Martedì, 11 agosto 2020 - ore 21.45

EL FASULÈT La poesia di Mara Soldi Maretti proposta da Agostino Melega (Cremona

La poesia di Mara Soldi Maretti che oggi propongo è intitolata “El fasulèt (Il fazzoletto)” ed è riferita al compimento del significato profondo della Santa Pasqua.

| Scritto da Redazione
EL FASULÈT La poesia di Mara Soldi Maretti proposta da Agostino Melega (Cremona

EL FASULÈT La poesia di Mara Soldi Maretti proposta da Agostino Melega (Cremona

La poesia di Mara Soldi Maretti che oggi propongo è intitolata “El fasulèt (Il fazzoletto)” ed è riferita al compimento del significato profondo della Santa Pasqua.

 Infatti il fazzoletto consegnato dalla Madonna a Gesù all’inizio della sua missione in Palestina, è da Lui conservato fino all’epilogo tragico sul Calvario.

E’ un fazzoletto filato da Maria sul telaio ed usato dalla stessa Madonna durante la spigolatura nei campi, per poi essere impiegato a lenire una ferita di Gesù Bambino che ha ricevuto un sasso in mezzo alla fronte, quale triste presagio di un futuro segnato. E’ lo stesso fazzoletto che Maria poi riprende sotto la Croce, per essere tenuto fra le dita fino al momento della scoperta del vuoto sepolcro, in un quadro che esalta la Resurrezione, la Pasqua del Signore.

Quel pezzetto di tessuto di lino ha insomma segnato, nell’immaginario creativo di Mara Maretti, tutto il percorso esistenziale del Messia.

In esso è come racchiuso il segno del dramma di una ragazza, di una giovane donna che diventerà poi Madre  del figlio di Dio, in una vicenda tutta istoriata di sacro, che inizia in un giorno come tanti, con l’apparizione dell’Angelo rivelatore.

EL FASULÈT

La löm la sbiavìs tempurìida

in de la ròoša de’l céel.

‘Me àali de biàanca culùumba. Marìa, li to màan

li vùla legéeri:

l’antìiga cansòon de’l telàar

la càanta,

la và,

la burbòta

màai fiàca, màai fiàca.

Cušé, fìil a fìil

la tràma sutìila la crès.

 l’éera, in de’l pràat de la céeša,

na bràanca de lìin,

de fiùur celestìin e garbàat

(e j ùc i ridìiva a vardàai).

Li vùla, Marìa, li to màan. E ‘n Àangel

-Signùur, che paüüra!-

el pàarla paròoli de préeda e de lüüs:

“Dominus est tecum…”

Te cùcet la téesta a dìi “sé”.

La löm, sbalurdìida, la tàas.

El dòorma, el telàar,

la téela finìida:

na bràanca de lìin per dàa ‘n fasulèt.

La löm la se nìna a’l splendùur

de la stéla coméeta.

In de ‘l fasulèt, inturcèent,

el to pütelìin el cridùla, Marìa.

La löm la se incàanta serèena

a j àn püsèe dùuls i se sgràana

piàan piàan.

El giööga el pütél denàans a céeša,

ma ‘n sàs el saèta in de l’àaria stremìida:

‘l istès fasulèt el ghe fàsa la frùunt,

‘l è biàanca curùna.

(Te trèmet, Marìa? Che néegri paròoli

luntàani

te vèen a la mèent?)

 La löm la pišùla tranquìla.

La vùus e mìla sigàli la ciàma in de’l sùul:

cu’l to fasulèt insìma a la téesta, Marìa,

cuntèenta te vèet àan té a spigulàa.

La bròca de l’àaqua – a’l frèesch de l’umbréa-

la spéta che ‘l tèemp el se cùumpia.

La vùus de li mìla sigàli la tàas

che la löna l’è pièena.

 La löm la sbadàcia a la fiàma

de’l fùurno se sàs:

el Pàan el divèenta Destìin.

La löm la se fiàca in de’l cùrer de’l tèemp.

‘L istès fasulèt te ghe ‘l dèet a to Fióol

chél dé che ‘l và jà per el mùunt:

“E tègnel de cüünt, ‘l è véc a cercàa?”

(Te trèmet, Marìa? Che néegri paròoli

luntàani

te vèen a la mèent?)

La löm la barbéla cerìida:

‘l istè fasulèt el süüga

Südùur tàa ‘me sàanch,

na nòt disperàada.

El gàl per trè vòolti el müšis*.                    *singhiozza

La löm ingremìida la crìida,

la löm la se gàarna in de’l pùs.

