Sabato, 04 dicembre 2021 - ore 04.39

Expo, Coldiretti: settecento agricoltori da Cremona in marcia su Milano

Decine di migliaia di uomini e donne, giovani e anziani da tutte le regioni insieme al Presidente nazionale Moncalvo e al premier Matteo Renzi

| Scritto da Redazione
Expo, Coldiretti: settecento agricoltori da Cremona in marcia su Milano

Settecento agricoltori cremonesi, fra i seimila lombardi, in marcia su Expo a Milano. Si uniranno a decine di migliaia di giovani, donne, uomini e anziani in arrivo dalle campagne italiane per fare conoscere al mondo una realtà da primato per capacità di innovazione, creatività, salvaguardia delle tradizioni, rispetto ambientale e sicurezza alimentare.

Domani, martedì 15 Settembre mattina, si svolge infatti la Giornata dell’Agricoltura italiana promossa da Coldiretti con agricoltori provenienti da tutte le regioni. Una responsabilità testimoniata dalla presenza del Presidente del Consiglio Matteo Renzi, insieme al Presidente nazionale della Coldiretti Roberto Moncalvo. «Sarà un momento per spiegare il nostro progetto di rilancio per il Paese e il ruolo strategico che hanno gli agricoltori nelle politiche di sviluppo dei prossimi anni», spiegano Ettore Prandini, Presidente di Coldiretti Lombardia, e Paolo Voltini, Presidente di Coldiretti Cremona. «Il made in Italy è la grande carta da giocare a livello europeo e internazionale per rafforzare la ripresa e creare posti di lavoro e benessere».

L’appuntamento per i giornalisti è alle ore 09:30 davanti al Padiglione Coldiretti all’inizio del cardo sud all’Expo. Nell’area espositiva saranno allestiti spazi rappresentativi della diversificata realtà dell’agricoltura italiana raccontata attraverso le storie e i volti dei veri protagonisti, che saranno al lavoro per far conoscere le proprie esperienze. Un’occasione unica per toccare con mano la rivoluzione in atto nelle campagne italiane dove per l’attività agricola si sono aperte nuove e straordinarie opportunità imprenditoriali e occupazionali. Dall’agriwellness alla moda, dall’agritata al wedding planner contadino fino alle fattorie sociali, ma anche il ritorno di antichi mestieri come il carbonaio o le nuove filandaie di lino o seta e l’utilizzo nei campi di nuove tecnologie come i droni. Ma ci sarà pure chi oggi in Italia coltiva banane, avocado, passion fruit, bambu e arachidi o produce con successo mondiale caviale made in Italy o ancora ha introdotto coltivazioni specifiche per le tavole degli immigrati insieme agli agricoltori custodi impegnati a conservare da generazioni prodotti con storie millenarie che saranno esposti per l’iniziativa. Nell’occasione sarà presentato lo studio Coldiretti sui primati dell’agricoltura italiana e l’impatto sull’occupazione nel 2015, ma anche il primo bilancio dell’Expo sull’agroalimentare made in Italy.

La mattina sarà arricchita dal momento pubblico di approfondimento all’Open Air Theatre di Expo con il Presidente della Coldiretti Moncalvo al quale ha confermato la presenza il Presidente del Consiglio Renzi, ma interverranno tra gli altri il Ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina, il fondatore di Slow Food Carlo Petrini e il Presidente del comitato scientifico dell’Osservatorio sulle Agromafie Gian Carlo Caselli insieme a rappresentanti del governo e delle istituzioni e responsabili delle forze sociali, economiche, sindacali e politiche.

879 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Expo Coldiretti, il riso Made in Italy conquista l’ Asia con + 44% Export

Expo Coldiretti, il riso Made in Italy conquista l’ Asia con + 44% Export

Con un aumento record del 44 per cento del valore delle esportazioni nel 2015 il riso Made in Italy conquista addirittura l’Asia. E’ quanto è emerso da una analisi della Coldiretti che ha volute dedicare al riso l’ultimo appuntamento della presenza degli agricoltori della Coldiretti ad Expo per ricordare il cereale piu’ consumato al mondo che è anche rappresentativo dell’equilibrio che esiste nell’attività agricola chiamata a svolgere un ruolo multifunzionale che garantisce sicurezza alimentare e sostenibilità ambientale.