Venerdì, 22 ottobre 2021 - ore 18.51

Bucarest.Ministro indagato per traffico d’influenza

| Scritto da Redazione
Bucarest.Ministro indagato per traffico d’influenza

Bucarest.Ministro indagato per traffico d’influenza
BUCAREST - Uno dei meglio quotati ministri del Governo Boc si trova al centro del più recente scandalo di corruzione, una situazione abbastanza complicata, non solo per il partito a cui appartiene, l’Unione Democratica degli Ungheresi di Romania (UDMR), ma anche per gli altri partiti della coalizione di Governo. E tutto cio’ perché Laszlo Borbely (57enne) è uno dei più apprezzati ministri dell’attuale Governo e perché, dopo 20 anni di politica, nessuno ha mai messo seriamente in discussione la sua integrità.

Tuttavia, la Direzione Nazionale Anticorruzione sostiene tutt’altro. La scorsa settimana DNA ha perquisito l’appartamento di un parente del ministro alla ricerca di prove, le accuse dei procuratori contro l’uomo politico essendo più che chiare: traffico d’influenza. In particolare, il ministro avrebbe agevolato una trentina di gare pubbliche in cambio di tangenti e della ristrutturazione dal valore di 20.000 euro di un immobile nel centro di Bucarest.

La Procura afferma che una società di Negresti Oas, Lescaci Com SRL, avrebbe “offerto” i lavori di ristrutturazione della casa del ministro (per un valore di 20.000 euro) per “ottenere l’appoggio” di Borbely nell’assegnazione “dei contratti dell’Ente Nazionale delle Acque”. La compagnia ha ottenuto due contratti da 70 milioni di lei (16 milioni di euro) soltanto quest’anno e 37 in tutto dal 2007 ad oggi per un totale di circa 72 milioni di euro di commesse.

I procuratori anti-corruzione hanno iniziato un procedimento penale in questo caso contro l’azionista unico della società, Ioan Ciocan. Un consigliere del ministro, Szepessy Szabolcs, che è stato intermediario tra l’uomo d’affari e il ministro, è stato messo sotto accusa, ma anche Borbely sembrerebbe pesantemente coinvolto..

UDMR continua a sostenere politicamente Borbely e ipotizza che si tratti di una vendetta - in riferimento all’opposizione da parte dell’Unione alla regionalizzazione della Romania.

Inoltre Kelemen Hunor, presidente UDMR, (che è anche ministro della Cultura)
ha annunciato di intendere chiedere al Procuratore Generale della Romania una verifica di un’eventuale “fuga di informazioni” nel caso del fascicolo del ministro Laszlo Borbely, come conseguenza della vera e propria tempesta mediatica suscitata la scorsa settimana. “Non possiamo accettare tali procedure da parte delle istituzioni statali”, ha detto Hunor.

Il ministro dell’Ambiente, Laszlo Borbely, sostiene di essere innocente e afferma che il ministero che dirige non ha mai fatto nessuna discriminazione nei confronti di coloro con i quali vengono firmati i contratti.

“Sono a conoscenza di questi fatti quanto Loro. Non sono coinvolto in alcun modo in questo caso”, ha dichiarato Borbely.

Le cose hanno preso una nuova svolta dopo che il capo DNA, Daniel Morar, ha dichiarato che nel caso in cui Laszlo Borbely, ministro dell’Ambiente, è messo sotto inchiesta per traffico d’influenza, ci sono pressioni politiche sui pubblici ministeri. “Non ho visto la dichiarazione di sostegno da parte del premier, ma ho visto le dichiarazioni di sostegno da parte dei colleghi di partito e degli altri leader dei partiti politici e non posso che notare la ripetizione di alcune situazioni che accadono ultimamente. Questa manifestazione di solidarietà non dovrebbe essere un problema per i pubblici ministeri se tutto si fermasse qui, ma queste forme di solidarietà sono condite con dichiarazioni fatte in totale ignoranza della causa e con delle accuse contro l’istituzione della DNA o contro i procuratori”, ha dichiarato Daniel Morar per TVR.

Secondo la dichiarazione patrimoniale ufficiale, il ministro dell’Ambiente possiede alla moglie un terreno di 450 metri quadrati in Targu Mures e una casa di 140 metri quadrati, costruita nella stessa località, entrambi acquisiti nel 2000.

Laszlo Borbely guida una macchina Lexus, fabbricata nel 2009, il cui prezzo di catalogo è di 50.000 euro. I suoi risparmi ammontano a 135.000 euro.

di Dana Fagarasanu

per saperne di più clicca qui
http://www.sette-giorni.ro/index.php?page=detalii&categorie=romania&id=20110717-1816

2109 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

FREE TO CHOOSE  A LUBIANA PER SUPERARE GLI STEREOTIPI DI GENERE

FREE TO CHOOSE A LUBIANA PER SUPERARE GLI STEREOTIPI DI GENERE

Il 9 luglio la Capitale della Slovenia ospiterà il 4^ meeting transnazionale e il 10 luglio un importante evento di disseminazione del progetto europeo Free to Choose, che vuole superare gli stereotipi di genere nei ragazzi e che prevede l’utilizzo dell’omonimo “gioco da tavolo”, il cui prototipo finale sarà presentato in anteprima europea proprio a Lubiana, con sessioni ludiche per i giovani sloveni.