Venerdì, 03 dicembre 2021 - ore 02.33

10 mila bambini uccisi o mutilati dall'inizio dei combattimenti in Yemen

10 mila bambini uccisi o mutilati dall'inizio dei combattimenti in Yemen

| Scritto da Redazione
10 mila bambini uccisi o mutilati dall'inizio dei combattimenti in  Yemen

“Il conflitto nello Yemen ha appena raggiunto un altro vergognoso risultato: 10.000 bambini sono stati uccisi o mutilati dall'inizio dei combattimenti nel marzo 2015, vale a dire quattro bambini ogni giorno. Questi sono naturalmente solo i casi che l'ONU ha potuto verificare. Molti altri bambini morti e feriti non vengono registrati". A parlarne è stato James Elder, Former Chief of Unit dell’UNICEF, alla conferenza stampa di oggi, 19 ottobre, al Palazzo delle Nazioni a Ginevra, in seguito alla sua recente missione sul campo in Yemen.

Alcuni numeri della tragedia: 4 bambini su 5 hanno bisogno di assistenza umanitaria, ovvero oltre 11 milioni di bambini; 400.000 bambini soffrono di malnutrizione acuta grave; Oltre 2 milioni di bambini non vanno a scuola. Altri 4 milioni sono a rischio di abbandono; 2 insegnanti su 3 – oltre 170.000 – non stanno ricevendo uno stipendio regolare da oltre 4 anni; 1,7 milioni di bambini sono sfollati interni a causa di violenze. Con l’intensificarsi delle violenze, in particolare attorno a Marib, un numero maggiore di famiglie scappa dalle loro case; Un numero impressionante di 15 milioni di persone (più della metà delle quali sono bambini - 8,5 milioni) non hanno accesso all'acqua potabile e ai servizi igienico-sanitari.

“Sono tornato ieri da una missione sia nel nord che nel sud dello Yemen - ha spiegato Elder -. Ho incontrato decine di bambini, molti sono stati di ispirazione; tutti sofferenti. Ho incontrato pediatri, insegnanti, infermieri – tutti hanno condiviso storie personali che riflettono quelle del loro paese: sono sull’orlo del collasso totale. La crisi umanitaria dello Yemen – la peggiore al mondo – rappresenta una tragica convergenza di quattro minacce: un conflitto violento e protratto, devastazione economica, servizi distrutti per ogni sistema di supporto – ovvero salute, nutrizione, acqua e servizi igienico-sanitari, protezione e istruzione – e una risposta delle Nazioni Uniti criticamente sottofinanziata. Agli attuali livelli di finanziamento, e senza la fine dei combattimenti, l'UNICEF non può raggiungere tutti questi bambini. Non c'è altro modo per dirlo - senza un maggiore sostegno internazionale, un numero maggiore di bambini - quelli che non hanno alcuna responsabilità per questa crisi - moriranno”.

Eppure, l'UNICEF, per quanto visto e poi dichiarato da Elder, “sta avendo un impatto”: “stiamo sostenendo il trattamento della malnutrizione acuta grave in 4.000 strutture sanitarie primarie e 130 centri di alimentazione terapeutica; l'UNICEF sta fornendo trasferimenti di emergenza in denaro a 1,5 milioni di famiglie ogni trimestre - a beneficio di circa 9 milioni di persone; stiamo fornendo acqua potabile a più di 5 milioni di persone; stiamo rispondendo alla pandemia da COVID-19, con la consegna di vaccini contro il COVID-19 attraverso l'iniziativa COVAX; stiamo fornendo supporto psicosociale, formazione sui rischi connessi alle mine e assistenza diretta ai bambini più vulnerabili, compresi quelli che sono sopravvissuti a ferite di guerra; attraverso la formazione dell'UNICEF e il dispiegamento di migliaia di operatori sanitari di comunità, più di due milioni di persone in zone rurali remote hanno accesso ai servizi sanitari; e solo quest'anno abbiamo aiutato 620.000 bambini ad accedere all'istruzione formale e non formale; e abbiamo fornito vaccini - compresa una campagna antipolio che ha raggiunto più di cinque milioni di bambini”. (aise) 

145 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria