Sabato, 08 ottobre 2022 - ore 01.17

USA: OBAMA RISPONDE CON LA DIPLOMAZIA ALLA COREA DEL NORD

| Scritto da Redazione
USA: OBAMA RISPONDE CON LA DIPLOMAZIA ALLA COREA DEL NORD

Il Presidente USA affida la risposta a Pyongyang al Segretario di Stato, John Kerry, e al Segretario alla Difesa, Chuck Hagel. Washington avvia consultazioni con gli alleati Giappone e Corea del Sud, con la Cina, e rafforza la difesa militare
FILADELFIA - La diplomazia senza alcuno scontro diretto è la tecnica adottata dal Presidente USA, Barack Obama, per rispondere alle minacce belliche della Corea del Nord.
Dinnanzi alle dichiarazioni di Pyongyang riguardanti l'imminente organizzazione di un attacco militare agli Stati Uniti d'America e alla Corea del Sud, anche con armi nucleari, il Presidente democratico USA non ha rilasciato dichiarazioni dirette.
Al contrario, il Presidente Obama ha mantenuto bassi i toni della contesa, ed ha affidato la risposta al Dipartimento di Stato, guidato da John Kerry, e al Dipartimento della Difesa, diretto da Chuck Hagel.
Kerry ha programmato una serie di incontri con gli alleati USA della regione, come la Corea del Sud -che Washington sostiene con un contingente di 28 Mila uomini- ed il Giappone -che mantiene truppe statunitensi in alcune basi militari situate sul territorio nazionale.
Inoltre, il Segretario di Stato ha avviato consultazioni anche con la Cina, per convincere Pechino ad esercitare pressioni su Pyongyang, affinché le minacce di un attacco militare rimangano inattuate.
Il Segretario alla Difesa Hagel ha invece approvato il dislocamento di aerei militari B-52 e B-2 in Corea del Sud, ed ha preallarmato la flotta statunitense in caso di ulteriore innalzamento della tensione da parte della Corea del Nord.
Pyongyang, un regime comunista di stampo fortemente dittatoriale, ha annunciato la sperimentazione e il lancio di missili nucleari a medio e lungo raggio in grado di colpire la Corea del Sud e gli Stati Uniti d'America.
La minaccia è stata seguita dai fatti quando Pyongyang ha dislocato batterie di missili nella costa orientale del Paese, pronti per un lancio verso gli Stati Uniti d'America.
Inoltre, la Corea del Nord ha invitato gli Ambasciatori dei Paesi stranieri ad abbandonare Pyongyang nel più breve tempo possibile.
L'Ambasciatore USA presso le Nazioni Unite, Susan Rice, ha ritenuto la posizione della Corea del Nord puramente dimostrativa, ma, nel contempo, ha dichiarato che Washington è pronta a rispondere a possibili azioni militari in maniera adeguata e risoluta.

Matteo Cazzulani
m.cazzulani@gazeta.pl

966 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria