Venerdì, 13 dicembre 2019 - ore 06.34

Ceresa.Anna Politkovskaja aveva paura?

| Scritto da Redazione
Ceresa.Anna Politkovskaja aveva paura?

Ceresa.Anna Politkovskaja aveva paura? - di Massimo Ceresa
Certo che ne aveva. Anna non era Superman e nemmeno l'Uomo Ragno. Anna Politkovskaja era una donna in carne e ossa, tuttavia non si può negare che, con il passare del tempo, aveva acquistato degli speciali poteri. Più i suoi nemici e denigratori le davano addosso, più lei sembrava rafforzarsi. Veniva minacciata con lettere anonime e si rafforzava; veniva minacciata dal presidente ceceno e si rafforzava; veniva avvelenata dai servizi segreti russi e si rafforzava. Insomma, ai suoi nemici, non restò altra strada che farla fuori del tutto. E così avvenne.
Gli sciocchi pensarono di tapparle la bocca con cinque colpi di pistola, ma niente da fare: Anna parla ancora e fa parlare. È forse bastato un sasso di criptonite per eliminare Superman? No, e lo sanno anche i bambini.
Ciò detto, e sono cose anche piuttosto scontate per chi conosce queste vicende, Anna Politkovskaja era una donna in carne ossa e aveva anche lei paura.
Anna sapeva cosa rischiava. Anna piangeva. Anna aveva promesso ai suoi familiari che, una volta divenuta nonna (lo sarebbe divenuta quattro-cinque mesi dopo il suo omicidio), avrebbe finito di occuparsi di argomenti scottanti. Ma non sopportava l'idea che i suoi figli fossero dei privilegiati e che ad altri bambini fosse negato il diritto di essere tali, di vivere un'infanzia come si deve senza bombe; che ad alcune donne fosse negato il diritto di disporre del proprio corpo, e non fosse concessa la possibilità di perseguire il proprio stupratore; che agli uomini fosse negato di lavorare senza dover necessariamente corrompere qualcuno; che agli studenti fosse negato il diritto di studiare. Insomma tutti quei sacrosanti diritti riconosciuti dalla Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, come dalla Carta costituzionale della Federazione russa ai cittadini ceceni.
Chiedeva troppo?
 

Il testo integrale dell'introduzione di Nando dalla Chiesa è disponibile sul portale e può essere ripreso liberamente citando la fonte ©Infinito edizioni 2010
Per informazioni, Infinito edizioni: 06/93162414
Maria Cecilia Castagna: 320/3524918
Serena Rossi: 340/9131468

© Infinito edizioni 2010 -
Pubblichiamo qui per il piacere dei nostri lettori l'articolo inedito di Massimo Ceresa, autore per Infinito edizioni del libro DANIA E LA NEVE.

 


 

1916 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

EVENTO TEATRALE DEL 23 MAGGIO 2019 ‘Minchia Signor Tenente’ al Teatrino degli Instabili in Assisi (ore 21.00)

EVENTO TEATRALE DEL 23 MAGGIO 2019 ‘Minchia Signor Tenente’ al Teatrino degli Instabili in Assisi (ore 21.00)

In occasione della ricorrenza dell'anniversario della strage di Capaci (PA) compiuta dalla mafia il 23 maggio 1992, dove persero la vita il Giudice Giovanni Falcone e la sua scorta, l’Associazione Teatrale Le Voci di Dentro di Assisi intende organizzare, per il giorno 23 maggio 2019 presso il Teatrino degli Instabili sito in Assisi, un evento teatrale con la messa in scena dello spettacolo “Minchia Signor Tenente” dell’autore Antonio Grosso.