Mercoledì, 20 ottobre 2021 - ore 03.03

Nuove prove che il Covid-19 provenga da pipistrelli e pangolini del sud-est asiatico

Coronavirus legati al Sars-CoV-2 potrebbero circolare nei pipistrelli in un’estesa area dell’Asia

| Scritto da Redazione
Nuove prove che il Covid-19 provenga da pipistrelli e pangolini del sud-est asiatico

Lo studio “Evidence for SARS-CoV-2 related coronaviruses circulating in bats and pangolins in Southeast Asia”, pubblicato oggi su Nature Communications da un team di ricercatori di Thailandia, Singapore, Cina, Australia e Usa, rivela che  un virus che è molto simile al Sars-CoV-2, che causa il Covid-19, è stato scoperto nei pipistrelli che vivono in una grotta di n un santuario della fauna selvatica nella Thailandia orientale. In un pipistrollo Rhinolophus acuminatus hanno ottenuto compioni di coronavirus più strettamente legati al Covid-19 di quelli scoperti nel Rhinolophus malayanus che vive nella provincia cinese dello Yunnan.

Secondo gli scienziati asiatici, i coronavirus correlati al Covid-19 potrebbero essere presenti nei pipistrelli in molte nazioni e regioni asiatiche. Una scoperta che estende l’area in cui sono stati trovati virus correlati a una distanza di 4.800 km (dal Giappone e dalla Cina alla Thailandia) dal “focolaio” cinese.

I ricercatori evidenziano che il sito di campionamento (limitato alla Thailandia) e la sua dimensione sono ristretti, ma sono convinti che virus «con un alto grado di parentela genetica con Sars-CoV-2 sono ampiamente presenti nei pipistrelli in molte nazioni e regioni dell’Asia».

Inoltre, «Anticorpi neutralizzanti SARS-CoV-2 sono stati rilevati anche in pipistrelli della stessa colonia e in un pangolino in un checkpoint della fauna selvatica nel sud della Thailandia».

Studi precedenti avevano già suggerito che Sars-CoV-2 fosse emerso in un animale, molto probabilmente un pipistrello, prima di diffondersi agli esseri umani. Le origini precise del virus sono sconosciute e sono state studiate dal  team incaricato dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e guidato da Lin-Fa Wang della National University of Singapore  che ha rilevato un parente stretto della Sars-CoV-2  nei pipistrelli a ferro di cavallo che frequentano una grotta artificiale nell’area protetta thailandese.

Il virus isolato, chiamato RacCS203, ha una stretta corrispondenza con il codice genetico della SARS-CoV-2, con una somiglianza del 91,5% nei loro genomi. E’ anche strettamente correlato a un altro coronavirus, il RmYN02, che è stato trovato nei pipistrelli cinesi dello  Yunnan e che ha una somiglianza del 93,6% con il genoma della Sars-CoV-2.

Il team di ricerca internazionale ha esaminato gli anticorpi nei pipistrelli e in un pangolino che era stato catturato dai bracconieri in Thailandia e dice che f gli anticorpi sono stati in grado di neutralizzare il virus pandemico, il che è un’ulteriore prova che i coronavirus correlati alla SARS-CoV-2 stanno circolando da tempo nel sud-est asiatico.

341 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Gli aumenti di materie prime ed energia nelle catene globali del valore

Gli aumenti di materie prime ed energia nelle catene globali del valore

Le catene globali del valore stanno attraversando un momento critico, strette tra una crescente domanda a livello internazionale conseguente alla ripresa economica post-pandemia da una parte e da una combinazione di carenza di approvvigionamenti e colli di bottiglia nel settore dei trasporti dall’altra. Questi due fattori stanno causando un aumento dei prezzi delle materie prime inimmaginabile fino a qualche mese fa.