Lunedì, 09 dicembre 2019 - ore 22.58

Mezzo miliardo di persone nel mondo brinda con i vini Doc della Lombardia

In Lombardia si producono in media più di un milione di ettolitri di vino di qualità

| Scritto da Redazione
Mezzo miliardo di persone nel mondo brinda con i vini Doc della Lombardia

Ogni anno nel mondo quasi 500 milioni di persone brindano con i vini Doc della Lombardia. Il dato emerge da un’analisi della Coldiretti regionale e della Coldiretti Brescia sulla diffusione delle bottiglie di qualità in Italia e all’estero. La stima è stata realizzata in occasione del forum “Made in Italy dopo Expo 2015” che si è tenuto oggi a Provaglio d’Iseo (Brescia) per fare il punto sul settore agricolo in Lombardia e in Italia e che ha visto la partecipazione del Presidente nazionale di Coldiretti Roberto Moncalvo, del Ministro dell’agricoltura Maurizio Martina, del Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, del Presidente di Coldiretti Lombardia e di Coldiretti Brescia Ettore Prandini, dell’Assessore regionale lombardo all’Agricoltura Gianni Fava, del Presidente dell’Associazione Industriali di Brescia Marco Bonometti e del medico nutrizionista Giorgio Calabrese.

In Lombardia – spiega la Coldiretti regionale – si producono in media più di un milione di ettolitri di vino di qualità grazie al lavoro di oltre 3 mila aziende di cui il 25% gestito da donne. Oltre a Brescia, le zone più vocate sono Pavia, Bergamo, Sondrio, Mantova, Milano e Lodi. Dalle analisi, emerge che il Bresciano, con oltre 4.900 ettari rappresenta quasi il 30% delle superfici vitate di qualità in Lombardia, con le bottiglie di Franciacorta, Lugana e Valtenesi che stanno allargando la loro presenza sui mercati esteri come Giappone, Germania, Svizzera, Gran Bretagna e Nord America.

“Solo in provincia di Brescia quasi il 90 per cento dei vigneti è Doc e Docg e vengono prodotte più di 35 milioni e mezzo di bottiglie di vino di alta qualità che rappresentano un’importante risorsa economica per il territorio provinciale e regionale, ma sono anche un potente mezzo per far conoscere il vero Made in Italy visto che raggiungono una platea di oltre 100 milioni di persone ogni anno in Italia e nel mondo” spiega Ettore Prandini, Presidente della Coldiretti Lombardia e della Coldiretti Brescia.

Il Franciacorta nel primo semestre del 2014 ha fatto registrare un incremento del 17,4% dell’export rispetto allo stesso periodo del 2013, con vendite, in Italia e all’estero, che sfiorano 5 milioni e 300 mila bottiglie all’anno. Il Lugana, che coinvolge una superficie di 1.300 ettari, esporta il 70% della produzione, di cui più della metà in Germania e il resto in Giappone, Stati Uniti, Inghilterra, Belgio e Olanda. Stessa destinazione nel nord Europa per il 20% dei vini “Valtenesi” del Garda.

“La vitivinicoltura lombarda, con 42 etichette a denominazione di origine, rappresenta una delle eccellenze della nostra agricoltura – spiega Ettore Prandini – Non a caso nel 2013 l’export dei vini lombardi ha registrato un incremento dell’11,6 per cento, rispetto a una media nazionale del 7,3 per cento”. Un settore così trainante che tra 2010 e 2014, all’Università Statale di Milano – spiega la Coldiretti Lombardia - le iscrizioni al corso di laurea di primo livello in “Viticoltura ed Enologia” hanno fatto registrare un boom del 38 per cento.

 

745 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Expo Coldiretti, il riso Made in Italy conquista l’ Asia con + 44% Export

Expo Coldiretti, il riso Made in Italy conquista l’ Asia con + 44% Export

Con un aumento record del 44 per cento del valore delle esportazioni nel 2015 il riso Made in Italy conquista addirittura l’Asia. E’ quanto è emerso da una analisi della Coldiretti che ha volute dedicare al riso l’ultimo appuntamento della presenza degli agricoltori della Coldiretti ad Expo per ricordare il cereale piu’ consumato al mondo che è anche rappresentativo dell’equilibrio che esiste nell’attività agricola chiamata a svolgere un ruolo multifunzionale che garantisce sicurezza alimentare e sostenibilità ambientale.