Sabato, 26 settembre 2020 - ore 22.10

URASIÒON DE LA STIMÀANA SÀANTA , presentata da Agostino Melega (Cremona)

Il testo l’ho ritrovato sul settimanale “La Vita Cattolica” del 22 aprile 1984, in un articolo in cui si legge: ”Dalle antiche divozioni domestiche della nostra gente, pubblichiamo questa “Urasiòon de la Setimàana Sàanta”, pochissimo conosciuta, se non proprio inedita

| Scritto da Redazione
URASIÒON DE LA STIMÀANA SÀANTA , presentata da Agostino Melega (Cremona)

URASIÒON DE LA STIMÀANA SÀANTA , presentata da Agostino Melega (Cremona)

 l mio caro amico e commilitone Vincenzo De Leonardis di Taranto, mi ha chiesto di tradurre in italiano per intero l’Urasiòon de la stimàana sàanta (l’Orazione della settimana santa), che ho “postato” ieri via face-book.

Il testo l’ho  ritrovato sul settimanale “La Vita Cattolica” del 22 aprile 1984, in un articolo in cui si legge: ”Dalle antiche divozioni domestiche della nostra gente, pubblichiamo questa “Urasiòon de la Setimàana Sàanta”, pochissimo conosciuta, se non proprio inedita; come tante altre, che in questi anni di ritorno del dialetto sono state raccolte e pubblicate. Essa si è salvata attraverso la tradizione orale propria della religiosità popolare”.

Agostino Melega (Cremona)

  

URASIÒON DE LA STIMÀANA SÀANTA

         Cùme saresti màai, el me càar divin Figliol, el giorno de l’ulìiva?

          Càara Màader Marìa, el giorno de l’ulìiva saròo cùme ‘n cavaliéer!

          Cùme saresti màai, el me càar divin Figliol, el Lünedé Sàant?

          Càara Màader Marìa, el Lünedé Sàant saròo cùme ‘n Proféeta!

          Cùme saresti màai, el me càar divin Figliol, el Martedé Sàant?

          Càara Màader Marìa, el Martedé Sàant saròo cùme ‘n pòoer pelegréen!

          Cùme saresti màai, el me càar divin Figliol, el Merculdé Sàant?

          Càara Màader Marìa, el Merculdé Sàant saròo vendìit a i Giüdéi per trentatrìi denàar!

          Cùme saresti màai, el me càar divin Figliol, el Giuedé Sàant?

          Càara Màader Marìa, el Giuedé Sàant saròo cùme ‘n agnél inucèent menàat a la becarìa!

          Cùme saresti màai, el me càar divin Figliol, el Venerdé Sàant?

          Càara Màader Marìa, el Venerdé Sàant saròo in de’l Sàant Sepùulcher mòort!

          Cùme saresti màai, el me càar divin Figliol, el Sàbet Sàant?

          Càara Màader Marìa, el Sàbet Sàant saròo cùme ‘n gràan de furmèent sóta tèra!

          Cùme saresti màai, el me càar divin Figliol, el giorno de Pàasqua?

          Càara Màader Marìa, el giorno de Pàasqua saròo resüsitàat, padròon e redentùur de töt el móont!

Se ghe füs na ànima deòota

che dìis che l’urasiòon chì

trè òolte a’l dé de la Setimàana Sàanta,

nóof vòolte el Venerdé Sàant,

se la gh’ès tàanti pecàat

cùme tàante fóje gh’è intùurno a’l màar, 

Pàasqua de’l màar la sarès negàada,

le fóje in de ‘l Infèerno le sarès brüšàade

e la so ànima la sarès desliberàada.

Ho tradotto l’Orazione molto volentieri, ricordando che Luigi Allegri, docente di storia del teatro e dello spettacolo presso l’Università di Parma, ha scritto che in pieno medioevo “all’interno della ritualità cristiana, in corrispondenza di momenti liturgici particolarmente importanti, quali dapprima la Pasqua e poi le festività natalizie, l’Epifania e l’Ascensione, si sviluppano dei nuclei drammatici a partire dal famoso Quem quaeritis pasquale”.

Questo Quem quaeritis (“Chi cercate?”) è un testo embrionale di pochissime battute fra l’Angelo e le tre Marie che, recatisi al sepolcro di Cristo, l’hanno trovato vuoto. Tale brevissimo dramma porta poi nel tempo “a strutture sempre più vaste, che a un certo momento devono staccarsi dalla liturgia e divenire autonome”.

Sicuramente l’orazione drammatizzata che vedremo, propria della tradizione cremonese, è parte di quelle “strutture più vaste” indicate da Allegri.

Ricordo inoltre che questa orazione è stata raccolta dalla viva recitazione della signora Maddalena Zava di Annicco (CR) da parte del signor Ugo Manzini.

Ed ecco la traduzione del dialogo fra la Madonna e Gesù:

Madonna: “Come sarai mai, il mio caro divin Figliuolo, il Giorno dell’Oliva?”.

Gesù: “Cara Madre Maria, il Giorno dell’Oliva sarò come un cavaliere”.

Madonna: “Come sarai mai, il mio caro divin Figliuolo, il Lunedì Santo?”.

Gesù: “Cara Madre Maria, il Lunedì Santo sarò come un Profeta”.

Madonna: “Come sarai mai, il mio caro divin Figliuolo, il Martedì Santo?”

Gesù: “Cara Madre Maria, il Martedì Santo sarò come un povero pellegrino!”

Madonna: “Come sarai mai, il mio caro divin Figliuolo, il Mercoledì Santo?”

Gesù: “Cara Madre Maria, il Mercoledì Santo sarò venduto ai Giudei per trenta-tre  denari!

Madonna: “Come sarai mai, il mio caro divin Figliuolo, il Giovedì Santo?”

Gesù: “Cara Madre Maria, il Giovedì Santo sarò come un agnello innocente portato al macello!”

Maria: “Come sarai mai, il mio caro divin Figliuolo, il Venerdì Santo?”

Gesù: “Cara Madre Maria, il Venerdì Santo sarò morto nel Santo Sepolcro!”

Maria: “Come sarai mai, il mio caro divin Figliuolo, il Sabato Santo?”

Gesù: “Cara Madre Maria, il Sabato Santo sarò come un grano di frumento sotto terra!

Maria: “Come sarai mai, il mio caro divin Figliuolo, il giorno di Pasqua?”

Gesù: “Cara Madre Maria, il giorno di Pasqua sarò risuscitato, padrone e redentore del mondo!

VOCE FUORI CAMPO:

Se ci fosse un’anima devota

che dice questa orazione qui

tre volte ogni giorno della Settimana Santa,

nove volte il Venerdì Santo,

se dovesse avere tanti peccati

come tante foglie (ci sono) attorno al mare,

la Pasqua dal mare sarebbe coperta,

le foglie dall’Inferno sarebbero bruciate

e la sua anima sarebbe liberata.

524 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online