Venerdì, 12 agosto 2022 - ore 17.33

L’esposizione all’inquinamento causa il 10% dei casi di cancro in Europa

La buona notizia è che questi rischi sono prevenibili. Le politiche Ue ci sono, vanno attuate

| Scritto da Redazione
L’esposizione all’inquinamento causa il 10% dei casi di cancro in Europa

Gli inquinanti nell’ambiente e sul posto di lavoro, così come alcuni rischi naturali, hanno un enorme impatto sulla nostra salute e in alcuni casi causano il cancro. A confermarlo è il nuovo rapporto “Beating cancer — the role of Europe’s environment” pubblicato dall’European Environment Agency (EEA), ha studiato per la prima volta i legami tra cancro e ambiente, esaminando le ultime prove scientifiche sull’inquinamento atmosferico, il radon, le radiazioni ultraviolette, il fumo passivo e le sostanze chimiche e stima che «I rischi ambientali e occupazionali siano alla base di circa il 10% dei casi di cancro in Europa».

L’EEA ricorda che «Con quasi 3 milioni di nuovi pazienti e 1,3 milioni di decessi ogni anno in tutta l’Unione europea, il cancro ha un impatto enorme sulla nostra società. Anche i costi economici sono enormi, stimati in circa 178 miliardi di euro nel solo 2018, ma secondo lo studio «La maggior parte di questi rischi ambientali e di cancro sul lavoro può essere ridotta prevenendo l’inquinamento e modificando i comportamenti. La riduzione dell’esposizione a questi rischi offre un modo efficace ed economico per ridurre i casi di cancro e le morti associate».

Per quanto riguarda più nello specifico l’Italia, i dati messi a disposizione dall’Agenzia mostrano che il 3,47% dei decessi prematuri legati a casi di cancro può essere attribuito all’esposizione ad inquinamento atmosferico e radon.

Il commissario europeo per l’Ambiente, la pesca e gli oceani. Virginijus Sinkevičius, ha commentato: «Il rapporto dell’EEA evidenzia che troppi casi di cancro hanno una causa ambientale sottostante. La buona notizia è che possiamo agire ora per ridurre l’inquinamento e prevenire le morti. Con l’ambizione Zero Pollution del Green Deal europeo, possiamo offrire vantaggi economici per la prevenzione del cancro riducendo l’esposizione a inquinanti nocivi. Ciò che è meglio per l’ambiente è anche meglio per noi».

L’EEA elenca tutti i rischi ambientali legati all’insorgenza di cancro:

L’inquinamento atmosferico (sia indoor che outdoor) è legato a circa l’1% di tutti i casi di cancro in Europa e causa circa il 2% di tutti i decessi per cancro. Per i soli tumori polmonari, questo sale al 9% dei decessi. Studi recenti hanno rilevato associazioni tra l’esposizione a lungo termine al particolato, un inquinante atmosferico fondamentale, e la leucemia negli adulti e nei bambini.

Anche il radon e le radiazioni ultraviolette contribuiscono in modo significativo al carico di cancro in Europa. L’esposizione indoor al radon è collegata fino al 2% di tutti i casi di cancro e a un caso di cancro ai polmoni su dieci in Europa. Le radiazioni ultraviolette naturali possono essere responsabili fino al 4% di tutti i casi di cancro in Europa. In particolare, l’incidenza del melanoma, una grave forma di cancro della pelle, è aumentata in tutta Europa negli ultimi decenni.

L’esposizione al fumo passivo può aumentare il rischio complessivo di tutti i tumori fino al 16% nelle persone che non sono mai state fumatrici. Circa il 31% degli europei è esposto al fumo passivo di tabacco a casa, al lavoro, durante il tempo libero, nelle istituzioni educative o in ambienti pubblici.

Alcune sostanze chimiche utilizzate nei luoghi di lavoro europei e rilasciate nell’ambiente sono cancerogene e contribuiscono a provocare il cancro. Inoltre, è noto o sospettato che molte di queste sostanze chimiche inducano il cancro in più organi, inclusi piombo, arsenico, cromo, cadmio, acrilammide, pesticidi, bisfenolo A e sostanze alchiliche per e polifluorurate (PFAS).

Tutte le forme di amianto sono ben note cancerogene, associate a mesotelioma e tumori polmonari, nonché tumori della laringe e delle ovaie. Sebbene l’UE abbia vietato l’amianto nel 2005, esso rimane presente negli edifici e nelle infrastrutture, causando l’esposizione dei lavoratori coinvolti nei lavori di ristrutturazione e demolizione. Inoltre, i tumori continuano a manifestarsi molti anni dopo l’esposizione, con l’amianto che si stima rappresenti il ​​55-88% dei tumori polmonari professionali.

Stella Kyriakides, Commissaria Ue per la Salute e la sicurezza alimentare, ha sottolineato che «Ogni anno in Europa si stima che oltre un quarto di milione di vite vadano perse a causa di un cancro legato all’ambiente. Prevenire sarà sempre meglio che curare e, nell’ambito del Piano europeo per combattere il cancro, ci siamo impegnati a fondo per ridurre i contaminanti nell’acqua, nel suolo e nell’aria. Solo questa settimana abbiamo presentato una proposta fondamentale nell’ambito della nostra strategia Farm to Fork per ridurre l’uso di pesticidi del 50% entro il 2030. I risultati dell’Agenzia europea dell’ambiente mostrano molto chiaramente come la salute del nostro pianeta e la salute dei nostri cittadini siano strettamente legate interconnesso. Dobbiamo lavorare con la natura, non contro di essa».

L’unione europea ha messo già in atto politiche all’avanguardia rispetto al resto del mondo:

Il Piano europeo per combattere il cancro riconosce il ruolo dei rischi ambientali e occupazionali nella guida del cancro e il potenziale per salvare vite umane attraverso strategie di prevenzione efficaci. In linea con questo obiettivo, il piano d’azione per l’inquinamento zero mira a ridurre l’inquinamento dell’aria e dell’acqua, con l’obiettivo di ridurre l’esposizione umana all’inquinamento ambientale e ridurre gli impatti sulla salute, compreso il carico ambientale e lavorativo del cancro.

L’Ue ha già adottato misure severe sull’inquinamento atmosferico, ai sensi della direttiva sugli impegni nazionali di riduzione delle emissioni (NEC) e delle direttive sulla qualità dell’aria ambiente , che fissano gli standard di qualità dell’aria per l’Europa. La Commissione Europea ha avviato una  revisione delle direttive sulla qualità dell’aria ambiente  , con l’obiettivo, tra l’altro, di allineare maggiormente gli standard di qualità dell’aria con le ultime linee guida sulla qualità dell’aria dell’Organizzazione mondiale della sanità.

La strategia chimica per la sostenibilità mira a vietare le sostanze chimiche più dannose nei prodotti, comprese quelle che causano il cancro, e a promuovere l’uso di sostanze chimiche sicure e sostenibili in base alla progettazione .

Sul radon, la direttiva sulle norme fondamentali di sicurezza ha introdotto requisiti giuridicamente vincolanti sulla protezione dall’esposizione alle sorgenti di radiazioni naturali. Incarica gli Stati membri dell’UE di stabilire piani d’azione nazionali contro il radon. Altre azioni dell’Ue comprendono il coordinamento degli sforzi europei per contrastare il fumo passivo e la sensibilizzazione sui pericoli delle radiazioni ultraviolette.

Il direttore esecutivo dell’EEA, Hans Bruyninckx, ha concluso: «Vediamo l’impatto dell’inquinamento nel nostro ambiente sulla salute e sulla qualità della vita dei cittadini europei ed è per questo che prevenire l’inquinamento è così cruciale per il nostro benessere. La riduzione dell’inquinamento attraverso il piano d’azione dell’Ue per l’inquinamento zero e la strategia chimica per la sostenibilità, nonché una forte attuazione di altre politiche dell’Ue esistenti, farebbero molto per ridurre i casi di cancro e le morti. Questo sarebbe un investimento efficace per il benessere dei nostri cittadini».

433 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria