Mercoledì, 20 ottobre 2021 - ore 06.59

la marcia verde è l’evento storico che ha completato l’integrità territoriale del Marocco

| Scritto da Redazione
la marcia verde è l’evento storico che ha completato l’integrità territoriale del Marocco
Sostenere il Marocco, vuole dire aprire una nuova pagina nella storia delle relazioni economiche, politiche e sociali dell’africa settentrionale, Europa e degli Stati Uniti d’America.
Per questo credo che la politica italiana debba seriamente riflettere sull’importanza dell’unità nazionale marocchina.
Difendere l’unità nazionale del Marocco, appoggiare nel suo progetto di “ammodernare nella tradizione” lo Stato marocchino significa appoggiare la Pace, il progresso e lo sviluppo non solo del popolo marocchino ma anche di tutta la regione.
 
L’Italia deve fare una chiara scelta di campo e dare il suo pieno appoggio a S. M. Mohamed VI incrementato la cooperazione internazionale, lo sviluppo economico di questo Paese e sostenere la piena sovranità nazionale nel Marocco nelle sedi internazionali.
Difendere l’unità nazionale del Marocco, vuole dire riaffermare i valori pacifici che furono alla base della “Marcia Verde”, difendere la stabilità di una Nazione, pacifica, aperta e pluralista.

Fatta questa doverosa premessa passo ad analizzare il discorso che Sua Maestà Mohammed VI ha fatto in occasione del 45° anniversario della “Marci Verde” , un anniversario contratti dalla crisi pandemica del Covdi 19 ma , allo stesso tempo da alcune importanti conquiste per il Marocco.

Come sempre Sua Maestà ha dimostrato di essere profondamente legato al suo popolo e da statista quale è , comprende appieno il sentimento del popolo. La “Marcia Verde” fu atto di patriottismo, di attaccamento alla Nazione, ai suoi valori più profondi e reali. Ma fu un atto anche spontaneo nel quale nel solco della tradizione marocchina che vede il popolo legato alla Monarchia e quest’ultima interprete dei valori del popolo .

La “Marcia Verde” fu un atto di generosità , di un Sovrano che, al pari dei suoi predecessori si sentì unito ai valori fondati del Regno: La Monarchia, la Fede, la Patria. Una patria che finalmente poteva porre termine al processo di colonizzazione iniziato ai primi del ‘900 . Un gesto patriottico di profonda fede ma allo stesso tempo con una visione più ampia.

Come sottolineato da Sua Maestà Mohammed VI , le provincie meridionali sono parte integrante della storia , della cultura del Marocco e oggi, grazie all’autonomia avanzata di cui godono rappresentano un ponte verso l’Africa interna. Il progetto di una unione africana , è strettamente correlato con l’unità e indivisibilità del Regno. Le provincie meridionali del Marocco , anche dopo l’apertura di diversi consolati nelle città di Dakhla e Laayoune sono il motore di un rilancio del disegno di fare del continente africano lo spazio economico e politico del futuro.

Già nel secolo scorso il missionario Daniele Comboni, sosteneva che bisognava salvare l’Africa attraverso l’Africa , ponendosi il contrasto con l’epopea dei colonialismi occidentali. Questo progetto che passa necessariamente attraverso un rilancio dell’Unione Africana è ben chiaro nella politica marocchina .

Sua Maestà Mohammed VI sa bene che la “Marcia Verde ” fu un atto patriottico ma non nazionalista, non oppressivo di altri popoli ma il giusto ritorno alla Patria delle provincie marocchine, che come recentemente stabilito in una senteza della massima corte spagnola, non erano parte del territorio della Spagna come stabilito da una sentenza del 4 giugno scorso  dove le autorità spagnole hanno stabilito che “Il Sahara non può essere considerato la Spagna ai fini della nazionalità di origine prevista dal codice civile. In altre parole, quelli nati in un territorio durante il periodo in cui era una colonia spagnola non sono nati in Spagna.” in altre parole non si può considerare territorio spagnolo i territori delle provincie meridionali marocchine ma territorio occupato”

La “Marcia Vede” è stato un gesto di ritorno di provincie storiche del Marocco alla Madre Patria, ma allo stesso già aveva in se le basi del futuro. Da un lato la costruzione dell’unione del magreb arabo e dall’altro una unità degli stati africani in grado autonomamente e senza interferenze esterne di costruire il proprio futuro.

La mia personale riflessione di tutto questo è che se vogliamo veramente che l’Africa sia un grande attore del futuro non possiamo che schieraci con Sua Maestà Mohammed VI , con il popolo marocchino in una “marcia verde” che veda riuniti tutti coloro che amano questa  Nazione e il bene dell’unità araba ed africana

Marco Baratto

Forum Lombardia Marocco

843 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Gli aumenti di materie prime ed energia nelle catene globali del valore

Gli aumenti di materie prime ed energia nelle catene globali del valore

Le catene globali del valore stanno attraversando un momento critico, strette tra una crescente domanda a livello internazionale conseguente alla ripresa economica post-pandemia da una parte e da una combinazione di carenza di approvvigionamenti e colli di bottiglia nel settore dei trasporti dall’altra. Questi due fattori stanno causando un aumento dei prezzi delle materie prime inimmaginabile fino a qualche mese fa.