Domenica, 25 luglio 2021 - ore 02.36

Almeno 1,6 milioni di sfollati a causa dei combattimenti in Etiopia

| Scritto da Redazione
Almeno 1,6 milioni di sfollati a causa dei combattimenti in Etiopia

 “L'ampiezza e la gravità delle violazioni dei diritti dei bambini che si stanno verificando in tutto il Tigray non mostrano alcun segno di diminuzione, a quasi sette mesi dallo scoppio dei combattimenti nel nord dell'Etiopia. Finora, oltre 6.000 bambini non accompagnati o separati sono stati identificati e registrati per la protezione e l'assistenza. Temiamo che ci siano molti altri bambini che hanno bisogno di sostegno in aree che non possiamo raggiungere a causa dell'insicurezza o delle restrizioni di accesso imposte dalle parti in conflitto. Il tracciamento e il ricongiungimento familiare sono ostacolati da telecomunicazioni limitate, presenza limitata di assistenti sociali e accesso limitato oltre le linee di controllo”. A parlarne con preoccupazione è Henrietta Fore, Direttore Generale dell’Unicef.

“Le donne e le ragazze sono ancora soggette a spaventosi atti di violenza sessuale - ha aggiunto Fore -. Oltre 540 sopravvissute hanno ricevuto aiuto attraverso i programmi dell'UNICEF dallo scoppio dei combattimenti nel novembre 2020, ma la generale mancanza di sicurezza e la paura di rappresaglie lasciano un numero incalcolabile di sopravvissute incapaci di ricevere le cure e i servizi di cui hanno urgente bisogno. I bambini, i genitori e chi si prende cura di loro riferiscono di una profonda ansia e angoscia, affermando di temere ritorsioni o attacchi. I ragazzi adolescenti parlano della paura di essere reclutati e usati dalle parti in conflitto. I partner dell'UNICEF continuano a segnalare arresti e detenzioni arbitrarie”.

“Almeno 1,6 milioni di persone, tra cui oltre 720.000 bambini, sono stati sfollati a causa dei combattimenti in tutta la regione. Le condizioni nei siti per gli sfollati e nei campi per i rifugiati sono di sovraffollamento, insalubri e insicure, amplificando i rischi di violenza di genere, abuso o sfruttamento, e malattie legate all'acqua - ha spiegato infine la direttrice dell’Agenzia Onu -. Gran parte del Tigray rimane inaccessibile agli operatori umanitari. Dall'inizio di aprile, almeno 31 missioni di team mobili per la salute, la nutrizione e l'acqua sostenute dall'UNICEF e dai partner sono state bloccate, a causa dell'insicurezza o perché sono state oggetto di vessazioni e gli è stato negato il passaggio”.

“I bambini stanno pagando un prezzo terribile per questo conflitto”, ha concluso l'Unicef prima di chiedere a tutte le parti di “rispettare il loro obbligo fondamentale di permettere un accesso senza ostacoli e duraturo ai civili che hanno bisogno di assistenza, in particolare ai bambini. Soprattutto, chiediamo a tutte le parti di fare tutto ciò che è in loro potere per proteggere i bambini dalla violenza, dallo sfruttamento e dagli abusi, e per prevenire la separazione dai loro genitori o da chi si occupa di loro”. (aise) 

130 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria