Domenica, 23 gennaio 2022 - ore 00.27

Pandemia, fake news e qualità dell’informazione

Ne ha parlato il Prof. Ruben Razzante al Rotary Club Crema

| Scritto da Redazione
Pandemia, fake news e qualità dell’informazione Pandemia, fake news e qualità dell’informazione Pandemia, fake news e qualità dell’informazione

 BASTA TERRORISMO MEDIATICO, PREVALGA IL BUON SENSO!

I giornalisti hanno il diritto-dovere di raccontare fatti di  interesse pubblico utilizzando tutte le fonti a disposizione, senza parteggiare per una tesi precostituita.

Cavalcare l'emotività irrazionale è la scorciatoia che i cronisti usano per non approfondire la realtà, finendo per raccontarla in modo superficiale.

La deontologia giornalistica dice questo, ma in molti l'hanno dimenticato. Le ultime ricostruzioni riguardanti Omicron alimentano un allarmismo che

 produrrà altri effetti devastanti sulla salute (anche mentale) delle persone. Per non parlare dei danni alle relazioni sociali e all'economia. Il terrorismo mediatico va combattuto con il buon senso,

 con l'equilibrio, la pacatezza dei toni e la valorizzazione delle sole evidenze scientifiche, non delle opinioni in libertà di chi è ormai

 schiavo dei riflettori.

Rispettare le regole, aiutare le istituzioni ad assumere le decisioni più sagge, senza rinunciare a capire e verificando quanto ci viene detto dai media, senza assorbirlo acriticamente. E' questo, secondo il Prof. Ruben Razzante - Docente

 di Diritto della comunicazione per le imprese e i media, di Diritto

 europeo dell’informazione e di Diritto dell’informazione

 all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e al Master in

 giornalismo dell’Università Lumsa di Roma, nonché membro

 dell’Unita’ di monitoraggio per il contrasto alla diffusione di

 fake news relative al Covid 19 sul web e sui social network,

 istituita dal Sottosegretario di Stato con delega all’Informazione e

 all’Editoria - l'atteggiamento più responsabile e costruttivo.

E' quanto ha argomentato durante la conviviale di presentazione del Suo

 libro "La Rete che vorrei" (Franco Angeli, 2020), organizzata dal

 Rotary Club Crema.

La competenza e la capacità di coinvolgimento del

 relatore hanno sollecitato un’interessante discussione,

 caratterizzata da interventi pertinenti e appassionati da parte dei

 soci.



zonacheck

331 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria