Martedì, 04 ottobre 2022 - ore 17.35

Possibilità di volontariato in terra masai con GapYear Onlus

| Scritto da Redazione
Possibilità di volontariato in terra masai con GapYear Onlus

Milano, 11 febbraio 2014. GapYear Onlus presenta, in collaborazione con Twins International, una proposta di volontariato in terra masai. I volontari che aderiranno al progetto si inseriranno in un contesto estremamente stimolante al confine tra Kenya e Tanzania, alle falde del Kilimanjaro: i partecipanti avranno l’occasione di conoscere da vicino una cultura ben lontana dallo stile di vita occidentale, imparando un nuovo approccio alle cose e, al tempo stesso, contribuendo ad arricchire la formazione dei giovani masai.

Obiettivo

I volontari daranno il proprio contributo presso una scuola frequentata da circa 600 bambini masai, piccoli alunni impegnati dalla classe nursery alla classe ottava, più o meno la nostra 3° media. Inserita in un contesto naturale magnifico, questa struttura scolastica è nata per offrire un valido percorso formativo ai bambini delle comunità rurali dell’area: una volta venute a conoscenza del progetto, sempre più famiglie masai accettano che i propri figli seguano le lezioni, assicurando loro una possibilità in più di restare nel proprio territorio con maggior consapevolezza.

Attività

Il team di insegnanti spesso risulta insufficiente rispetto al numero di alunni coinvolti. Ecco quindi la necessità di ospitare volontari al progetto. In particolare si avrà la possibilità di organizzare e moderare:

• lezioni di storia, inglese, geografia;

• workshop di arte e creatività;

• laboratori teatrali;

• progetti di sensibilizzazione sull’HIV;

• lezioni di lifeskills;

• visite alle famiglie masai in affiancamento allo staff locale;

• aggiornamento schede e pagelle bambini coinvolti nel progetto di sostegno a distanza;

• riqualificazione aule scolastiche.

Luogo

Una volta al progetto i volontari avranno il sostegno e il pieno appoggio di Elaine, irlandese di nascita, masai di adozione. Parlando perfettamente lo swahili, Elaine ha il prezioso compito di affiancare i volontari durante l’inizio del loro percorso a Rombo e farli sentire a casa: gestisce anche la guest house in cui ciascun volontario troverà tutto il necessario per trascorrere un mese incredibile, dall’ottima cucina locale ad una camera confortevole in cui riposarsi e preparare le attività per la scuola.

Partenze

12 mesi su 12

Per avere maggiori informazioni sul campo di volontariato, foto e contatti dei coordinatori, non esitate a scrivere a Camilla: comunicazione@gapyear.it

2014-02-12

981 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria