Giovedì, 12 dicembre 2019 - ore 17.25

Bergamo - Un fondo di 100mila euro per il pagamento della TARI

Il Comune di Bergamo in aiuto delle persone in condizioni di fragilità economica

| Scritto da Redazione
Bergamo - Un fondo di 100mila euro per il pagamento della TARI

Un fondo di 100mila euro per aiutare i cittadini di Bergamo in situazione di grave disagio sociale a far fronte al pagamento della TARI: il Comune di Bergamo viene in aiuto dei cittadini anche nel 2016 per agevolare la contribuzione dell’imposta comunale sui rifiuti.

Già lo scorso anno fu stanziata la stessa cifra dall’Amministrazione Comunale: il Comune aveva previsto due fasce di contribuzione, modulate sull’ISEE, una scelta che ha contributo a un incremento delle richieste. Furono 747 i cittadini a godere del contributo comunale nel 2015, ben 80 in più dell’anno precedente.

Per i richiedenti con ISEE compreso tra 0 e 5000 euro il contributo del Comune di Bergamo copre completamente il pagamento della TARI, mentre per i richiedenti con ISEE tra 5000 e 7500 euro Palazzo Frizzoni contribuisce per la metà del valore del tributo.

Sarà possibile inoltrare la richiesta a partire dal prossimo 5 settembre fino al 28 ottobre ai Servizi Sociali di via san Lazzaro. “Lo scorso anno il fondo fu destinato praticamente in toto; – spiega Maria Carolina Marchesi, Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Bergamo – ci aspettiamo quest’anno che vengano conferiti contributi a un numero anche più elevato di contribuenti, visto che cresce in città il numero di anziani la cui capacità economica si riduce.”

623 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Bergamo Presentato il nuovo progetto di gestione dello Spazio Polaresco

Bergamo Presentato il nuovo progetto di gestione dello Spazio Polaresco

Il Progetto Negus gestirà tutti i servizi legati allo spazio Presentato questa mattina il nuovo progetto di gestione dello Spazio Polaresco, uno degli spazi comunali che negli anni è riuscito a imporsi in città come vero e proprio punto di riferimento culturale. Dopo qualche mese di chiusura, infatti, a luglio 2016 è stato pubblicato il nuovo bando di gestione dello spazio, che da qualche settimana ha riaperto le porte sotto la guida del Progetto Negus.