Domenica, 17 novembre 2019 - ore 15.45

MAURITANIA: L'INTERVENTO AL CAMPO INONDATO DEI RIFUGIATI DAL MALI

| Scritto da Redazione
MAURITANIA: L'INTERVENTO AL CAMPO INONDATO DEI RIFUGIATI DAL MALI

Share on facebookShare on twitterShare on email
All’improvviso sul campo rifugiati di Mbera in Mauritania a inizio settembre si sono abbattute forti piogge torrenziali. La sabbia del deserto al confine col Mali, dove vivono oltre 100.000 rifugiati, non ha potuto assorbire l’enorme quantità d’acqua che si è riversata e il campo si è allagato.
La notizia è arrivata subito alla nostra base di Bassikounou e il team leader dell’UNHCR è corso al campo per prendere visione dei danni, e ha richiesto ai responsabili dei servizi comunitari di INTERSOS di prendere rapide misure di intervento e valutare i casi estremamente vulnerabili. Sfortunatamente, una donna di 50 anni è morta durante la tempesta. Giusto il tempo di portare fuori i suoi figli e la sua tenda è stata completamente spazzata via; è morta colpita da un fulmine. Era il capo famiglia, ha lasciato quattro bambini.
Una riunione d’emergenza è stata convocata per tutte le organizzazioni umanitarie che operano nel campo rifugiati per valutare la situazione e intervenire.
Alcuni rifugiati hanno cercato di recuperare il cibo che avevano ricevuto lo stesso pomeriggio mentre veniva travolto dall’inondazione. Una parte dei bagni era allagata, acqua dappertutto, centinaia di famiglie hanno passato la notte al freddo.
Una squadra di INTERSOS il giorno stesso si è occupata di allertare la popolazione rifugiata di non usare le latrine allagate e di tenere lontani i bambini dal flusso dell’acqua per evitare ogni tipo di contaminazione (abbiamo trovato bambini che nuotavano nell’acqua stagnante).
Il cibo distribuito, le stoviglie non potevano essere più utilizzate perché raggiunte dell’acqua piovana che scorreva dalle latrine.
Le organizzazioni presenti nel campo in coordinamento con l'UNHCR si sono attivate per dare risposta all'emergenza dei rifugiati. Il maltempo si e' placato ed e' stato possibile ristabilire condizioni di vita e igieniche dignitose e si e' ridotto il rischio di epidemie lavorando rapidamente tutti insieme.

fonte: http://intersos.org/notizie/news/mauritania-lintervento-al-campo-inondato-dei-rifugiati-dal-mali

1261 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria