Venerdì, 14 dicembre 2018 - ore 08.11

Report Matteo Piloni (PD) dalla Regione Lombardia 20/11/2018:Oglio Po, Sanità, Sicurezza treni ,Edilizia Scolastica, Fanghi

LA LEGA VOTA CONTRO L'ISTITUZIONE DELL'ASST OGLIO PO;SANITA’: RIPRISTINATA LA PROVA SCRITTA NELLA SELEZIONE DEI DIRETTORI GENERALI; SICUREZZA SUI TRENI, “DOV’È IL PERSONALE PROMESSO DA SALVINI?”; EDILIZIA SCOLASTICA : “CONFERMATO IL FINANZIAMENTO A 9 COMUNI E A 4 SCUOLE DELLA PROVINCIA” ; FANGHI, : “SERVONO CONTROLLI. NON LASCIAMO SOLI I SINDACI”

| Scritto da Redazione
Report Matteo Piloni (PD) dalla Regione Lombardia 20/11/2018:Oglio Po, Sanità, Sicurezza treni ,Edilizia Scolastica, Fanghi

Report Matteo Piloni (PD) dalla Regione Lombardia 20/11/2018:Oglio Po, Sanità, Sicurezza treni ,Edilizia Scolastica, Fanghi

LA LEGA VOTA CONTRO L'ISTITUZIONE DELL'ASST OGLIO PO;SANITA’: RIPRISTINATA LA PROVA SCRITTA NELLA SELEZIONE DEI DIRETTORI GENERALI; SICUREZZA SUI TRENI, “DOV’È IL PERSONALE PROMESSO DA SALVINI?”; EDILIZIA SCOLASTICA : “CONFERMATO IL FINANZIAMENTO A 9 COMUNI E A 4 SCUOLE DELLA PROVINCIA” ; FANGHI, : “SERVONO CONTROLLI. NON LASCIAMO SOLI I SINDACI”

---------------------

REGIONE: LA LEGA VOTA CONTRO L'ISTITUZIONE DELL'ASST OGLIO PO. FORATTINI E PILONI (PD): NOI A FAVORE, QUEL TERRITORIO SEMPRE PENALIZZATO

Il Pd ha votato a favore, oggi in Consiglio regionale, dell'emendamento alla legge di modifica della riforma della sanità lombarda che prevedeva l'istituzione della nuova Asst Oglio Po. L'emendamento, presentato dai Cinque Stelle, è però stato bocciato dall'Aula con i voti contrari della maggioranza.

“Abbiamo votato a favore per l’emendamento che chiedeva l'istituzione dell’ASST Oglio Po – dichiarano i consiglieri democratici Antonella Forattini e Matteo Piloni - in quanto troppe sono le disparità tra Cremona e Mantova e il distretto Oglio Po è sicuramente quello più penalizzato. È un voto per chiedere che veramente vengano investite le risorse che per troppi anni sono state promesse ma senza che si siano mai visti risultati concreti. Noi continueremo a chiedere che vengano investite risorse per quel territorio, al contrario della Lega che, al di là degli annunci, in Regione fa il contrario.”

-----------------------

SANITÀ, PILONI (PD):  “CON LE MODIFICHE ALLA  LEGGE MENO TRASPARENZA E MENO CONTROLLI. SOLO  GRAZIE A NOI RIPRISTINATA LA PROVA SCRITTA NELLA SELEZIONE DEI DIRETTORI GENERALI” 

“Con queste modifiche meno trasparenza e meno controlli, ma solo  grazie a noi è stata ripristinata la prova scritta nella selezione dei direttori generali” . Il consigliere regionale del PD Matteo Piloni sintetizza così il voto di oggi in aula alle modifiche della legge sulla sanità.

“Il testo approvato – sottolinea - è un passo indietro. L’ennesima riforma della riforma,  che non dà risposte ai problemi delle liste d’attesa, della presa in carico dei malati cronici, dell’adeguatezza delle cure. Solo grazie a un nostro emendamento, approvato a voto segreto, sono stati ripristinati la prova scritta in forma anonima e il colloquio nella selezione dei direttori generali, un solido argine all’ingerenza della politica e una garanzia di scelte trasparenti e meritocratiche”.

“Gravissimo - prosegue Piloni -  aver eliminato l’obbligo di controllo annuale sui bilanci dei privati accreditati,  per il quale il Pd si era battuto in occasione dell’approvazione della legge nel 2015 e che ha riproposto anche oggi. La maggioranza in questo modo ha espresso la volontà politica di fare un passo indietro rispetto alla trasparenza e rinunciato a controlli utili a prevenire illeciti già visti troppe volte in passato. Unico conforto il fatto che restano sotto il controllo della giunta, si spera per scelta e non per errore, i bilanci di previsione di tutti gli Ircss sia pubblici sia privati, quelli che negli anni scorsi sono stati  sconvolti dai noti  scandali”.

  “La maggioranza ha anche confermato la proroga di cinque anni per l’intramoenia allargata, ossia la possibilità di svolgere l’attività professionale fuori dalla struttura pubblica - conclude Piloni -  un provvedimento che va contro la normativa nazionale che ne prevede la sospensione ed è stata più volte oggetto di indagini della guardia di finanza”.

-------------------------

SICUREZZA SUI TRENI, PILONI (PD) “DOV’È IL PERSONALE PROMESSO DA SALVINI?”

