Venerdì, 20 maggio 2022 - ore 12.06

BELGIO - Eutanasia. Campione veterani con cancro terminale saluta amici e parenti con grande festa

| Scritto da Redazione
BELGIO - Eutanasia. Campione veterani con cancro terminale saluta amici e parenti con grande festa

Aveva 95 anni, un cancro terminale allo stomaco, ma anche tanta fede. Così Emiel Pauwels, considerato l'atleta più vecchio del Belgio perché a marzo scorso era stato capace di conquistare il titolo di campione d'Europa sui 60 metri indoor nella categoria veterani, ha scelto la morte assistita. Oggi si è sottoposto all'iniezione letale nella sua casa di Bruges, con il figlio Eddy al suo fianco. Ma ieri sera ha 'celebrato' l'evento brindando a champagne assieme ad un centinaio di parenti e amici. I media belgi, che oggi raccontano la cerimonia d'addio, riportano che Pauwels ieri spiegava di "non aver alcun rimpianto a partire" e di "non avere assolutamente paura della morte". "Chi non vorrebbe finire con dello champagne insieme a tutti i suoi? - ha detto Pauwels -. Quando il dottore arriverà con la sua iniezione, lascerò il mondo con la sensazione di aver ben vissuto. D'altra parte, perché dovrei piangere mentre vado in paradiso a ritrovare un sacco di amici e parenti, tra cui mia moglie?". La scelta di Pauwels ricorda quella del chimico belga Christian de Duve, premio Nobel per la medicina nel 1974, che si è fatto eutanasizzare nel maggio scorso alla stessa età di 95 anni. Ma totalmente diverso l'approccio: "Sarebbe troppo dire che la morte non mi spaventa, ma non ho alcuna paura perché non credo alla vita dopo la morte", disse lo scienziato.

Fonte: Aduc

2014-01-12

1482 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

FREE TO CHOOSE  A LUBIANA PER SUPERARE GLI STEREOTIPI DI GENERE

FREE TO CHOOSE A LUBIANA PER SUPERARE GLI STEREOTIPI DI GENERE

Il 9 luglio la Capitale della Slovenia ospiterà il 4^ meeting transnazionale e il 10 luglio un importante evento di disseminazione del progetto europeo Free to Choose, che vuole superare gli stereotipi di genere nei ragazzi e che prevede l’utilizzo dell’omonimo “gioco da tavolo”, il cui prototipo finale sarà presentato in anteprima europea proprio a Lubiana, con sessioni ludiche per i giovani sloveni.