Martedì, 21 novembre 2017 - ore 00.00

Il Palermo batte la Cremonese 2-1 Il ruolo dell’arbitro di Giorgio Barbieri

Possibile che la Cremonese debba sempre giocare contro dodici avversari? Anche oggi l'arbitro Abbatista di Molfetta (poi lui è di Bari) ha tolto alla Cremonese la soddisfazione almeno di un pareggio contro il Palermo.

| Scritto da Redazione
Il Palermo batte la Cremonese 2-1 Il ruolo dell’arbitro di Giorgio Barbieri

Il Palermo batte la Cremonese 2-1 Il ruolo dell’arbitro di Giorgio Barbieri

Possibile che la Cremonese debba sempre giocare contro dodici avversari? Anche oggi l'arbitro Abbatista di Molfetta (poi lui è di Bari) ha tolto alla Cremonese la soddisfazione almeno di un pareggio contro il Palermo.

 Era lì a due passi, con visibilità perfetta, quando Struna ha fermato di mano (braccio destro aperto) un tentativo di Croce di portarsi la palla verso il centro dell'area. Impossibile che non abbia visto, impossibile che possa avere considerato involontario quel tocco. A Parma però aveva visto benissimo l'intervento dubbio di Ujkani su Dezi al Tardini non ha avuto dubbi ad assegnare il rigore. E anche quella volta la Cremonese ha perso. Proprio come oggi. Ha fatto bene mister Attilio Tesser a prendere posizione pubblicamente sull'operato di Abbattista, che è riuscito ad ammonire tre grigiorossi e nessun avversario, che ha lasciato fare a Nestorowski gestacci contro la tribuna senza intervenire. E qui bisogna dire che anche il quarto uomo, vicino al macedone (un bambino capriccioso più che un campione), ha fatto finta di nulla. E' vero che il nostro patrono Sant'Omobono (domani la festa cittadina) era uomo generoso e caritatevole. Ma adesso siamo tutti davvero stanchi di fare la parte delle vittime sacrificali, di quelli che prendono botte e non reagiscono mai. L'arbitro può sbagliare, ma è impossibile che succeda sempre contro alcune squadre? La Cremo in questo è in prima fila, un pole positione che lasceremmo volentieri ad altri.

Sfogata la rabbia adesso parlo della partita. Beh, prima di tutto dico che abbiamo una squadra davvero forte, ha giocato dieci volte meglio del quotato Palermo ed ha perso per colpa di un paio di ingenuità e per una bella dose di sfortuna. Questi ragazzi faranno bene in campionato, la sconfitta immeritata di ieri rafforza ancora di più questa mia convinzione. Purtroppo una diagonale difensiva sbagliata dopo il vantaggio di Claiton e secondo me una indecisione del portiere (il tiro di Rispoli non era forte e la palla è entrata sul suo palo) hanno regalato il pari ai rosanero solo due minuti dopo l'1-0. E il secondo gol palermitano è arrivato con la difesa schierata e in superiorità numerica non si può lasciare libero un uomo appena un paio di metri più su del dischetto. Ma la partita l'hanno fatta sempre i grigiorossi e nel finale Tedino è stato costretto a mettere cinque o sei uomini in linea a difendere. Il gol non è arrivato. Almici ha colpito il palo, Pesce ha costretto Pomini alla parata della vita, Cavion ha sfiorato di testa la traversa. E loro parlano di vittoria meritata? Senza questo arbitro non sarebbe finita così. Ormai ci siamo abituati. Ma alla fine chi è forte non deve temere nessuno.

723 visite

Articoli correlati