 

“L’assessore Terzi mi informa che sulle nostre linee gli episodi di violenza non sono frequenti e rilevanti come sulle direttrici segnalate da Trenord che sono, ricordo, quelle di Saronno-Seregno-Monza-Albairate, Lecco-Molteno-Monza-Milano, Mortara-Milano, Bergamo-Treviglio-Milano, Lecco-Carnate-Milano”.

Lo dice il consigliere regionale del PD Matteo Piloni riferendosi alla risposta ricevuta qualche giorno fa dalla Giunta regionale in merito all’interrogazione presentata il 9 ottobre scorso per conoscere i criteri che hanno indotto Trenord a escludere le linee cremonesi e cremasche dall’elenco delle direttrici più vulnerabili che è stato fornito al Ministero degli Interni per potenziare controlli e garantire la sicurezza

“Le linee segnalate al Governo – prosegue il consigliere, riportando il testo della risposta dell’assessorato - sono quelle che maggiormente si rilevano per le segnalazioni inviate al Focal Point security, gestito e coordinato dalla funzione security di Trenord”.

“Sempre la Regione – prosegue - tramite le informazioni richieste e fornite da Trenord, fa sapere che l’attuale organico preposto alla sicurezza dei treni è composto da 590 agenti di polizia ferroviaria e da 90 guardie giurate, su tutto il territorio regionale. Numeri assolutamente insufficienti per garantire la sicurezza di oltre 2mila km di linea, come ammesso dallo stesso assessore”.

“Era stato lo stesso Salvini – ricorda Piloni - intervenendo lo scorso agosto in merito a un episodio accaduto sulle nostre linee, ad aver annunciato investimenti sul personale preposto alla sicurezza anche per il nostro territorio. La risposta della Regione, tramite le informazioni fornite da Trenord, se da un lato ci rassicura in merito ai continui allarmismi cavalcati da Salvini, dall’altro dimostra la necessità di incrementare il personale di sicurezza a bordo dei treni e nelle stazioni. Anche sulle nostre linee” conclude.

---------------------

EDILIZIA SCOLASTICA PILONI (PD): “CONFERMATO IL FINANZIAMENTO A 9 COMUNI E A 4 SCUOLE DELLA PROVINCIA”

Oggi è stato pubblicato sul Bollettino ufficiale di Regione Lombardia il decreto che contiene la programmazione 2018-20120 in materia di edilizia scolastica e l’elenco degli enti e dei relativi interventi da ammettere a finanziamento.

“E’ ufficiale – fa sapere il consigliere regionale del PD Matteo Piloni - Sono stati confermati i 12.800.000 euro per nove comuni cremaschi di Capergnanica, Palazzo Pignano, Casaletto Ceredano, Dovera, Izano, Salvirola, Spino d'Adda, Pieranica, Cremosano, a cui si sono aggiunte quattro scuole gestite dalla Provincia di Cremona per un totale di 2.750.000 euro: a Cremona gli istituti S. Anguissola e Luigi Einaudi, a Crema il liceo A. Rachetti e l’istituto F. Marazzi”.

“Per la provincia di Cremona – sottolinea il consigliere - si tratta di oltre 15 milioni di euro per la sicurezza delle nostre scuole, degli studenti e degli insegnanti”.

“Stiamo parlando delle risorse dei cosiddetti mutui Bei (Banca Europea degli Investimenti) – ricorda Piloni - lo Stato ci mette i soldi, la Regione prepara il bando. Un ottimo e concreto risultato per il territorio grazie a governi a guida PD, che hanno stanziato i 150 milioni in arrivo in tutta la Regione per l’edilizia scolastica” conclude.

A questo link l’elenco che interessa la provincia di Cremona (http://www.pdregionelombardia.it/documenti/44845edscol-cremona.pdf)

-----------------------

FANGHI, PILONI (PD): “SERVONO CONTROLLI. NON LASCIAMO SOLI I SINDACI”

 Si è parlato ancora di fanghi, questo pomeriggio, al Tavolo di lavoro congiunto istituito dalle commissioni Ambiente e Agricoltura. Questa volta i consiglieri hanno ascoltato, in audizione, Anci, Upl e una rappresentanza di amministratori locali che “ci hanno detto di non essere a priori contro lo spandimento dei fanghi, ma che è necessario che i Comuni vengano preventivamente coinvolti nei processi decisionali circa le modalità di questa pratica”, come racconta, a fine seduta, Matteo Piloni, consigliere regionale del Pd e capogruppo della commissione Agricoltura.

“Abbiamo sottolineato come uno dei problemi più seri da affrontare sia garantire maggiori controlli sulla filiera, ovvero sul materiale in ingresso e in uscita dagli impianti, ad esempio, ma anche sui terreni: nulla deve sfuggire o essere lasciato al caso – prosegue Piloni –. Su questo fronte e a proposito delle richieste ascoltate oggi dai Comuni, non possiamo lasciare soli i sindaci e gli amministratori: siamo tenuti a dare una risposta e ad assicurare a loro e alle loro comunità la certezza che i trattamenti non siano dannosi, né per la salute pubblica, né per l’ambiente”.

In questo senso, conclude il consigliere dem, “il Pd è in attesa dei dati relativi ai controlli sullo spandimento dei fanghi che abbiamo richiesto ad Arpa e che attendiamo di poter valutare quanto prima, al fine di poter dare un contributo costruttivo per potenziare le attività previste”.

269 visite

Articoli correlati