Mercoledì, 23 ottobre 2019 - ore 17.02

Expo Nasce la prima filiera della bresaola a km zero 100% italiana

Nasce bresaola 100% italiana: solo carne, vino e spezie della Valtellina

| Scritto da Redazione
Expo Nasce la prima filiera della bresaola a km zero 100% italiana

Oggi a Expo, presso il padiglione “No farmers no Party” di Coldiretti, vengono presentati i primi esemplari di bresaola realizzata con carne che arriva solo da allevamenti della Valtellina.

 “L’Originaria”, come è stata ribattezzata, nasce da un progetto di Coldiretti Sondrio in collaborazione con il salumificio Mottolini di Poggiridenti (Sondrio) e con l’Apa, l’associazione provinciale allevatori.

“Con questa iniziativa – spiegano Ettore Prandini Presidente Coldiretti Lombardia e Alberto Marsetti, Presidente di Coldiretti Sondrio – vogliamo ribadire la volontà e la necessità di legare sempre di più i prodotti al territorio, anche per la  bresaola che, come tutti sanno, è realizzata e stagionata in Valtellina ma con carni che spesso arrivano dall’estero. La collaborazione con Mottolini per adesso coinvolge una decina di allevamenti locali per la fornitura di carne, ma puntiamo ad allargare la rete”. Oltre alla carne bovina del territorio, per “L’Originaria” a km zero verrà preparata anche con vino, erbe e spezie della Valtellina. Le prime realtà che aderiscono al progetto della  bresaola a km zero sono: Azienda Libera di Marchesini Silvia di Colorina, Società Agricola F.lli Gusmeroli Antonio e Attilio di Caiolo ; Soc.Agr.F.lli Codega Michele e Sergio di Colorina; Az.agric.La Taiada di Bongiolatti Nicola di Berbenno Valtellina; az.agr.Marantelli Colombin Franco  di Villa di Tirano, az.agr.Pizzini Gaetano di Colorina, l’Azienda agricola Cavazzi Mauro di Teglio, l’azienda agricola Panella Oreste di Teglio e l’azienda agricola Sala Danna Piera di Teglio.

 “La bresaola della Valtellina – spiega Emilio Mottolini – nasce da un sapiente mix fra capacità artigianali di lavorazione e condizioni microclimatiche uniche che abbiamo solo nei nostri territori con l’incrocio della brezza mite del lago di Como con le correnti fredde delle montagne in modo da garantire una perfetta asciugatura senza però seccare la carne. L’utilizzo di materia prima delle stalle valtellinesi è un valore aggiunto importante che vogliamo sviluppare sempre più”. Il sistema della bresaola valtellinese coinvolge circa 1.500 addetti, fra diretti e indotto, per un prodotto molto apprezzato in tutta Europa e che, dopo aver debuttato nei Paesi arabi, adesso sta cercando di sfondare anche in Giappone .

 

2004 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Expo Coldiretti, il riso Made in Italy conquista l’ Asia con + 44% Export

Expo Coldiretti, il riso Made in Italy conquista l’ Asia con + 44% Export

Con un aumento record del 44 per cento del valore delle esportazioni nel 2015 il riso Made in Italy conquista addirittura l’Asia. E’ quanto è emerso da una analisi della Coldiretti che ha volute dedicare al riso l’ultimo appuntamento della presenza degli agricoltori della Coldiretti ad Expo per ricordare il cereale piu’ consumato al mondo che è anche rappresentativo dell’equilibrio che esiste nell’attività agricola chiamata a svolgere un ruolo multifunzionale che garantisce sicurezza alimentare e sostenibilità ambientale.