Marìa sö ‘l Calvàari

te guàarnet la vùus in de’l so fasulèt

-          che Lüü el sèenta mìia so Màma a udulàa*.             *lamentarsi per il dolore

La löm inciudàada la móor.

Cu ‘l véc fasulèt ingrupèent* in d’i dìit                                   *annodato

-          el fìil el dilöma* ‘me téela de ràgn                        *si dirada, si consuma lentamente

te vèdet, Marìa, (e ‘l cóor el te s’ciòpa),

li dùni curèenti a vušàa:

“Vegnìi! El sepùulcher ‘l è vóot!”

E l’éera na Pàasqua de lüüs:

el céel trasparèent spalancàat

insìma a’l campèt de la céeša,

insìma ‘i bèi fiùur celestìin.

 

La löm tàa ‘me fóoch e lampès

la löm tàa ‘me fiàma de spìin

la càanta e la bàla.

La löm la sbiavìs* tempurìida**             *sbiadisce **presto (primaticcia)

in de la ròoša de’l céel.

‘Me àali de biàanca culùumba, Marìa, li to màan

Legéeri a la tràma de lìin

fìil a fìil

fìil a fìil

fìil a fìil…

La traduzione in italiano, pubblicata dal Comitato di Studi Maria Soldi Maretti, non è letterale. Anch’essa è venata dal soffio della poesia.

IL FAZZOLETTO. Il lume – com’è mattiniero! – sbiadisce al roseo cielo/ dell’aurora./ Come ali di bianca colomba, Maria, le tue mani/ volano lievi:/ l’antica canzone di spola e telaio/ canta/ va/ borbotta/ mai stanca, mai stanca./ Così, filo a filo/ cresca la trama sottile// Ed era, nel prato vicino alla chiesa,/ un pugno di lino,/ di fiori azzurrini e garbati/ (ridevano, gli occhi, a guardarli)./ Volano lievi le mani. E un Angelo/ (o Dio, che paura!)/ dice parole di pietra e di luce:/ “Dominus est tecum…”./ Tu chini la testa per dire il tuo “sì”./ Il lume, allibito, sta zitto.// Riposa il telaio,/ la tela finita:/ un pugno di lino per un fazzoletto.// Il lume si ninna a un grande chiarore/ di stella cometa./ Avvolto in quel fazzoletto/ il tuo bambinello vagisce, Maria.// Il lume si incanta sereno/ e gli anni più dolci si sgranano/ piano./ E gioca, il bambino, davanti alla chiesa,/ ma un sasso saetta nell’aria atterrita:/ è ancora quel tuo fazzoletto a fasciargli la fronte,/ è bianca corona./ (Ma tremi, Maria? Che nere parole/lontane,/ ti tornano in mente?)// Il lume sonnecchia tranquillo./ La voce di mille cicale ti chiama nel sole:/ coperta la testa col tuo fazzoletto, Maria,/ contenta nel campo tu spigoli il grano./ La brocca dell’acqua, al fresco dell’ombra,/ aspetta che il tempo si compia./ La voce di mille cicale si spegne/ che c’è luna piena.// Il lume sbadiglia alla fiamma/ del forno di sasso:/ il Pane diventa Destino.// Il lume si stanca nel correr del tempo./ Ancora quel fazzoletto, lo dai a tuo figlio/ il giorno che va per il mondo:/ “E tienilo di conto, è vecchio ma è lino!”/ Ma dimmi,  bambino,… cos’è che tu vai a cercare?”/ (E tremi, Maria? Che nere parole/ lontane/ ti tornano in mente?)// Il lume balbetta sgomento:/ lo stesso tuo fazzoletto/ asciuga sudore che è sangue, una notte straziata./ Il gallo tre volte singhiozza.// Il lume stridendo impietrisce,/ nasconde la luce nel pozzo./ Maria sul Calvario/ nascondi la voce in quel fazzoletto/ - perché Lui non senta sua madre ululare…/ Il lume, inchiodato, si spegne.// Serrando il tuo fazzoletto fra le dita convulse/ - il filo consunto è tela di ragno -/ tu senti, Maria, (e il cuore scoppia),/ le donne di corsa gridare:/ “Venite! È vuoto il sepolcro!”/ Ed era una Pasqua di luce:/ il cielo traspare/ aperto sul campo vicino alla chiesa,/ sui fiori azzurrini e garbati./ Il lume divampa acecante, è baleno,/ il lume è fiamma di spino/ e guizza cantando.// Il lume – com’è mattiniero! – sbiadisce al roseo cielo/ dell’aurora./ Come ali di colomba, Maria, le tue mani/ sfiorando la trama di lino/ filo a filo/ filo a filo/ filo a filo…//

12 aprile 2020

422 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online