Martedì, 04 agosto 2020 - ore 10.18

Onu preoccupato per coltivazione oppio

| Scritto da Redazione
Onu preoccupato per coltivazione oppio

ONU, PREOCCUPAZIONI DA UNODC SU COLTIVAZIONE OPPIO
L’aumento dei prezzi è dovuto alle speculazioni legate al declino della produzione
(GRTV) - L’aumento del prezzo dell'oppio potrebbe incoraggiare gli agricoltori a intensificare in Afghanistan le piantagioni di stupefacenti: a lanciare l’allarme è l'Ufficio delle Nazioni Unite contro la Droga e il Crimine (UNODC), secondo questo potrebbe invertire il recente andamento positivo nella lotta contro la produzione di droga nel paese. L’aumento dei prezzi è dovuto alle speculazioni legate al declino della produzione, a causa di una malattia delle piante che ha devastato il raccolto del papavero da oppio nelle province di Helmand e Kandahar in Afghanistan. Preoccupazione per questa situazione viene espressa dal Direttore Esecutivo di UNDOC, Yuri Fedotov, il quale sottolinea un’inversione di tendenza in prezzi che erano in calo costante dal 2005. Nel 2010, la media del prezzo dell’oppio al momento del raccolto è stata di 169 dollari per chilo, un aumento del 164 per cento rispetto al 2009 quando il prezzo era di 64 dollari al chilo. Nonostante il calo della produzione, il fatturato lordo per ettaro di oppio coltivato è aumentato del 36 per cento. Il reddito medio annuo delle famiglie dedite alla coltivazione dell'oppio nel 2009 era del 17 per cento superiore a quello delle famiglie che non la praticavano più. Fedotov aggiunge che lo sviluppo rurale ha favorito la coltivazione di colture lecite, e quest’anno si è osservata una correlazione tra la fornitura di assistenza agricola e un calo nella coltivazione di oppio. Permettere l'accesso degli agricoltori ai mercati li ha inoltre aiutati ad allontanarsi dalla coltura del papavero da oppio. Fedotov ha incoraggiato i donatori e la comunità afgana a continuare ad investire in programmi di sostentamento alternativi e ad allargare l'accesso degli agricoltori al mercato.
GRTV/Redazione


24 gennaio 2011
fonte: http://www.grtv.it/

1801 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria