Giovedì, 23 maggio 2019 - ore 18.47

70° Liberazione I martiri di Bagnara di Cremona

L’incontro è stato organizzato dall’ARCI presso il Circolo di Bonemerse, presenti i dirigenti dell’associazione GERELLI e MELE, in collaborazione con l’ANPI

| Scritto da Redazione
70° Liberazione I martiri di Bagnara di Cremona 70° Liberazione I martiri di Bagnara di Cremona 70° Liberazione I martiri di Bagnara di Cremona

70° Liberazione I martiri di Bagnara di Cremona

L’incontro è stato organizzato dall’ARCI presso il Circolo di Bonemerse, presenti i dirigenti dell’associazione GERELLI e MELE, in collaborazione con l’ANPI

Domenica 19 aprile, nel tardo pomeriggio, si è tenuta a Bonemerse una significativa e partecipata iniziativa per la memoria dei giorni della Liberazione della città di Cremona e dintorni, con particolare riferimento all’eccidio avvenuto a Bagnara il 27 aprile 1945. L’incontro è stato organizzato dall’ARCI presso il Circolo di Bonemerse, presenti i dirigenti dell’associazione GERELLI e MELE, in collaborazione con l’ANPI rappresentata dalla presidente MARIELLA LAUDADIO e da GIUSEPPE AZZONI. Un pubblico numeroso, tra cui parecchi giovani, hanno seguito una dettagliata rievocazione storica dello stesso Azzoni. Inquadrata nello svolgersi dei fatti dei giorni dell’insurrezione dei cittadini cremonesi è stata narrata la vicenda ancora oggi evocata col termine  “martiri di bagnara”.

In seno al Corpo dei Vigili del Fuoco di Cremona si era formata sin dal periodo clandestino una SAP garibaldina; essa si attivò particolarmente nell’aprile del 1945. Aveva già combattuto nella giornata del 26, insieme alla SAP di Porta Po, nella zona di S. Rocco e nella prima mattina del 27 aprile fu incaricata di fare un giro nelle cascine intorno a Bagnara per assicurare un po’ di latte alle famiglie cittadine. Siamo in piena insurrezione, in alcune cascine sono nascosti dei fascisti; dunque questi vigili partigiani si muovono armati e col fazzoletto rosso al collo, usano un vecchio camioncino e sono con loro tre sapisti della città. Nei pressi del Battaglione incontrarono tre militari tedeschi a cavallo; cercarono di catturarli ma essi riuscirono a fuggire. Un altro fu incontrato e preso invece vicino a Bagnara; venne disarmato ma poi anch’esso fuggì. Facevano parte di una colonna tedesca che aveva attraversato il Po sotto Stagno e si dirigeva verso Cremona. Erano almeno 250 uomini ben ordinati ed armati. Messi sull’avviso dai militari prima sfuggiti essi riuscirono a catturare 8 vigili. Il comandante della colonna, particolarmente spietato e fanatico, li mise immediatamente al muro (il muretto di cinta delle scuole di Bagnara). Formò il plotone di esecuzione e li fucilò. Sei di loro morirono subito o negli attimi seguenti. Sono ricordati sulla lapide applicata sul posto dove avvenne l’eccidio, con la scritta “Per la libertà della Patria qui trucidati vivano nella perenne memoria degli italiani”. Sono CERANI ODOARDO (di 42 anni, vigile, abitava  in c.so Vacchelli), AZZALI GUIDO (di 39 anni, vigile volontario e giornalaio, risiedeva in via Castello), AGAZZI DOMENICO (trentenne di via Giordano, cavallante e vigile volontario), RUSINENTI LUIGI (18 anni, di via Picenardi), VAIANI GIOVANNI (52 anni, pasticciere in via Genala e vigile volontario), MONDANI IVAN (studente di 16 anni, via Cadore). Gli altri due rimasero feriti sotto i corpi dei compagni. Dopo di che i tedeschi se ne andarono, senza avvedersi del fatto che due dei fucilati erano, benché gravemente feriti, ancora vivi. Vivi, ma destinati a patire gravissime conseguenze. ROSSI DOMIZIANO, meccanico ventenne di via S.Erasmo, non si ristabilì più. Il trauma l’aveva colpito al cervello, fu ricoverato all’Ospedale Psichiatrico nel 1949 e vi  morì nel 1970 a soli 45 anni. FOLCINI UBALDO, vigile del fuoco di 24 anni stette diversi mesi all’ospedale e la gravità delle ferite lo rese invalido.

L’importante rievocazione dell’eccidio, che, per la sua efferatezza e crudeltà, segnerà profondamente la memoria della transizione dalla guerra e dal regime totalitario alla pace ed alla democrazia, è stata sapientemente inquadrata dal relatore, GIUSEPPE AZZONI, nel contesto più generale del contributo offerto dalla Resistenza.

I gruppo canoro I GIORNI CANTATI, costituito da apprezzate voci della zona piadenese, ha arricchito l’evento rievocativo con una gradita testimonianza di cultura e di canto della tradizione popolare.

 

 

Allegati Pdf:

Allegato PDF 1

1299 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

L’ECOEVENTI Un successo la presentazione di ‘HO IMPARATO’ di Enrico Letta al Teatro Filo di Cremona

L’ECOEVENTI Un successo la presentazione di ‘HO IMPARATO’ di Enrico Letta al Teatro Filo di Cremona

Si è svolta, nella location prestigiosa del teatro-bomboniera di Piazza Filodrammatici ed in una cornice di pubblico numeroso, qualificato ed attento (nelle prime file, un parterre dei roi, in cui figuravano il deputato pd Luciano Pizzetti, il presidente della Provincia Davide Viola, il Sindaco di Cremona, Gianluca Galimberti, il presidente del sodalizio Giorgio Mantovani) l’annunciata presentazione del saggio, intitolato “ho IMPARATO”, di Enrico Letta.
L’ECOEVENTI ANIMAMONTIS  LE VOCI DELLA MONTAGNA  Evento  14 APRILE 2019

L’ECOEVENTI ANIMAMONTIS LE VOCI DELLA MONTAGNA Evento 14 APRILE 2019

DOMENICA 14 APRILE ORE 21.00 ANDARE PER SILENZI La vocazione di perdersi e ritrovarsi nella natura Incontro con l'esploratore e scrittore Franco Michieli. La testimonianza di un approccio all'esplorazione, che va controcorrente rispetto ad una civiltà sempre più virtuale. Franco Michieli attraversa a piedi terre impervie, interpretandole esclusivamente con occhi e facoltà umane, in vero isolamento nella natura e senza l'ausilio di Gps, mappe, bussola ed orologio.