0372 405153 | e-mail comunicazione@asst-cremona.it

www.asst-cremona.it

192 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria