Lunedì, 16 dicembre 2019 - ore 14.01

Sportelli consolari? Funzionano!

| Scritto da Redazione
Sportelli consolari? Funzionano!

Sportelli consolari? Funzionano!
di  Pepe Tarresto
Sono trascorsi ormai due mesi dall'apertura degli Sportelli consolari a Norimberga e a Saarbrücken.
Momento buono per un primo bilancio. Ricordiamo ai lettori che dopo petizioni, interrogazioni parlamentari, manifestazioni di protesta in massa per impedire la chiusura dei Consolati nelle due città, il Ministero degli affari esteri ha concesso la grazia degli sportelli consolari in queste due circoscrizioni dove vivono, lavorano e tengono alto il nome dell'Italia due collettività che insieme contano quasi 60.000 connazionali. È valsa la pena lottare? Sembra di si.
I Comites delle due circoscrizioni hanno alzato la voce seguiti in coro dai Parlamentari eletti nella circoscrizione estero. I soliti, ma efficaci nomi: Micheloni, Narducci, Garavini e il più insistente e caparbio di tutti, Aldo Di Biagio. Per le strade di Norimberga, Mannheim, Saarbrücken e Amburgo abbiamo invece cercato invano nei cortei di protesta le facce dei consiglieri Cgie eletti in Germania, ad eccezione di Mauro Montanari. Questa la sintesi del retroscena. Vediamo ora la situazione attuale.
Da un giro di telefonate nelle due circoscrizioni al Comites, enti gestori, associazioni ed altre entità italiane sul posto, l'impressione è univoca: gli sportelli funzionano. Gli impiegati a contratto in servizio a Saarbrücken e Norimberga raccolgono le domande di rilascio dei passaporti e delle carte d'identità, si occupano degli atti notarili (ad eccezione delle procure speciali e generali e non si capisce il perchè, visto che altrove si fanno) dello stato civile, dell’ anagrafe, della cittadinanza e, soprattutto, sono sul posto per l'assistenza di ogni genere ai connazionali in situazioni d’emergenza.
Lavoro molto intenso, ma svolto con serenità (ce lo conferma anche Giovanni Di Rosa, presidente del Comites di Saarbrücken). In queste due nuove entità consolari sembrano emergere in maniera più evidente, capacità, preparazione e routine degli impiegati a contratto (italiani e tedeschi assunti sul posto).
A Norimberga e Saarbrücken sembra inoltre particolarmente riuscita la formula dello sportello polifunzionale. Visto che la massa del lavoro consiste nelle richieste di rilascio della carta d’identità e del passaporto, tutti gli impiegati sono incaricati a ricevere queste domande, evitando lunghe file e snervanti attese. Il sistema dei compartimenti stagni ancora in atto (purtroppo) presso vari consolati “veri” è decisamente fallimentare. Questa breve indagine dimostra per il momento due cose: che vale la pena lottare per il mantenimento dei servizi consolari e che la presenza di impiegati in carne ed ossa è inevitabile. Ma, come Martin Luther King, anche l’ambasciatore Massolo, segretario generale del Ministero degli affari esteri, ha un sogno. Il suo sogno è quello del consolato digitale, a distanza, tutto telematico.
L'alto funzionario sogna l'Italiano in Germania che esce dalla fabbrica o dal cantiere, o la pensionata settantenne con il laptop sotto il braccio pronti a chiedere a distanza il proprio passaporto, la carta d’identità, la delega o un sussidio. Ma nemmeno l'ambasciatore Massolo è riuscito a spiegare come si fa a prelevare a distanza la prescritta impronta digitale per i passaporti. A Sua eccellenza forse sfugge anche l'obbligo di firmare la propria carta di identità in presenza del funzionario addetto. Nemmeno mister Spock, quello con le orecchie appuntite dell’astronave Enterprise, riuscirebbe a smaterializzare il proprio dito per spedirlo via internet al consolato più vicino. Come ci devono riuscire i lavoratori all'estero?
Chissà, forse il sogno dell’ambasciatore Massolo si avvererà, ma dovranno passare ancora alcuni lustri e nel frattempo andremo tutti in giro con carte di identità in cui è trascritto “europea” alla voce cittadinanza. Lo Sportello consolare, cioè la presenza fisica dell'ufficio consolare è pertanto al momento indispensabile e, se proprio vogliamo, lo strumento ideale per la realizzazione di questi ministeriali sogni.

per saperne di più clicca qui:
-- http://www.corritalia.de/Dettaglio.26+M5fd92057106.0.html

1592 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

FREE TO CHOOSE  A LUBIANA PER SUPERARE GLI STEREOTIPI DI GENERE

FREE TO CHOOSE A LUBIANA PER SUPERARE GLI STEREOTIPI DI GENERE

Il 9 luglio la Capitale della Slovenia ospiterà il 4^ meeting transnazionale e il 10 luglio un importante evento di disseminazione del progetto europeo Free to Choose, che vuole superare gli stereotipi di genere nei ragazzi e che prevede l’utilizzo dell’omonimo “gioco da tavolo”, il cui prototipo finale sarà presentato in anteprima europea proprio a Lubiana, con sessioni ludiche per i giovani sloveni.