Sabato, 27 febbraio 2021 - ore 17.07

Lombardia Imballata:troppo beghe Pdl-Lega

| Scritto da Redazione
Lombardia Imballata:troppo beghe Pdl-Lega

I gruppi di opposizione scatenano la protesta: in Aula non si lavora, in commissione non viene nessuno. E i cittadini attendono
Le scaramucce più o meno amorose di Pdl e Lega mettono in crisi non solo il 'matrimonio' di maggioranza, ma l'attività istituzionale stessa di Giunta e consiglio regionale. A farne le spese è la gestione stessa di un'intera regione, bloccata a livello istituzionale, ferma nella sua attività legislativa, imballata su questioni di peso. La denuncia viene dai gruppi di opposizione in consiglio regionale che per due giorni di seguito hanno dovuto alzare la voce, in incontri pubblici con la stampa, arrivando anche ad azioni dimostrative, per dare la sveglia a una coalizione ormai alla frutta. Pazienza, hanno detto i consiglieri di minoranza: vi chiarirete fuori dal palazzo. Ma qui, facciamo tutti insieme il nostro dovere. E in tempi di costi della politica e di opinione pubblica inviperita su tutto, sembrerebbe quanto meno necessario dare il buon esempio.
Così, un martedì di Aula i capigruppi di opposizione hanno fatto la loro prima denuncia: il consiglio regionale lavora con il freno a mano tirato dall'inizio della legislatura e ancor più negli ultimi mesi. I numeri sono eloquenti: nel 2011 l'assemblea si è riunita solo 13 volte, di cui 3 nell'ultima settimana, e ha approvato solo 10 leggi. Poche anche le sedute di commissione, mentre la Giunta ha approvato dall'inizio della legislatura 1940 delibere, quando nello stesso periodo della legislatura precedente ne aveva approvate 2800.
"Il consiglio lavora troppo poco - ha dichiarato senza mezzi termini Luca Gaffuri, capogruppo Pd - e si riunisce quasi solo per mozioni e interrogazioni e per progetti di legge la cui approvazione è dovuta al recepimento di norme nazionali o europee. In un momento di crisi economica come questo si dovrebbero fare politiche innovative per rilanciare l'economia. C'è anche una debolezza di Formigoni che al suo quarto mandato manca di dinamismo anche perché ambisce ad altri ruoli che però non gli vengono affidati".
E il giorno dopo ha dovuto praticamente ripetersi, causa un atteggiamento della Lega ben poco ortodosso: da qualche tempo il Carroccio non si presentava ai lavori delle sedute di commissione, quelli che precedono l'Aula e sono fondamentali per il funzionamento della macchina amministrativa. Anzi, per la precisione, i leghisti si limitavano a firmare il foglio presenze, in modo da non perdere la diaria, e poi sparivano. Per protesta, certo, a causa, pare, di un'offesa ricevuta dal capogruppo del Pdl che, complice l'azione dell'opposizione, dopo poche ore ha chiesto scusa al partner leghista. Ma intanto, ai partiti di minoranza è toccato reiterare la protesta abbandonando essi stessi le commissioni: così non si può andare avanti, hanno detto, in ballo c'è l'assestamento di bilancio da approvare entro luglio ed è ora che la maggioranza e il suo presidente Formigoni si chiariscano.
Con l'aggravante che, appunto, "la Lega decide di scioperare per protesta contro il Pdl, ma firma la presenza percependo la diaria. Ma se un qualsiasi lavoratore sciopera, perde lo stipendio di quel giorno - ha ricordato sempre Gaffuri -. Oltre tutto per il Pdl il leit motiv non è tanto diverso: i consiglieri firmano, qualcuno rimane, la gran parte abbandona la sala commissioni. Così abbiamo deciso di andarcene anche noi, almeno per un giorno, per chiamare alle loro responsabilità Pdl e Lega e soprattutto il presidente Formigoni. Ci devono dire se esiste ancora una maggioranza e se riescono a garantire l'attività del Consiglio e della Regione in generale". A chiosa Alessandro Alfieri, vicesegretario regionale del Pd, ha aggiunto: "C'è un dato politico che va oltre le beghe locali di Pdl e Lega ed è il riverbero di una manovra finanziaria pesante che verrà scaricata a livello locale. Viviamo, cioè, anche qui le conseguenze delle difficoltà della coalizione a livello nazionale. Oltre tutto in un momento in cui si parla di bilancio, il documento finanziario che doveva tradurre in realtà tante promesse fatte da Formigoni in campagna elettorale. I problemi politici Pdl e Lega devono affrontarli fuori dalle istituzioni: qui ci si concentri sulle priorità dei cittadini lombardi".

fonte: http://www.pdregionelombardia.it/novita7ggdettaglio.asp?ID=3682

1268 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria